Header Ads

Come stuccare le piastrelle

Come stuccare le piastrelle: consigli utili

Una volta posato il pavimento in piastrelle è necessario stuccare le piastrelle, ovvero stuccare le fughe o i giunti fra una piastrella e l'altra per conferire un aspetto omogeneo. Il tipo di stucco e di fuga influisce notevolmente sull'effetto finale del pavimento o del rivestimento. Vediamo come stuccare le piastrelle.

pavimento-piastrelle-fughe-stucco
Pavimento interno in piastrelle in gres porcellanato (foto di midascode - Fonte: https://pixabay.com)


Quali sono i passi da seguire per stuccare le piastrelle

Una volta che si sono posate le piastrelle bisogna stuccare le piastrelle per creare una superficie compatta e resistente alle infiltrazioni di liquidi conferendo un aspetto estetico omogeneo. In commercio esistono diverse tipologie di stucco (in polvere, a schiuma oppure quelli già pronti all'uso) e in base al tipo di piastrella va usato un tipo o l'altro di stucco. In genere questa è un'operazione che esegue la ditta specializzata o il piastrellista che ha posato le piastrelle, ma potrebbe verificarsi la necessità che decidiamo di stuccare le piastrelle da soli con il fai da te; prima di intraprendere questo tipo di lavoro bisogna valutare il tipo di manualità che si ha con questo genere di lavori edilizi, il tempo che abbiamo a disposizione e anche quanto vogliamo spendere. Di sicuro fare il lavoro da soli ci permetterà di risparmiare quantomeno sul costo della manodopera ma non sicuramente in termini di tempo. In questo articolo cercheremo di spiegarti in pochi passi come stuccare le piastrelle; ovviamente se segui i nostri consigli riuscirai sicuramente a fare un bel lavoro.


Quali sono gli aspetti da tenere in considerazione per stuccare le piastrelle?

Per stuccare le piastrelle bisogna considerare la forma, le dimensioni e la distanza tra le piastrelle, il colore delle piastrelle e l'effetto finale che si vuole ottenere, e la tipologia e colore della fuga. Nei negozi di bricolage oppure online si trovano vari prodotti apposta per stuccare le piastrelle, ma il prodotto corretto va scelto tenendo conto di questi fattori. Anche il tipo di fuga tra le piastrelle è importante, perchè la larghezza della fuga può variare da 2 a 20 mm e lo stucco deve garantire resistenza alle sollecitazioni e ai fattori climatici, nel caso il rivestimento sia all'esterno. Infine un altro aspetto da tenere conto per stuccare le piastrelle è la tipologia di supporto, cioè se sono posate con malta cementizia oppure incollate.

Ti potrebbe interessare: Come pulire le fughe delle piastrelle


bagno-piastrelle-rivestimento-fughe-stucco
Rivestimento piastrelle del bagno (foto di GregoryButler - Fonte: https://pixabay.com)

Tipologie di fughe

Tutti i pavimenti realizzati con manufatti hanno la caratteristica di essere costituiti da elementi di forma regolare accostati tra loro: ciò da luogo alla formazione di giunti di posa o fughe tra elemento e elemento, la cui corretta esecuzione è molto importante sia ai fini della funzionalità sia a quelli dell'estetica. Infatti la scelta della tinta dello stucco delle fughe influisce sull'effetto estetico finale: possiamo avere lo stucco dello stesso colore delle piastrelle in modo da avere delle fughe tono su tono, oppure uno stucco di colore diverso studiato apposta per contrastare il colore delle piastrelle.

Leggi anche: Come scegliere le dimensioni delle fughe


Il problema è particolarmente sentito nel caso di pavimenti di piastrelle o di lastre, nei quali la posa può essere eseguita a giunto chiuso (o unito) oppure a giunto aperto, con una larghezza che per le ceramiche può variare da 3 a 10 mm, a seconda delle dimensioni dei prodotti.
La posa a giunto chiuso consente di ottenere una superficie più uniforme, nella quale il disegno delle fughe risulta poco evidente: si tratta di una soluzione molto comune in Italia, ma sconsigliata per determinati materiali in altri paesi. La posa a giunto aperto è particolarmente indicata quando si debbano impiegare piastrelle scalibrate o prodotti ceramici estrusi, che creerebbero difficoltà di allineamento dei giunti, oppure quando si debbano assorbire i movimenti differenziali tra piastrelle e supporto, come nel caso di pavimenti installati su un solaio a comportamento elastico. Il disegno delle fughe, nella soluzione a giunto aperto, risulta molto appariscente, specie se si impiegano prodotti per stuccare le piastrelle colorati, che consentono di creare effetti decorativi.


Stuccatura dei giunti

La posa delle piastrelle mediante allettamento consiste nel sistemare uno a uno i singoli elementi su uno strato di malta fresca di almeno 2 cm di spessore, detto letto di malta o strato di allettamento, accostandoli tra loro e assestandoli con leggeri colpi di un martello di gomma fino a livellarli al piano del pavimento finito con i giunti debitamente allineati.

La posa in opera è completata dalla stuccatura dei giunti con boiacche di cemento (per giunti di larghezza minore di 3 mm) oppure, per giunti di larghezza maggiore, con impasti speciali di cemento con aggiunta di coloranti e additivi. Tali materiali vengono stesi con spatole sugli interstizi tra gli elementi, fino a saturazione. Conclusa la posa delle piastrelle, prima di mettere in servizio il pavimento, occorre attendere il tempo necessario perchè la malta raggiunga sufficiente resistenza (di norma 14 giorni).


pavimento-piastrelle-stucco
Pavimento esterno in piastrelle (foto di Simpolo_Ceramics - Fonte: https://pixabay.com)

Ti potrebbe interessare: Come si posa un pavimento?


Nessun commento

Starbuild.it. Powered by Blogger.