Header Ads

Il Curtain Wall (la facciata continua): caratteristiche, usi e vantaggi

Il curtain wall (in inglese curtain, tenda e wall, muro) è un sistema costruttivo prefabbricato di tamponatura esterna che consente la realizzazione di facciate continue autoportanti “appese” in edifici a ossatura in acciaio o cemento armato. Il Curtain Wall nasce grazie all’utilizzo delle strutture a telaio nella seconda metà dell’800 per poi svilupparsi, agli inizi del 1900. Grazie all’impiego di materiali come l’acciaio ed il calcestruzzo armato, è andata divenendo una tecnologia che ha caratterizzato l’architettura moderna e contemporanea.
mies van der rohe
Particolare della facciata continua del Seagram Building a New York – arch. Mies Van Der Rohe
(Fonte: interactive.wttw.com)
Il curtain-wall è composto da una struttura di sostegno in profilati metallici (acciaio inossidabile, alluminio, ecc.), collegata alla struttura resistente dell'edificio per mezzo di ancoraggi, e da pannelli che possono essere di tipo sandwich costituiti da uno strato di materiale isolante compreso fra due lastre sottili di lamierino o materiale plastico, oppure di vetro. I pannelli possono essere autoportanti e collegati direttamente, oppure intelaiati. Il collegamento dei pannelli tiene conto delle diverse dilatazioni termiche dei materiali; l'esecuzione delle sigillature dei giunti garantiscono l'impermeabilità all'acqua e all'aria.

Curtain Wall: cenni storici

L'origine prima del curtain-wall è da ricercarsi nell'avanzamento e nello sviluppo della tecnologia costruttiva delle strutture a scheletro dalla metà del sec. XIX in poi (acciaio e più tardi cemento armato). Il successo del Curtain Wall si deve soprattutto all’utilizzo della prefabbricazione, sviluppatasi nel primo ventennio del 1900, una metodologia costruttiva conosciuta ed impiegata in Europa da nomi illustri dell’architettura contemporanea, basti ricordare le Officine Fagus di Gropius-Meyer ad Alfeld in Germania; l'edificio del Bauhaus di Walter Gropius a Dessau; il padiglione svizzero della Cité Universitarie di Le Corbusier a Parigi, ecc.
walter gropius
Edificio del Bauhaus a Dessau Germania – arch. Walter Gropius
(Fonte: uxplanet.org)
È però nel secondo dopoguerra che tutte le possibilità del curtain-wall sono state perfezionate, studiate e approfondite fino in fondo, dando luogo a importanti progetti, soprattutto negli Stati Uniti con la Lever House di Skidmore, Owings e Merril a New York, l'Alcoa Building di Harrison e Abramovitz a Pittsburg e forse il più noto Seagram Building di Mies van der Rohe a New York. Il curtain wall diventa uno degli elementi caratterizzanti e nel contempo più significativi dell'architettura moderna e contemporanea sfruttando i suggerimenti della produzione in serie.  
mies van der rohe
Seagram Building a New York – Mies Van Der Rohe
(Fonte: archdaily.com)

Quali sono gli elementi caratterizzanti del Curtain Wall

In sostanza il Curtain Wall è un sistema di tamponamento esterno che permette la realizzazione di facciate continue autoportanti. Normalmente il materiale più impiegato è il vetro, il quale viene agganciato ad una struttura in montanti e traversi metallici, a loro volta fissati alla struttura sottostante. Oggi giorno si utilizzano anche pannelli isolati tipo “sandwich” o pannelli fotovoltaici.
Sistema per facciata continua moderna 
(Fonte: twop.us)
A tal proposito, gli elementi caratterizzanti delle facciate continue sono:
- Struttura portante composta da montanti verticali ed orizzontali i quali possono essere autoportanti o, come spesso accade, ancorati alla struttura principale. Sono caratterizzati da peculiarità estetiche ben definite e o dimensionati per poter resistere a forti raffiche di vento.
- Pannellatura vetrata composta da vetro singolo o basso emissivo (doppia e tripla camera), al quale possono essere abbinate pellicole protettive e/o riflettenti (tipo ai raggi UV) oppure celle fotovoltaiche nei sistemi “vetro-vetro”.
- Guarnizioni e giunti: vengono impiegate lastre di vetro dal grande formato grazie all’utilizzo del silicone strutturale, il quale permette di giuntare le vetrate con il minimo impatto visivo ed una soluzione di continuità dal forte impatto estetico.
- Elementi schermanti fissi o mobili: possono essere esterni o integrati nella vetrata (sia internamente al vetrocamera che tra “pelle e pelle”. Tali sistemi gestiscono l’apporto di luce ma anche la quantità di raggi solari (scaldanti) che possono arrivare alle postazioni di lavoro. Permettono il regolare afflusso di ventilazione naturale o ne limitano il passaggio. 

Curtain Wall applicata nell'architettura moderna

I sistemi di facciate continue (Curtain Wall) sono progettati con un telaio in alluminio e infusi con vetro, che fornisce una finitura contemporanea, oltre a fornire luce naturale nell'edificio. Il vetro è il materiale più impiegato in quanto le facciate continue storicamente vengono impiegate in edifici terziari o dove le attività presenti richiedono molta luce per lavorare. Per questo motivo la ricerca in questo campo ha iniziato a sperimentare l’utilizzo di materiali alternativi quali il policarbonato ed i cuscinetti ETFE, al fine di garantire un certo livello di trasparenza e luminosità interna. Sempre recentemente il Curtain Wall si è evoluta in strutture a doppia pelle, che permettono la creazione di camere di ventilazione naturale (facciate ventilate) le quali regolano il calore in estate e l’umidità in inverno oltre che regolare, tramite l’ausilio di frangisole, l’illuminazione interna ai locali.
Sede Manens Tifs a Padova
(Fonte: manens-tifs.it)
La facciata continua è divenuta nel tempo elemento distintivo di modernità ma anche di importanza e non a caso gli edifici di rappresentanza utilizzarono largamente questa tecnologia. L’evoluzione dei materiali ha permesso di abbinare funzioni “comunicative” prima non possibili e le facciate, oggi, diventano manifesti e mezzi di comunicazione significativi della politica aziendale o culturale custodita all’interno dell’edificio.

I vantaggi del Curtain Wall

La funzione principale del Curtain Wall è quella di proteggere la struttura sottostante dagli agenti atmosferici. Questa sua peculiarità è abbinata ad un assemblaggio a secco ed ad una struttura leggera che permette la sostituzione delle parti danneggiate in tempi brevi e con costi ben precisi. 
Grazie alla prefabbricazione la realizzazione di un Curtain Wall è piuttosto veloce, anche se richiede manodopera specializzata, abbassando i costi di montaggio, i tempi di realizzazione e soprattutto facilitando le operazioni di manutenzione. Il Curtain Wall presenta quindi vantaggi di economicità dovuti alla rapidità di montaggio dei pannelli al peso limitato, allo spessore ridotto e alla possibilità di produzione industriale. 
renzo piano
Facciata continua a montanti e traversi in alluminio e vetro – Harvard Art Museum arch. Renzo Piano
(Fonte: .archiexpo.com)

Nessun commento

Starbuild.it. Powered by Blogger.