Header Ads

Tipologie di grondaie e caratteristiche tecniche

Le grondaie ed i pluviali sono un elemento necessario per convogliare le acque pluviali, dalla copertura di un edificio al suolo. Conosciamo le tipologie in commercio ed i materiali da cui sono costituite.

Esistono molte tipologie di grondaie e per effettuare la scelta corretta occorre analizzare le condizioni meteorologiche del luogo in cui saranno installate e la tipologia di tetto. Per quanto riguarda la forma possiamo distinguere tra grondaie semitonde, quadrate ed ondulate. Le prime sono senza dubbio le più diffuse e le troviamo nella maggior parte dei tetti; quelle quadrate e quelle ondulate sono un po’ più particolari.
Le grondaie sono disponibili in diversi materiali con caratteristiche differenti e di ciascuno di essi è bene valutare la durevolezza, la resistenza alle intemperie, i vantaggi, gli svantaggi ed ovviamente il prezzo.
tipologie grondaie
Tipi di sezione adottate per i canali di gronda in lamiera di rame o acciaio zincato. La sezione più usata è quella semicircolare. Le altre comportano un maggior impiego di materiale a parità di sezione, oltre a maggiori difficoltà di collegamento
(Fonte: tm-drevkov.ru/)

Il canale di gronda: a cosa serve 

I canali di gronda servono per la raccolta e lo smaltimento delle acque piovane. I canali di gronda sono posati in opera con pendenza sufficiente a trasferire l’acqua verso i tubi di discesa, detti pluviali.
I canali di gronda e le grondaie possono essere realizzate con varie soluzioni e materiali, ed esistono varie tipologie tra le quali si possono ricordare: 
- Canali di gronda di lamiera zincata e verniciata, rame, acciaio inox
- Canali di gronda in PVC
- Canali di gronda formati da cornicione di calcestruzzo armato.
I pluviali sono realizzati con tubazione di lamiera zincata, rame, acciaio inox oppure di materiale plastico. Possono essere installati all'esterno delle facciate oppure in vani predisposti all'interno delle pareti perimetrali.
grondaie in lamiera zincata
Grondaie e pluviali in lamiera zincata
(Fonte: blog.edilnet.it/)
Quando i canali di gronda o i pluviali si ostruiscono è bene correre subito ai ripari per evitare danni più seri. Ci accorgiamo che il canale di gronda è intasato quando, dopo una pioggia, l'acqua fuoriesce e rabbocca. Questo è il segno evidente che qualcosa impedisce il normale deflusso e quindi è necessaria un'opera di pulizia. Le grondaie esposte a nord sono quelle più a rischio in quanto godendo di meno esposizione al sole i materiali che si accumulano all'interno rimangono umidi per molto tempo provocando anche la formazione di muschi molto tenaci.

