Header Ads

Case dai noccioli d'oliva: utilizzi in edilizia

I materiali sostenibili, al giorno d'oggi, sono studiati per l'applicazione in edilizia. Come possono essere utilizzati i noccioli d'oliva?

Sfruttare i noccioli delle olive per realizzare materiali da costruzione più sostenibili. Dei ricercatori spagnoli hanno dimostrato che i noccioli di oliva possono essere usati come materiale da costruzione.
I noccioli d’oliva carbonizzati possono infatti sostituire gli aggregati leggeri usati nella costruzione di edifici e diventare tutt'altro rispetto agli scarti. Questo strano materiale non solo è ecologico, ma è anche caratterizzato da un buon isolamento termico e acustico.
case noccioli d'oliva
Noccioli d’oliva
(Fonte: blog-news.it/)

Il futuro della bioedilizia: il nocciolo d’oliva come materiale da costruzione

Questo nuovo utilizzo dei “rifiuti” prodotti dall'olio d'oliva riduce la densità dei materiali da costruzione e migliora le loro proprietà termiche e acustiche. Tutto ciò rende i noccioli d’oliva un'alternativa sostenibile alla produzione di aggregati leggeri nelle malte da costruzione.
Bisogna fare il confronto con quello di altri aggregati leggeri utilizzati nel settore delle costruzioni: perlite, vermiculite e argilla espansa che vengono aggiunti a malte e calcestruzzi per ridurre la densità e migliorare le proprietà termiche e acustiche. Questi aggregati leggeri richiedono una grande quantità di energia per la loro produzione. Non vale lo stesso per i noccioli d’oliva.
Possiamo dire che è possibile sostituire l'argilla espansa e gli altri materiali con noccioli calcinati di olive per produrre malte leggere. Ciò è dovuto alla loro grande porosità, alla granulometria uniforme, alla bassa densità. L'unica particolarità di queste nuove malte leggere fatte di olive è che hanno bisogno di un rapporto acqua/calcestruzzo più elevato rispetto ad altre ma ciò non influisce sulla resistenza meccanica. I noccioli d’oliva possono essere utilizzati nella costruzione non solo per la produzione di soluzioni leggere per rivestimenti, ma anche per la produzione di calcestruzzo isolante, in quanto il nocciolo di oliva ha proprietà isolanti termiche e fonoassorbenti.
noccioli d'oliva edilizia
Noccioli d’oliva carbonizzati
(Fonte: frantoiogarello.it/)

Come si ottiene il nocciolo d’oliva

Dai noccioli di oliva si possono ottenere aggregati utilizzabili per produrre sia malte leggere per rivestimento sia calcestruzzi strutturali di eccellente qualità. I noccioli d’oliva sono sicuramente un’alternativa sostenibile alla produzione di aggregati leggeri classici per l’edilizia.
Per ricavare il nocciolino si utilizzano tutti gli elementi di scarto che derivano dal processo di spremitura delle olive, ovvero polpa, buccia e nocciolo. Ne deriva che da questo frutto non si spreca niente: la materia prima può essere consumata come alimento, o trasformata sotto forma di olio; i suoi scarti per la produzione di sansa e nocciolino da combustibile, ed ancora gli stessi scarti della combustione come concime. 
Una filiera estremamente interessante di recupero e riutilizzo, che esemplifica perfettamente come si possa sfruttare un prodotto al 100%, salvaguardando il pianeta e sfruttando le sue risorse in maniera consapevole e pulita.
noccioli d'oliva
Sottofondo alleggerito con noccioli d’oliva
(Fonte: ilcommercioedile.it/)

Altri utilizzi del nocciolo d’oliva in edilizia

Il nocciolo d’oliva è un sottoprodotto di scarto ottenuto dalla lavorazione delle olive e rientra a tutti gli effetti nei sottoprodotti utilizzabili negli impianti a biomasse e a biogas; un sostituto di gasolio, gas e pellet, e una fonte energetica rinnovabile, con un risparmio dei costi di riscaldamento del 70-80%. 
Già da qualche anno c'è un impegno verso il recupero dei noccioli di olive come fonte energetica. I noccioli di olive possono essere utilizzati come combustibile a seconda della pulizia e dell'adeguatezza dell'impianto. La densità energetica è elevata quanto i pellet, senza la necessità di doverli comprimere. Per poter svolgere una combustione pulita, i noccioli devono prima essere privati dei residui di pressatura (polpa del frutto e olio) e poi essiccati.  Tuttavia, il potere calorifico di questi noccioli è sette volte inferiore a quello del gasolio da riscaldamento.
Grazie alla sua eccezionale idoneità per la combustione in impianti di riscaldamento e di generazione di elettricità, il nocciolo d’oliva è oggi ricercato sempre più spesso sia da aziende come centrali elettriche, cementifici, e grandi imprese industriali, sia da semplici consumatori dotati di impianti di riscaldamento a biomasse, per il suo utilizzo come combustibile alternativo per la produzione di energia sostenibile.

Nessun commento

Starbuild.it. Powered by Blogger.