Header Ads

Cosa vedere a Roma? Consigli utili

Roma capitale d’Italia è il luogo più bello del mondo, dove i segni del passato hanno creato il mito della città eterna. Vediamo una carrellata di cosa vedere a Roma.

Vista di Roma dall’alto
(Fonte: romasociale.com)
 È difficile parlare di Roma in poche parole, così come è difficile credere che questa meravigliosa città sia nata da un piccolo insediamento di pastori sul colle Palatino e da una lupa che ha allattato due bambini come fossero suoi cuccioli. Forse è di questo mistero che vanno in cerca milioni di turisti che ogni giorno dell’anno, senza sosta, cercano con i loro viaggi a Roma. Questo rende la modernità di Roma meno romantica di quello che ci si aspetti, con un viavai senza sosta di auto, persone e cose. Nonostante questo, la Capitale d’Italia resta una meta bella come poche città al mondo. Proviamo ad elencare 10 cose da vedere assolutamente a Roma.
Altare della Patria
(Fonte: bmeia.gv.at/)

Il Colosseo

Inaugurato come Anfiteatro Flavio fu chiamato Colosseo soltanto in un secondo momento, probabilmente per via dell’enorme statua conosciuta con il nome di “Colosso del Dio Sole“, posta nelle vicinanze, e che aveva le sembianze di Nerone. Indubbiamente il Colosseo è una delle prime, se non la prima in assoluto, tra le cose da vedere a Roma, uno dei simboli d’Italia nel mondo. I Romani si dilettavano assistendo qui, alle lotte tra gladiatori e animali feroci oppure alle simulazioni di battaglie navali. La costruzione del Colosseo fu voluta e iniziata dall’Imperatore Vespasiano, fondatore della dinastia dei Flavi, e proseguita negli anni a venire. Anche senza conoscerne la storia e l’architettura, tutti restano affascinati dal monumento per il quale Roma è conosciuta in tutto il mondo. Il Colosseo è ancora oggi uno dei monumenti più importanti e rappresentativi di Roma, che impone la sua maestosa presenza al centro della città.
(Fonte: u2place.it)

Il Pantheon 

Con la sua cupola e il pronao colonnato, il Pantheon è uno dei monumenti romani più celebri. Tempio dedicato a tutte le divinità (Pan- tutti  Theon- divinità), fu costruito dall’imperatore Adriano tra il 118 e il 125 d.C. in sostituzione di un precedente tempio di Marco Agrippa consacrato a Marte e a Venere. Nel 1870 è divenuto sacrario dei re d’Italia. Al suo interno si trovano le tombe di  Vittorio Emanuele II, Umberto I e Margherita di Savoia, oltre a quella del grande Raffaello Sanzio. Ciò che caratterizza più di ogni altra cosa l’edificio è la grande cupola emisferica del diametro di 43,3 m pari all’altezza dal pavimento, sulla cui sommità vi è la grande – ed unica – apertura (9 m.), l’oculus (occhio).
(fonte: touringclub.it)

Fontana di Trevi

Progettata dall’architetto Nicolò Salvi, la Fontana di Trevi riceve le acque dell’acquedotto Vergine dai tempi di Augusto. Quando si passa davanti alla fontana l’usanza è quella di lanciare una monetina come segno di buona fortuna. Tema centrale dell’opera è il mare, ed il barocco s’incontra con il classicismo, in una perfetta armonia. La Fontana di Trevi è stata set cinematografico, teatro di manifestazioni e palcoscenico di grandi feste. Famoso e celebre è il bagno che fece Anita Ekberg ne “La dolce vita“ di Federico Fellini.
(fonte: volagratis.com)

Piazza Navona

È una delle piazze più care ai romani e ai turisti, il luogo ideale dove intrattenersi stando comodamente seduti al tavolino di un bar tra sculture e architetture barocche. Piazza Navona sorge nel luogo dell’antico stadio di Domiziano (da qui la sua forma ovale), voluto dall’imperatore per ospitare le gare di atletica. L’attrazione principale di Piazza Navona è la Fontana dei Quattro Fiumi, opera di Gianlorenzo Bernini (1651). Di fronte alla magnifica fontana sorge la chiesa di Sant’Agnese in Agone dalla facciata concava, progettata dal Borromini per dare risalto alla cupola. Abbelliscono la piazza altre due fontane e precisamente, la Fontana di Nettuno o dei Calderari, all’estremità settentrionale, e la Fontana del Moro che fronteggia Palazzo Pamphilj (a sud della piazza), disegnate da Giacomo della Porta.
(Fonte: heartrome.com/)

I musei vaticani

Nati dal mecenatismo dei papi che per secoli raccolsero e commissionarono opere straordinarie, i Musei Vaticani sono considerati fra i più bei complessi museali al mondo (13 musei l’uno diverso dall’altro), dotati di una delle più belle collezioni d’arte del pianeta. La Pinacoteca custodisce una piccola ma pregevole collezione di dipinti che va dal XII al XIX secolo, con opere di Raffaello, Caravaggio e Leonardo da Vinci. Inoltre c’è anche la famosa Cappella Sistina col Giudizio Universale di Michelangelo, considerato fra i più grandi ed intensi capolavori pittorici della storia dell’arte.
Castel Gandolfo
(fonte: vatimecum.com/)

