Header Ads

Cosa significa pavimento resiliente?

Cosa significa pavimento resiliente?

Scopriamo cos'è il pavimento resiliente, materiale molto utilizzato per le pavimentazioni degli edifici pubblici, come scuole ed ospedali, per le sue caratteristiche e per le colorazioni disponibili.


Negli ambienti in cui sono richiesti particolari livelli di isolamento acustico oppure di coibenza termica i pavimenti interni tradizionali formati dal massetto e dallo strato di usura o calpestio possono risultare insufficienti e si rende necessario ricorrere a tecniche particolari come l’uso di pavimenti resilienti, pavimenti galleggianti e i pavimenti termicamente isolati.

pavimento-resiliente-gomma-pvc-palestra
Pavimento resiliente in pvc-gomma (foto di hpgruesen - Fonte: https://pixabay.com)

Cosa sono i pavimenti resilienti

Le pavimentazioni interne hanno la funzione di conferire alle superfici di calpestio il grado di finitura richiesto e di trasmettere i carichi di servizio alle strutture orizzontali degli edifici. Inoltre abbiamo visto possono contribuire all’isolamento acustico e termico degli ambienti e accogliere gli impianti nei loro strati di sottofondo. Le pavimentazioni interne si dividono in:

  • Pavimenti realizzati con semilavorati, cioè con prodotti, quali piastrelle, lastre, etc., posati in opera accostandoli tra loro secondo diverse geometrie di posa e sigillandoli nelle giunzioni. 
  • Pavimenti realizzati con tecniche tradizionali;
  • Pavimenti gettati in opera.

Fra i pavimenti realizzati con semilavorati si possono avere:

  • pavimenti di lastre e marmette di materiali lapidei;
  • pavimenti di piastrelle di ceramica;
  • pavimenti di legno;
  • pavimenti di teli e quadrotte di moquette;
  • pavimenti di teli e piastrelle di materiali vinilici, di gomma, di linoleum detti appunto pavimenti  resilienti.

I pavimenti resilienti sono dotati di uno strato di rivestimento di materiale resiliente, capace di trasformare la maggior parte dell’energia meccanica generata dal calpestio o dall’urto di oggetti in energia termica. Sono materiali resilienti le gomme, i prodotti vinilici e il linoleum. Un comportamento analogo viene anche fornito dalle moquette. I pavimenti resilienti e le moquette forniscono quindi un buon livello di potere isolante ai rumori di calpestio.

I materiali che compongono i pavimenti resilienti, se sottoposti a una pressione applicata in superficie hanno la proprietà, detta appunto resilienza, ovvero riescono a deformarsi in maniera flessibile riassumendo la configurazione iniziale una volta eliminata la sollecitazione esterna di pressione.

pavimento-resiliente-palazzetto-dello-sport-linoleum
Pavimento resiliente in un palazzetto dello sport (foto di hpgruesen - Fonte: https://pixabay.com)

Posa dei materiali resilienti: PVC, gomma, linoleum

La posa dei materiali per i pavimenti resilienti con prodotti vinilici, gomma o linoleum, deve essere eseguita su un massetto asciutto, reso perfettamente liscio e piano mediante lisciatura. Diversamente data la flessibilità e il ridotto spessore dei materiali impiegati, si riprodurrebbero sulla superficie del rivestimento tutte le imperfezioni del supporto. I prodotti di materiali vinilici e di gomma per pavimentazioni sono costituiti da teli e piastrelle; quelli di linoleum sono generalmente disponibili sul mercato solo in forma di teli. Sia i teli che le piastrelle vengono incollati con adesivi specifici a seconda del materiale da posare e delle situazioni di impiego, facendoli aderire perfettamente al supporto mediante un apposito rullo. Quando è necessario realizzare un pavimento impermeabile, le piastrelle e i teli possono essere ben saldati a caldo tra loro e risvoltati con raccordi sulle pareti in modo da ottenere una superficie continua , senza infossatura delle linee di giunzione. 

Sono anche impiegabili speciali zoccolini performanti con profilo a sguscio, anch’essi saldabili con il rivestimento. Si ottengono così pavimenti facilmente pulibili e disinfettabili, particolarmente adatti per determinati ambienti come gli ospedali, scuole e locali pubblici.

La posa dei pavimenti tessili come la moquette, può avvenire con tecniche diverse, a seconda del tipo di moquette e delle dimensioni del locale. Possiamo avere tre tipi di posa:

  • Posa mediante incollaggio; avviene con adesivi speciali ed è quella più usata. L’adesivo deve essere steso con una spatola dentata, procedendo nell’operazione di incollaggio a partire dal centro del locale;
  • Posa mediante tensione (o fissaggio periferico);
  • Posa con nastro bi-adesivo.

pavimento-resiliente-linoleum-ospedale
Pavimento resiliente in linoleum in una corsia d'ospedale (foto di StockSnap - Fonte: https://pixabay.com)

I vantaggi del pavimento resiliente

Uno dei vantaggi rilevanti dei pavimenti resilienti è il rapporto qualità prezzo; infatti i pavimenti resilienti richiedono una spesa media inferiore offrendo qualità, versatilità e adattabilità.

Il pavimento resiliente oltre ad avere spessori ridotti è resistente e affidabile, inoltre offre un ottimo comfort acustico ed ergonomico. Non richiede incollaggio permanente, è facile da posare, facile da rimuovere e riposizionare. Inoltre, come detto precedentemente, i pavimenti resilienti permettono di avere superfici relativamente estese facilmente pulibili, lavabili e disinfettabili, adatti quindi per ambienti dove è richiesta pulizia costante e igiene rigorosa come un ospedale o una scuola.
Infine il pavimento resiliente è molto duraturo e generalmente non richiede trattamenti di manutenzione periodica.



Nessun commento

Starbuild.it. Powered by Blogger.