Header Ads

Cos'è la cementite?

Scopriamo le caratteristiche e le applicazioni della cementite: vernice utilizzata nelle ristrutturazioni di mobili, murature e metalli.

La cementite è una pittura opaca, impermeabile, elastica, coprente, lavabile,  ideale per la protezione e decorazione delle facciate, pareti e mobili della casa. Anziché lustra e splendente la cementite quando è asciutta, offre un aspetto vellutato. Sostituisce ogni pittura ad olio, vernice, tempera e le tappezzerie. Essicca in 4 ore e pietrifica in 24. La cementite è fabbricata in 70 tinte, che si possono anche miscelare tra loro.
(Fonte: clanarmstrong.info/)

La caratteristiche della cementite

La cementite è un tipo di vernice dall'effetto opaco e vellutato, solitamente di colore bianco; è usata per le ristrutturazioni dei mobili, dei muri e dei metalli. La superficie da trattare con la cementite deve essere pulita, sgrassata e completamente asciutta, non deve essere in nessun modo calda. La cementite ha bisogno di una temperatura di applicazione che varia tra i 10° e i 30°C, con un’umidità relativa del 60%; solitamente la resa dipende molto dal fondo del materiale che si sta trattando.
Una volta utilizzata, la vernice va conservata in un luogo fresco e al coperto, ovviamente con il recipiente ben chiuso. La cementite ha una resa particolarmente buona, copre moltissimo le superfici sottostanti e si applica facilmente grazie all'ausilio di pennelli. Una volta applicata, la cementite diventa resistente all'acqua, quindi può essere eventualmente lavata per rimuovere delle macchie.
La cementite trova il suo massimo utilizzo nella restaurazione dei mobili, come mano di fondo; è utilizzatissima anche per le lavorazioni in ferro, alluminio, plastica, cemento e superfici murarie. Possiamo avere la cementite a base acquosa e la cementite a base solvente.
Applicazione a pennello della cementite sul legno
(Fonte: ilportaledellimbianchino.com)

Cenni storici sulla cementite: prodotto di qualità italiano

Nel 1928 due fratelli (Giovanni e Pietro) rappresentanti di colori e vernici, ritornati indenni dal conflitto mondiale, costituiscono l’azienda G.&P. F.LLI Tassani.  E' appena finita la prima guerra mondiale, l'Italia anche se è vincitrice è comunque devastata dal conflitto, c'è però in tutto il paese voglia di ricominciare.
A quel tempo non esistevano ancora le idropitture lavabili come le conosciamo noi oggi e inventare una pittura di utilizzo universale sarebbe stato un grosso vantaggio. Nel piccolo laboratorio della fabbrica si sperimentavano nuove miscele alla ricerca di nuove formule, nuovi impasti, nuovi colori di origine sintetica che andassero a sostituire le tradizionali pitture ad olio molto lente nell'essicazione. Gli uomini del laboratorio ad un certo punto scoprirono  tutto l'impasto indurito come il cemento (la cementite), pietrificato nel breve tempo di  qualche ora, scoprendo così un nuovo prodotto, quella che sarà la cementite, ancora oggi considerata un prodotto di grande qualità ed è ritenuto il miglior fondo bianco da legno.
(Fonte: colorificiovicenza.com)

Applicazioni ricorrenti della cementite

Applicazione sul legno per restaurare mobili:
La cementite, come dicevamo prima, trova il suo massimo utilizzo per la restaurazione del legno. Ha il grosso vantaggio di coprire subito il colore originale del mobile già alla prima mano, quindi si fa meno fatica È un prodotto risolutivo per il legno in quanto si ancora saldamente attraverso le fibre, infatti ha un effetto turapori, che consiste nell'entrare in profondità delle fibre del materiale, occludendo i pori e le eventuali crepe presenti. Si può usare sostanzialmente per la preparazione per il mordente, poiché il suo ruolo primario è la creazione di un fondo liscio, che mantenga un aspetto naturale per la verniciatura dell’oggetto. Il risultato finale sarà quello di rendere la superficie porosa del legno liscia e  impermeabile, eliminando tutte le tracce visibili di imperfezioni o venature. La cementite era venduta fino a qualche tempo fa esclusivamente in colorazione bianca. Ora le cose però sono cambiate e si possono comprare tipi di cementite colorati, miscelati nel negozio di vernici o preconfezionati, per avere lo stesso identico colore della vernice che andremo ad applicare successivamente.
Mobile restaurato utilizzando la cementite
(Fonte: preventivi.it/)
Applicazione sui muri:
La cementite trova un ottimo utilizzo anche sui muri, come stucco o primer per preparare la superficie alla successiva pitturazione. La vernice renderà il muro più uniforme e lucido; di solito si sceglie di adoperare per quest’azione la cementite bianca.

Eliminazione macchie di muffa:
La cementite viene usata soprattutto per coprire le macchie di muffa o quelle dovute all'umidità, di colore marrone scuro; grazie al materiale possono essere coperti anche gli aloni derivanti dalla condensa, attigui ai tubi di scarico, soprattutto delle stufe a legna.

Uso della cementite in campo artistico:
La cementite trova un validissimo utilizzo anche nel campo artistico. La possiamo usare per i quadri con pitturazione a olio, come imprimitura, per fungere da intermediario tra la tela e la pittura. Così facendo si crea una “barriera” che trattiene i colori, ma che evita che ci sia l’assorbimento dell’olio, con l’eventuale formazione di screpolature che rovinerebbero l’intero operato. Una passata di cementite permette anche di riutilizzare una vecchia tela già dipinta, mettendola a nuovo.
Far diventare le travi in legno del soffitto bianche con la cementite
(Fonte: ilportaledellimbianchino.com)

Nessun commento

Starbuild.it. Powered by Blogger.