Header Ads

Frank lloyd Wright e l’architettura organica

L'architettura organica è un ramo dell'architettura moderna che studia l'armonia tra individuo e natura. Scopriamo le caratteristiche e le innovazioni portate negli anni da uno dei fondatori: Frank Lloyd Wright. 

Frank lloyd Wright è un architetto Statunitense, uno tra i più influenti e famosi architetti del mondo, nato nel 1867. Wright è considerato uno dei maestri del movimento moderno in architettura.
Frank Lloyd Wright ed il modello del Guggenheim Museum di New York
(Fonte: ici.radio-canada.ca)
Negli anni Frank Lloyd Wright si dedicò all’approfondimento del rapporto tra spazio architettonico, individuo e natura. 
Lo studio di queste tematiche lo portò a prediligere la progettazione di edifici unifamiliari, dalle le prairie house o case nella prateria alle Usonian house o case usoniane.

L’architettura organica

Frank Lloyd Wright fu il maestro fondatore ed il principale esponente dell’architettura organica
L’architettura organica è una branca dell’architettura moderna che promuove l’armonia tra uomo e natura, creando un nuovo sistema in equilibrio tra ambiente costruito e ambiente naturale. Per comprendere l’essenza dell’architettura organica, basta analizzare le Prairie House di Wright.
Altri esponenti dell’Architettura organica sono: 
- Bruce Goff (1904 - 1982) – Architetto Americano 
- Alvar Aalto (1898 – 1976) – Architetto Finlandese
Questi architetti hanno posto i canoni del progetto organico, cioè, un’architettura che interpreta i bisogni dell’uomo, nello spazio e nel tempo agevolando il contatto e la simbiosi con la natura.

Gli inizi dell’architettura organica: le Prairie House

Le Prairie house nascono alle porte del Novecento e rappresentano una innovazione/rivoluzione che andrà a sostituire l’ecclettismo neoclassico tipico delle costruzioni della fine dell’ottocento.
Wright fonda la Prairie School, in attività dal 1890 al 1910, nella quale raduna 18 architetti, con cui collabora per rispondere al gran numero di commesse, rinnovando il concetto tradizionale di abitazione, con le seguenti innovazioni concettuali: 
- Disposizione orizzontale delle linee e delle masse 
- Elementi verticali come pilastri e comignoli
- Attenzione alle forme della natura.
- particolare attenzione alla funzionalità della futura realizzazione
- utilizzo e valorizzazione di materiali naturali anche per gli elementi decorativi.
- collegamento ed apertura dei locali interni della casa
- integrazione di riscaldamento ed illuminazione all’interno dell’abitazione

Le caratteristiche della Prairie House

La Prairie house rappresenta la coniugazione tra la modernità e la tradizione, ed ha le seguenti caratteristiche principali: 
Pianta Robie House
(Fonte: cleancrew.ca)
- Pianta semplice, con ingresso all’abitazione nascosto e facciata arretrata, i giardini sono schermate da alberi e piantumazioni. 
- Il camino rappresenta un punto centrale, tutti gli ambienti del piano principale ci “girano attorno”. Non ha più la funzione di riscaldamento ma di punto d’incontro. 
- Nella zona giorno non ci sono partizioni, solo la cucina è separata e normalmente si trova nella zona dietro al camino. 
- La zona notte è divisa da partizioni e si trova generalmente ad un livello diverso rispetto alla zona giorno. 
- I soffitti sono otticamente abbassati mediante fasce colorate per dare maggiore intimità agli ambienti. 
- La parete è un mezzo di collegamento tra l’interno e l’esterno, generalmente sono vetrate per aprire gli spazi interni anche all’esterno.
- Il tetto è poco spiovente ed è in forte aggetto, per dare una forte orizzontalità alla casa. 
- Le piante sono una composizione di forme semplici, hanno generalmente forma ad X, T, L, in linea, rettangolari e a padiglione. 

L’evoluzione dell’architettura organica: le Usonian House

Negli anni 30, con l’avvento della crisi economica, Wright cerca di avvicinarsi all’edilizia economicamente sostenibile per fare fronte ad un periodo di grande depressione. 
Arrivò a semplificare i progetti unendo la cucina alla sala da pranzo e rinunciando alle eccessive decorazioni e alle spese per esigenze estetiche.
Con una significativa riduzione delle spese necessarie all’edificazione.
Le caratteristiche principali delle Usonian House sono: 
- Pianta a forma di L 
- Locata in appezzamenti modesti ed in posizione laterale così da poter fruire di più giardino.
- Sono alte un piano, non sono presenti scantinati se non per ospitare piccole caldaie. 
- Il tetto è piano e le pareti sono appoggiate direttamente al terreno.
- Riscaldamento a pavimento (con una serpentina installata nel massetto) e illuminazione per ridurre l’impianto elettrico.
Pianta Weltzheimer/Johnson House
(Fonte: en.wikipedia.org)

Alcuni progetti di Frank Lloyd Wright

La casa sulla cascata - Fallingwater - Casa Kaufmann
1935
(Fonte: Altervista.org)
interni ed esterni di Robie House - Prairie House
1908
(Fonte: architecture.uchicago.edu)
Weltzheimer Johnson House - Usonian House
1949
(Fonte: apartmenttherapy.com)

Nessun commento

Starbuild.it. Powered by Blogger.