Header Ads

Parapetto per balconi: tipologie, caratteristiche e prestazioni

I parapetti garantiscono la sicurezza degli utilizzatori dei balconi. Vediamo le tipologie di parapetto in commercio e le loro caratteristiche.

I parapetti sono gli elementi di protezione che devono impedire la caduta nel vuoto di persone o di oggetti da balconi e terrazzi e in ogni luogo dove si presentino dislivelli tra diversi piani di calpestio.
I parapetti possono essere:
- Parapetti di muratura o di calcestruzzo armato
- Balaustrate di pietra naturale e artificiale
- Ringhiere
- Parapetti di legno
- Parapetti di vetro
(Fonte: vetreriadibologna.it)

Caratteristiche e prestazioni dei parapetti per balconi

Per garantire un sufficiente grado di sicurezza in relazione alle situazioni e agli ambienti ai quali sono destinati i parapetti devono avere le seguenti caratteristiche geometriche e meccaniche. Le caratteristiche dei parapetti da considerare ai fini della sicurezza si possono sintetizzare così:
- Sufficiente altezza rispetto al piano del pavimento
- Assenza di sporgenze che favoriscano l’appoggio del piede e lo scavalcamento
- Impossibilità di passaggio attraverso gli elementi che costituiscono il parapetto di oggetti di dimensioni superiori a dimensioni prefissate, in modo da evitarne la caduta verso il basso (nel caso di ringhiere o parapetti in acciaio e vetro)
- Resistenza determinati valori della spinta orizzontale.
Altezza dei parapetti
I parapetti devono essere alti almeno 1 metro dal piano di pavimento. Nel caso di edifici di notevole altezza è tuttavia buona norma aumentare adeguatamente l’altezza dei parapetti dei balconi in modo da ridurre il “senso di vertigine” che può nascere in soggetti più sensibili.
Sporgenze sulla parte interna
I parapetti non devono presentare nella parte interna sporgenze situate ad un’altezza dal pavimento tale da favorire l’appoggio del piede e lo scavalcamento da parte dei bambini.
Dimensione massima dei vuoti
La dimensione massima dei vuoti esistenti tra gli elementi (balaustri, montanti, elementi di chiusura, etc.) dei parapetti deve essere fissata in modo da impedire il passaggio di oggetti che possano ricadere sui piani sottostanti.  In generale la normativa per l’eliminazione delle barriere architettoniche diche che i parapetti non devono lasciar passare una sfera di 10 cm di diametro. E’ poi opportuno considerare con attenzione la dimensione massima dei vuoti anche in relazione a comportamenti a rischio dei bambini, come per esempio la possibilità di inserire la testa e rimanere imprigionati in posizione pericolosa.
Resistenza alla spinta orizzontale
Negli edifici residenziali i parapetti di balconi, logge e terrazzi devono normalmente essere in grado di resistere a una spinta orizzontale di 1000 N/m, applicata sul mancorrente. Per altre destinazioni, ad esempio per i parapetti di stadi e palazzetti sportivi, è assolutamente necessario imporre la resistenza a una spinta ben maggiore, da individuare caso per caso.
Un tipo di ringhiera modera in listelli orizzontali di alluminio
(Fonte: albagates.it/)

Parapetti di muratura o di calcestruzzo armato

I parapetti di muratura sono costituiti da una paretina di mattoni intonacata o lasciata a vista. Tale paretina è completata superiormente da un elemento superficiale, detto copertina, destinato a proteggere il lembo superiore dal dilavamento causato dalla pioggia, ed eventualmente da un corrimano.
I parapetti di calcestruzzo armato vengono realizzati in continuità con la struttura dell’edificio e possono anche assumere funzione portante sotto forma di travi parapetto. I parapetti di muratura e di calcestruzzo, possono essere pieni o traforati.
I parapetti pieni rappresentano una soluzione costruttiva abbastanza semplice, che deve però essere integrata con dispositivi di smaltimento dell’acqua piovana. Essi costituiscono una barriera visiva adatta a proteggere dagli sguardi esterni; per contro limitano la vista verso l’esterno.
Parapetto in muratura
(Fonte: marcbell.it/)
I parapetti traforati sono realizzati secondo varie modalità quali:
- Parapetti di mattoni ed elementi speciali di laterizio, disposti secondo giaciture e disegni adatti a formare un muretto traforato;
- Parapetti di pannelli traforati di calcestruzzo, prefabbricati in casseforme speciali che conferiscono le forme e le finiture previste.
Un tipo particolare di parapetto per balconi, in un certo senso assimilabile ai parapetti traforati e in genere impiegato sul limite dei terrazzi, può essere realizzato mediante fioriere per piante ornamentali, dotate di adeguate dimensioni e completate da un corrimano situato all’altezza prescritta, in modo da rispettare le norme di sicurezza.
Parapetto in acciaio inox
(Fonte: apeprest.com/)

Ringhiere e parapetti per balconi in vetro

La ringhiera è un tipo di parapetto costituito da montanti metallici verticali che sorreggono elementi di chiusura, conclusi superiormente da un corrimano. Nell’architettura moderna gli elementi di chiusura delle ringhiere sono stati realizzati con materiali e forme disparati (bacchette di ferro, griglie metalliche, pannelli e lastre di vetro, etc. ). Nella loro forma attuale le ringhiere costituiscono l’evoluzione delle soluzioni tipiche applicate negli edifici popolari (le case a ringhiera o a ballatoio) dell’inizio del ‘900, realizzate con bacchette di ferro verticali ancorate a correnti orizzontali.
Sono anche di comune impiego i parapetti misti, realizzati con parti piene e ringhiere o elementi vetrati, che consentono diverse soluzioni formali.
Parapetto per balconi in vetro
(Fonte: edilportale.com/)

I parapetti per balconi in legno

I parapetti di legno, derivati dalle costruzioni rurali, hanno ormai un impiego limitato agli edifici rustici, specie nelle zone alpine, e alle sistemazioni d’interni, come soppalchi e scale. Il disegno tipico degli elementi del parapetto di legno è quello derivato dalle balaustre di pietra.
Tipico parapetto in legno di una casa di montagna
(Fonte: leeb.it)

Nessun commento

Starbuild.it. Powered by Blogger.