Tipologie di grondaie: materiali e caratteristiche tecniche

Oggi il materiale più comunemente usato per la realizzazione delle grondaie che servono allo smaltimento delle acque meteoriche è la plastica o PVC. Questo materiale è molto pratico ed economico purtroppo però il colore della plastica tende a sbiadire col tempo grazie all'esposizione ai raggi del sole e all'esposizione agli agenti atmosferici e pertanto deve essere rinfrescato ogni tanto.
pluviali in pvc
Grondaie e pluviale in PVC
(Fonte: blog.edilnet.it/)
pluviali in pvc
Grondaie e pluviali in PVC
(Fonte: rifaidate.it/)
Un materiale ottimo ma piuttosto costoso è invece il rame. Il rame ossidandosi si ricopre di una patina che lo protegge per lungo tempo senza bisogno di manutenzione alcuna. Il rame è un materiale piuttosto costoso, infatti si dice appunto che “vale come l’oro”, tanto che persino i ladri lo prendono spesso di mira per poi rivenderlo al mercato nero. In alcune case un po' datate si trovano ancora grondaie e pluviali in lamiera zincata che comunque continuano a svolgere egregiamente il loro lavoro a patto che la ruggine che può formarsi venga prontamente eliminata. 
pluviali in rame
Grondaie e pluviali in rame
(Fonte: torcutticoperture.com/c)
Sia le grondaie in plastica che quelle in metallo sono in genere realizzate secondo due profili: semicircolari o quadrati, detti anche a cornice, e posano sempre su cicognette fissate alla fascia di sottogronda o alle estremità dei travetti.  I profili semicircolari generano meno problemi riguardo all'accumulo dello sporco che invece tende ad insediarsi negli angoli stretti dei profili quadrati generando, proprio in quei punti, un maggiore rischio di corrosione.
installazione grondaie rame
Installazione di una grondaia in rame su una copertura in coppi
(Fonte: quadraservizi.eu/)
Infine ci sono i canali di gronda e le grondaie in cemento. Questi fanno la funzione appunto di grondaia e da cornicione della casa. Spesso però le grondaie in cemento vengono usate nei tetti piani e sono interessati da due differenti fenomeni: il distacco delle membrane che le impermeabilizzano e la conseguente corrosione del cemento armato. 
Per risolvere il problema si può ripristinare la guaina elastomerica rimuovendo il vecchio strato, risanando il massetto con malta cementizia e applicando un primer bituminoso e per finire un doppio strato di guaina elastomerica. La corretta impermeabilizzazione dei tetti piani presuppone il rispetto di specifici accorgimenti esecutivi riguardanti in particolare i cornicioni, gli imbocchi dei pluviali, i risvolti verticali e i giunti di dilatazione. L’impermeabilizzazione dei cornicioni deve essere realizzata con una membrana posata in aderenza e per l’imbocco dei pluviali è richiesta l’uso dei bocchettoni parafoglie. 
grondaia in ca
Grondaie e pluviali in cls
(Fonte: diasen.com/)

La manutenzione e la pulizia delle grondaie e del canale di gronda

E’ importante mantenere sempre in buono stato le grondaie e i pluviali della nostra abitazione ispezionando, almeno annualmente, le grondaie  e rimuovendo eventuali detriti, organici ed inorganici, che possono esservisi accumulati. 
In caso di ostruzione, infatti, l'acqua piovana fuoriesce dalle grondaie e finisce per inzuppare i muri perimetrali filtrando, alla fine, all'interno della casa col rischio di danneggiare intonaco e pittura delle pareti. La pulizia delle grondaie, seppur importantissima, non è un’operazione semplice ed è uno di quei lavori in altezza che deve essere affidato a ditte specializzate perché il rischio di caduta è garantito con danni seri per la propria salute. La cosa migliore sarebbe operare direttamente dal tetto, ancorandosi con apposita imbragatura che funge da salvavita in caso di caduta nel vuoto (linee vita).
griglia parafoglie
Esempio di griglia parafoglie su grondaia a profilo circolare
(Fonte: grondashop.it/)
Ogni pluviale prima di scaricare nel condotto della acque reflue dovrebbe avere un pozzetto ispezionabile a livello del terreno. Quando si opera la pulizia delle grondaie è assolutamente buona norma aprire questi pozzetti prima di procedere alla pulizia. La cosa ottimale è che vi fossero due persone, una che opera sul tetto e l'altra che opera a terra.
Una delle maggiori cause di intasamento di grondaie e pluviali è data dalle foglie che in autunno cadono dagli alberi e si depositano all'interno.  Per evitare che il pluviale venga ostruito da foglie o da altri detriti potrebbe essere utile mettere una gabbia parafoglie in filo di ferro o in plastica nella bocchetta di scarico che è facile reperire nei negozi di materiali edili. Siccome l’operazione di manutenzione e pulizia delle grondaie ha un costo, almeno che uno non usa il fai da te, prevenire è sempre meglio che curare.

Nessun commento

Starbuild.it. Powered by Blogger.