Header Ads

Impianti di antifurto per la casa: tipologie, soluzioni, prezzi

Quanto costa installare un impianto antifurto? Vediamo il costo in funzione alla tipologia di impianto.

Negli ultimi anni i furti nelle case sono cresciuti notevolmente, con l'aumento inevitabile della sensazione di insicurezza, paura che attanaglia tutte le zone di una città, compreso i piccoli centri e soprattutto le abitazioni nei luoghi isolati. I tentativi di furto nelle abitazioni si moltiplicano principalmente nel periodo estivo, durante le vacanze di Natale e in tutte quelle occasioni dove lasciamo la nostra casa indifesa.
Vien da se l’importanza di installare un buon impianto di antifurto per la casa. Il miglior impianto antifurto per la casa è quello che protegge integralmente la dimora, includendo le zone esterne e tutti i punti di accesso, dando protezione in ogni momento, sia quando si è in casa che quando siamo fuori.
Per proteggere la propria casa si potrebbe optare per sistemi antifurto meccanici, come porte blindate e relative serrature di sicurezza, finestre e tapparelle blindate, recinzioni e inferriate e/o impianti antifurto cablati o wireless, con sistemi di rilevazione a contatto magnetico, a sensori infrarossi o a ultrasuoni.
Scegliere l’impianto antifurto per la casa più conveniente può essere la soluzione ideale perché permette di risparmiare, proteggere in modo sicuro la casa e ottenere la tranquillità necessaria in tutte le situazioni.
(Fonte: gmelettroimpianti.it)

Tipologie di impianti antifurto per la casa

Esistono una gran varietà di impianti antifurto per la casa, dai più semplici ma meno efficaci ai più sofisticati e più sicuri.
Solo dopo aver analizzato attentamente tutti i punti deboli della casa, l'ubicazione, la quantità di ingressi che possiede e anche gli altri sistemi di sicurezza annessi, come porte blindate, grate etc., si può definire quale sia l’impianto antifurto più efficace.
(Fonte: fogliassoimpianti.com)
Per proteggere l'abitazione possiamo installare differenti tipi di impianti antifurto, dal sistema cablato a quello senza fili wi-fi. Le due tipologie sono uguali, offrono lo stesso tipo di allarme e le identiche reazioni ma sono diversi solo per quanto riguarda l'installazione.
Volendo, esistono antifurti per la casa che oltre l'intrusione, tramite il montaggio di speciali sensori, possono allertarci anche di altre situazioni di pericolo come:
- incendio, tramite rilevatori ottici di fumo;
- allagamento, installando sensori antiallagamento;
- antipanico e antirapina, mediante pulsante da tenere sempre con se o con pulsanti nascosti nell'abitazione, specialmente utile per le persone anziane bisognose di attenzioni.
L'impianto antifurto per la casa con fili, collega tutti i sensori con la centralina e le sirene attraverso cavi che non si possono tagliare, manipolare o disattivare. L'antifurto filare risulta tra i sistemi più sicuri non dipendendo da onde radio o batterie. Si usano principalmente nelle nuove abitazioni o in quelle dove si effettua una ristrutturazione, prevedendo predisposizioni dedicate al solo impianto di allarme.
Un impianto antifurto per la casa wireless non necessita di canalizzazioni per il passaggio di fili durante la fase di installazione, pertanto, si monta rapidamente. Molto utilizzati in abitazioni nuove dove non è stata prevista la predisposizione di un impianto d'allarme o in case dove non si vogliono eseguire lavori per le canalizzazioni. La comunicazione tra i sensori, centralina e sirena, avviene tramite radiofrequenza, con possibili problemi di interferenze ambientali.
(Fonte: dimonesrl.com/)

Impianti antifurto per la casa: soluzioni

Come detto prima in base alle esigenze possiamo avere due tipi di impianti antifurto per la casa:
- Per ambienti esterni: possibilità di installazione di sensori perimetrali collegati alla centralina (via cavo o wireless) in grado di rilevare un eventuale intrusore ancora prima che esso sia in prossimità della vostra abitazione. Questa soluzione è ideale soprattutto per chi possiede giardini o terreni intorno alla casa. 
- Per ambienti interni: rientrano in questa categoria la quasi totalità di antifurti e sensori conosciuti all'utenza. Sensori magnetici (via cavo o wireless) che segnalano lo stato (chiusura/apertura) di porte e finestre alla centralina principale. Sensori di movimento (volumetrici) in grado di riconoscere e filtrare la presenza di essere umani da altri movimenti innocui (animali, tende svolazzanti, …). 
Sirena esterna di un impianto antifurto per la casa
(Fonte: amazon.it/)

Nessun commento

Starbuild.it. Powered by Blogger.