Header Ads

Come fare un muretto a secco

Tipologie, consigli e passaggi per costruire un muretto a secco.

I muretti a secco sono muretti realizzati tramite la giustapposizione di vari blocchi in pietra e che non necessitano alcun legante. La loro stabilità viene garantita da un'antica tecnica chiamata assemblaggio a secco, che sfrutta l'attrito tra le pietre e la forza di gravità.
Muri a secco in Sicilia, un’antica arte
(Fonte: architetturaecosostenibile.it/)
L’impiego della pietra per costruire le murature, al quale l’architettura deve molte e imponenti opere del passato, è stato ormai generalmente abbandonato, salvo nel caso, ancora abbastanza frequente nell’Italia meridionale, di piccole costruzioni rurali realizzate con murature in pietra tenera. I tipi di muratura di pietra più comuni sono:
- Murature di pietrame greggio;
- Murature di pietrame grossolanamente lavorato;
- Murature d pietra squadrata;
- Murature di pietrame listato con mattoni.
Sezione tipo muretto a secco
(Fonte: giardino-piante-fiori.lacasagiusta.it/)

Murature di pietrame greggio: i muretti a secco

Tra le murature di pietrame greggio il tipo più semplice è sempre stato quello costituito di pietre sovrapposte senza l’impiego di malta, in modo da formare il cosiddetto “muro a secco”, usato nelle opere di sostegno del terreno o in modeste recinzioni in campagna. Il muro a secco era anche impiegato per realizzare piccoli edifici per abitazione o per il ricovero degli animali: in questo caso, venivano spesso utilizzate le pietre più piatte, riempendo con sassi e scaglie i vuoti rimanenti.
Le murature di pietrame avevano sempre notevole spessore: alcuni manuali del passato consigliavano uno spessore minimo pari a un quinto dell’altezza e spessori molto maggiori per i muri di sostegno del terreno, per i quali i muri a secco erano particolarmente indicati (se l’altezza non era superiore a 1 – 1,50 m) perché non trattenevano l’acqua nel terreno, mantenendo migliori condizioni di stabilità del manufatto.
Il pietrame greggio è stato impiegato anche in molti altri tipi di murature nei quali le pietre, di forma più o meno regolare e con almeno due facce pressochè parallele, venivano giustapposte tra loro e unite con malta ben costipata per formare i giunti e i letti di posa. Questa tecnica era di uso molto comune per i muri di fondazione o per quelli fuori terra per i quali era prevista l’intonacatura.
Realizzazione di un muretto a secco
(Fonte: valsassinanews.com/)

Murature di pietrame grossolanamente lavorato

Un altro tipo di muratura a secco in pietra sono le murature in pietrame grossolanamente lavorato. Le murature in pietrame grossolanamente lavorato venivano realizzate con pietre ricavate da rocce stratificate, che presentavano due facce abbastanza piane e parallele e uno spessore relativamente uniforme. La posa in opera era eseguita giustapponendo le pietre e inserendo ogni tanto alcune pietre allungate trasversali per “legare” il muro e realizzare corsi orizzontali di collegamento della massa: i pezzi più grossi e più regolari, i cantonali, erano disposti agli angoli della costruzione.

Alcuni passi per costruire un muretto a secco

Per fare un muretto a secco non è un’operazione semplice e richiede comunque un po’ di esperienza, ma se volete delimitare una parte del giardino o contenere dei terrazzamenti, nel caso di coltivazioni in collina, senza usare il cemento una soluzione efficace ed economica è quella di fare un muretto a secco. Vediamo quali operazioni eseguire:
1. Una volta che avete preso le vostre misure e sapete già con precisione quanto sarà lungo e alto il vostro muro, potete scavare una trincea. La profondità dello scavo dipende dall'altezza del muro, ma anche dalla consistenza del terreno; cercate di raggiungere lo strato più solido e compatto del terreno, in modo da garantire più stabilità al vostro muro.
Nella realizzazione di un muro di mattoni andare dritti è fondamentale
(Fonte: bricoportale.it/)
2. Se deciderete di costruire un muretto a secco utilizzando pietre grezze, bisogna armarsi di pazienza per selezionare con minuzia ogni singola pietra che andrete ad inserire e, in modo che ci siano più punti di contatto possibili con le pietre già posizionate. Se opterete per l'utilizzo di pietre semilavorate e acquistate in cava, il vostro lavoro sarà più semplice e meno faticoso poiché le loro dimensioni sono già standardizzate e squadrate.
3. Scegliete le pietre più grandi e massicce e utilizzatele per costruire le fondamenta. Posizionatele una accanto all'altra e riempite gli eventuali spazi con delle pietre più piccole. Se non riuscite ad affiancare le pietre in modo da avere la maggiore congruenza possibile. Procedete per strati e fermatevi all'incirca a cinque centimetri dal piano del terreno.
4. A questo punto è importante costruirsi una "dima", ossia uno stampo in legno che ci permette di riprodurre la forma a parallelepipedo del muretto. Costruitene due in legno, posizionatele alle estremità dello scavo e collegatele tramite delle cordicelle che d'ora in avanti saranno le vostre linee guida per erigere il muro.
(Fonte: blog.edilnet.it/)
5. La costruzione del muretto a secco a questo punto deve procedere a strati. Ogni strato deve iniziare qualche centimetro più all'interno dello strato sottostante di modo da conferire al muro la forma di un parallelepipedo. Disponete le pietre con una diversa angolatura per distribuire il carico in più direzioni, battete leggermente le pietre con la mazzuola per garantire più contatto tra i vari strati. Non bisogna utilizzate la terra per riempire gli spazi vuoti, altrimenti in seguito alle prime piogge la terra verrà via e il muro risulterà instabile.
6. Una volta raggiunta l'altezza desiderata, controllate che il muro sia dritto, anche avvalendovi di una livella a bolla, e collocate un ultimo strato di pietre grandi e piatte, che proteggeranno il vostro muro dalla pioggia. Il vostro muretto a secco è terminato.
Antichi muretti a secco tipici nelle zone del Sud Italia
(Fonte: agricolturafinanziamenti.com/)

Nessun commento

Starbuild.it. Powered by Blogger.