Header Ads

BIG Architects: studio di architettura all'avanguardia

"Bjarke Ingels Group", spesso identificato con l'acronimo BIG architects , è uno studio internazionale di architettura d'avanguardia e sperimentazione fondato nel 2005 da Bjarke Ingels a Copenaghen, Danimarca Nel 2010 ha aperto una filiale a New York. Partecipa a numerosi concorsi internazionali e, pur avendo ottenuto diversi premi.

Village of women sports, Svezia
(Fonte: it.pinterest.com/)
Di tutti gli studi di architettura emersi negli anni duemila, BIG Bjarke Ingels Group è probabilmente il più noto e influente. Benché BIG sia attualmente diretto da dodici soci, la personalità dello studio è indissolubilmente legata a quella dell’architetto danese Bjarke Ingels, che l’ha fondato nel 2005.
Attualmente basato a Copenaghen e New York, il tratto più distintivo dello studio BIG architects è una eccezionale capacità di coniugare ricerca formale e uso intelligente della tecnologia e dei materiali innovativi, anche nei progetti a scala più piccola.

BIG architects: progetti e realizzazioni

Vediamo un elenco di alcuni famosi progetti e realizzazioni dello studio BIG architects:
1) 8 House – Copenhaghen 
La costruzione a forma di cravatta di 61.000 m² a forma di cuneo di tre diversi tipi di abitazioni residenziali e 10.000 mq di negozi e uffici comprende il più grande sviluppo privato della Danimarca mai intrapreso. Commissionato da St. Frederikslund e Per Hopfner nel 2006, l'8 House si trova sul margine esterno della città come l'avamposto più a sud di Orestad. Anziché un blocco tradizionale, l'8 House racchiude tutti gli ingredienti di un vivace quartiere urbano in strati orizzontali di tipologie collegate da una continua passeggiata e pista ciclabile fino al decimo piano creando un quartiere urbano tridimensionale dove la vita suburbana si fonde con l'energia di una città, dove coesistono affari e abitazioni.
L'8 House crea due cortili interni intimi, separati dal centro della croce che ospita 500 mq di strutture comuni disponibili per tutti i residenti. Nello stesso punto, l'edificio è attraversato da un passaggio largo 9 metri che consente alle persone di spostarsi facilmente dall'area del parco sul lato occidentale fino ai canali riempiti d'acqua verso est. Invece di dividere le diverse funzioni dell'edificio - sia per l'abitazione che per il commercio - in blocchi separati, le varie funzioni sono state distribuite orizzontalmente.
8 House è un edificio polifunzionale per l'edilizia residenziale e commerciale situato a Copenaghen, in Danimarca
(Fonte: abduzeedo.com/)
2) La casa del mattoncini Lego
Progettato da BIG architects , LEGO House è un centro di esperienza per i fan LEGO di tutte le età, nonché un punto di riferimento architettonico e un passo significativo verso l'obiettivo della città di fare la piccola città di Billund, nel sud della Danimarca, la capitale per i bambini. 
La LEGO House, alta 23 metri, è concepita come uno spazio urbano tanto quanto un centro di esperienza. 21 blocchi sovrapposti sono disposti come singoli edifici, inquadrando un quadrato LEGO che è illuminato attraverso le fessure e gli spazi tra i volumi. La piazza appare come una grotta urbana ed è accessibile pubblicamente, consentendo ai visitatori e ai cittadini di Billund di collegarsi attraverso l'edificio.
(Fonte: floornature.it/)
3) Serpentine Pavilion 2016 – Londra
Due elementi (replicati e spostati nello spazio centinaia di volte) formano il padiglione Summer Serpentine che - dal 10 giugno al 9 ottobre 2016 - accoglie i visitatori ai Kensington Gardens di Londra. Fin dalla prima edizione, nel 2009, il padiglione è un luogo molto atteso per chi desidera ascoltare musica, godersi spettacoli dal vivo o semplicemente sorseggiare una tazza di tè mentre osserva lo splendido ambiente naturale circostante. 
Inoltre, data la sua struttura effimera, il padiglione è un'occasione intrigante per gli architetti che, ogni anno, ricevono il progetto di una microarchitettura che vive solo una stagione. Il risultato è uno spazio accogliente, dalla forma organica, capace di interagire con il pubblico e l'affascinante paesaggio circostante.
(Fonte: urbancontest.com/)
4) Museo del bunker TIRPITZ – Danimarca
Nel 2012, i Musei di Varde, con il sostegno finanziario della Fondazione AP Møller , hanno preso la decisione di ampliare il museo  e creare un centro culturale, il Blåvand Bunkermuseum, che  ospita quattro sedi distinte: un museo del bunker e un museo dell'ambra, un museo di storia locale (chiamata Histolarium) e una galleria per mostre temporanee.  L'acclamato studio di architettura BIG - Bjarke Ingels Group è stato quindi incaricato di progettare il nuovo complesso museale. 
Comprendendo una superficie lorda di 27.000 piedi quadrati, il museo a due piani comprende - insieme agli spazi espositivi - un caffè, uffici amministrativi e vari spazi di servizio. Disposti attorno a un cortile centrale condiviso, le quattro principali gallerie espositive sono ospitate in uno spazio dedicato di forma rettangolare. Le gallerie possono essere accessibili indipendentemente dal cortile / lobby o una dopo l'altra, in un ciclo circolare continuo. Il pubblico entra nel museo attraverso un sentiero tagliato nelle dune circostanti e collegato a una rete di sentieri che attraversa il sito; un passaggio sotterraneo collega quindi il museo al bunker Tirpitz. La lobby all'aperto è leggermente ruotata, quindi per aggiungere un lucernario all'ingresso di ogni galleria e per fornire un accesso indipendente a tutti loro.
Il museo invisibile
(Fonte: living.corriere.it)
5) Museo marittimo danese 
L'edificio del museo, progettato da   b.i.g architects, è visivamente sorprendente e altamente innovativo nel suo concetto: un complesso espositivo completamente costruito sotto il livello del terreno e concepito come un percorso ininterrotto esteso attraverso il grande vuoto di un ex bacino di carenaggio, un potente ricordo di ciò che un tempo era il sito. Il museo marittimo danese prendendo spunto dalla grande tradizione marittima danese, narra la storia della navigazione attraverso una serie diversificata di mostre e suggerimenti. Il museo M / S è un organismo architettonico che invita alla scoperta, perché non rivela se stesso utilizzando volumi emergenti, ma svela invece la sua complessità e essenza solo gradualmente. 
Un design museale così capace di andare oltre un approccio tradizionale, ad esempio grazie al ricco insieme di relazioni tra le gallerie interne e le aree esterne, che sono anche accessibili e sono contrassegnate dai volumi trasparenti dell'edificio, che fluttuano liberamente nell'ex bacino di carenaggio vuoto
Museo marittimo danese: una nave sotterranea di vetro e alluminio 
(Fonte: ilsole24ore.com/)

Nessun commento

Starbuild.it. Powered by Blogger.