Header Ads

Il mercato elettronico della pubblica amministrazione MEPA

Cos'è il MEPA

Si chiama MEPA, tranquilli non è una nuova malattia asiatica bensì l’acronimo di Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione. 
Noi di edilizia in un click abbiamo voluto analizzare come funziona e quali opportunità fornisce questo nuovo strumento informatico.


MEPA ha rivoluzionato le procedure di acquisto degli enti pubblici

Istituito nel 2010 il mercato elettronico della pubblica amministrazione ad oggi conta 649.730 ordini elettronici di acquisto effettuati, per un complessivo totale di spesa pari a 2.040 milioni di euro. Nel 2015 gli ordini effettuati tramite MEPA dalle pubbliche amministrazioni sono stati il 50% del totale (significa che 1 oggetto/servizio su 2 sono acquistati tramite questo mercato).
I numeri confermano che lo strumento è particolarmente apprezzato dalle pubbliche amministrazioni come i Comuni e gli enti pubblici, principalmente per la semplificazione delle procedure di gara, aggiudicazione e acquisto.
Il portale infatti funziona come una sorta di Amazon della pubblica amministrazione, le imprese registrate e certificate possono mettere in vendita i loro prodotti tramite appositi “cataloghi” e questi possono essere acquistati direttamente dalla pubblica amministrazione.

I vantaggi del sistema di acquisto elettronico

Il portale MEPA è un vantaggio per entrambe le parti per le aziende che vendono e per le amministrazioni che comprano.
Per chi compra (amministrazioni)
Per chi vende (aziende)
         Procedura di acquisto semplificata
        Imprese già verificate e certificate
       Riduzione dei tempi di aggiudicazione
      Riduzione dei costi di gestione
      Concorrenza tra le aziende del portale
      Controllo più preciso della spesa
      Vendita diretta
   
Possibilità di scegliere in quale regione o provincia vendere i propri prodotti o servizi
  
    Aggiudicazione meritocratica in base ai prodotti o servizi messi in vendita

Chi può iscriversi al MEPA e cosa si può vendere

Al MEPA si possono registrare tutte le imprese, artigiani o liberi professionisti purchè regolarmente iscritti presso la camera di commercio. 

L’azienda che si registra deve però appartenere ad una delle categorie merceologiche presenti a sistema. Ad oggi le categorie sono:

Alimenti, ristorazione e buoni pasto
Arredi e complementi di arredo
Beni e servizi al territorio
Beni e servizi per gli Immobili (compresi lavori di manutenzione)
Beni e servizi per la Sanita'
Beni e servizi per le persone
Cancelleria, macchine per ufficio e materiale di consumo
Combustibili, carburanti e lubrificanti
Energia elettrica e gas naturale
Hardware e Software e servizi ICT
Servizi di informazione
Servizi postali, assicurativi, finanziari e di riscossione
Servizi professionali (compresi servizi svolti da geometri, architetti, ingegneri)
Servizi sociali
Soluzioni per la scuola
Telecomunicazioni, elettronica e servizi accessori
Veicoli

I prodotti o servizi che si possono vendere alle pubbliche amministrazioni sono tutti quelli che fanno parte delle categorie merceologiche sopra riportate.
L’azienda carica il proprio listino prezzi chiamato “catalogo prodotti” dal quale l’amministrazione può acquistare direttamente il prodotto che necessita.
Qualora il prodotto o servizio non fosse reperibile dal listino l’amministrazione ha la possibilità di richiedere l’offerta alle ditte registrate al MEPA e successivamente avviare una procedura di gara o un affidamento diretto.

MEPA uno strumento sconosciuto a molte aziende

Se gli enti pubblici sono venuti a conoscenza facilmente di questo strumento non si può certo dire lo stesso per le aziende. I dati riportati sul sito del portale dicono che di oltre 6 milioni di imprese italiane solo poco meno di 55.000 sono registrate e abilitate.
Vi chiederete, come mai uno strumento così vantaggioso viene utilizzato da così poche aziende?
Abbiamo posto la domanda al responsabile dell’azienda Starbuild.it Il quale spiega come i motivi principali siano la scarsità di informazione sul sistema, sui vantaggi e sulle procedure di registrazione oltre a una impostazione all’antica di alcune aziende che non vogliono saperne di tecnologia e internet.
Nessuno dunque si sarebbe preoccupato di informare ufficialmente le aziende di questa ulteriore possibilità. E molte sarebbero ancora impostate per partecipare a gare d’appalto con tutte le problematiche, difficoltà e pratiche burocratiche ad esse connesse.

Come iscriversi al MEPA

Vediamo dunque ora come entrare in questo mercato usufruendo di tutti i servizi messi a disposizione da esso. Si può iscrivere l’azienda direttamente dal portale inserendo i dati aziendali e scegliendo la categoria merceologica di appartenenza. Al termine della registrazione "base" c’è un secondo passaggio che prevede la selezione di un bando smaterializzato al quale partecipare allegando ulteriori documenti societari e aggiungendo i propri prodotti. Qualche giorno dopo la conclusione della procedura, viene fatta una verifica da parte del portale MEPA e se tutto è corretto si riceve una mail di conferma con l’abilitazione dell’azienda.
Oltre al metodo di iscrizione “fai da te” appena visto, ci sono delle società che con poche centinaia di euro eseguono tutte le procedure e offrono assistenza all’azienda che si vuole iscrivere. Di seguito riportiamo il link alla pagina dell’azienda Starbuild.it che offre un servizio di registrazione chiavi in mano:




Nessun commento

Starbuild.it. Powered by Blogger.