La Basilica di San Pietro

Con la sua cupola michelangiolesca e la monumentale facciata, la Basilica di San Pietro domina lo scenografico portico a colonnato di piazza San Pietro, capolavoro architettonico del Bernini. Cuore della Chiesa cattolica, la Basilica sorge laddove nel 324 Costantino fece costruire un santuario in onore del Primo Apostolo che proprio in quel luogo fu crocifisso e sepolto. Nel 1506, papa Giulio II incaricò Donato Bramante di progettare la costruzione di quella che sarebbe stata la più grande chiesa del mondo (22.000 mq di superficie). Bramante, Michelangelo, Giacomo della Porta, furono solo alcuni tra gli architetti che si successero nella “fabbrica di San Pietro” negli oltre cento anni impiegati per completare la grandiosa opera. I maggiori artisti del Rinascimento romano e del barocco, vi hanno lasciato capolavori di straordinaria bellezza, basti pensare alla meravigliosa Pietà di Michelangelo, alla Cattedra di S. Pietro, al monumento di Urbano VIII e al sontuoso Baldacchino del Bernini. Luogo imperdibile dunque per pellegrini e visitatori di tutto il mondo.
(fonte: news.italy-museum.com/it)

Villa e Galleria Borghese

Il parco di Villa Borghese è il “cuore” verde di Roma. Il parco racchiude all’interno dei suoi 6 km di circonferenza, statue neoclassiche, costruzioni esotiche, un laghetto artificiale, un’uccelliera, numerose fontane, giardini e boschetti, un galoppatoio, uno zoo (il Bioparco), un anfiteatro (Piazza di Siena) ed alcuni musei. Il più famoso è il Museo e Galleria Borghese, uno dei musei d’arte più importanti della città, ospitato nell’omonima villa secentesca.

Piazza di Spagna

Non si può andare a Roma e non vedere Piazza di Spagna con la sua scalinata di Trinità dei Monti, che con i suoi 135 gradini sembra arrampicarsi verso il cielo. Meraviglioso scenario per le sfilate di alta moda e celebre protagonista di numerosi film, Piazza di Spagna è conosciuta e amata in tutto il mondo. Di fronte la scalinata si trova la “barcaccia”, la non bellissima ma famosa fontana che si trova al centro della Piazza, ideale per rinfrescarsi in estate.
(Fonte: civitavecchia.portmobility.it/)

Cosa vedere a Roma: le opere di architettura contemporanea assolutamente da vedere 

Quando pensiamo a Roma, quel che viene in mente sono anzitutto le vestigia del suo glorioso passato. Ma, anche se con molta fatica data la preesistenza, Roma si sta evolvendo ancora oggi mediante la realizzazione di nuove architetture, spesso opera di artisti di fama internazionale: esse magari non sorgono in zona esattamente centrale, ma nelle zone periferiche in rapida espansione, rappresentando spesso un tentativo di riqualificazione urbana e di adattamento della città ad un funzionalismo ed un’essenzialità tipica dell’epoca attuale. Vi proponiamo dunque un itinerario alla scoperta dell’architettura moderna di Roma:
- Il MAXXI: Inaugurato nel 2010 come Museo d’Arte del XXI sec., il MAXXI è sorto al posto dell’ex-caserma Montello su progetto dell’architetto anglo-irachena Zaha Hadid;
MAXXI arch. Zaha Hadid
(Fonte: artwork.maxxi.art/)
- MACRO: Il Macro come Museo dell’Arte Contemporanea di Roma viene ufficialmente aperto nel 2002, assegnato al il francese Odile Decq  incaricato per la realizzazione dei nuovi padiglioni;

- Auditorium Parco della Musica: Iniziato nel 1995 su progetto di Renzo Piano, venne ultimato nel 2002. Attorno ad un’ampia cavea, svettano tre volumi rivestiti di lastre di piombo che assumono una forma di scarabei. All’interno, fungono da sale concerto: a seguito di problemi all’acustica riscontrati, le stesse sono state ottimizzate così da permettere oggi una perfetta propagazione del suono al loro interno;
(Fonte: agb.it/it)
- I ponti: il ponte della musica che si trova sospeso tra il Lungotevere Flaminio e quello Cadorna, costruito fra il 2008 e il ponte settima spizzichino che collega l’Ostiense al Quartiere Garbatella, costruito tra il 2009 e il 2012;

- La Nuvola di Fuksas: È il nuovo Convention Centre sito in Roma EUR, in un’area complessiva di ca. 55.000 m2. Progettato da Massimiliano Fuksas, la sua realizzazione è stata alquanto difficoltosa tanto da protendersi dal 2007 per ben 10 anni. Nel 2012, ha ricevuto però il premio Best Building Site del Royal Institute of British Architects di Londra;
(Fonte: lastampa.it/)
- La Lanterna: Passeggiando lungo via del Corso, si scorge facilmente arrivati all’incrocio con via  e via Tomacelli, la “Lanterna” di Fuksas, in vetro e acciaio proprio al di sopra del palazzo dell’Ex Unione Militare;

- Chiesa di Dio Padre Misericordioso: È stata realizzata nel quartiere Tor Tre Teste su progetto dello statunitense Richard Meier, tra il 1998 ed il 2003, con le sue caratteristiche tre vele bianche;

(Fonte: nonsoloturisti.it)
- L’Ara Pacis: Come per la Chiesa di Tor Tre Teste, sempre Richard Meier ne fu l’artefice, ma stavolta il progetto non fu esente da numerose polemiche: lo stile eccessivamente moderno, nonché la predominanza del colore bianco, vennero infatti considerati inappropriati per il contesto in cui la struttura si era andata ad inserire;
(Fonte: erco.com/)
- Nuova stazione Tiburtina: Essa è stata inaugurata da Napolitano nel 2011, a 4 anni dall’inizio dei lavori. Essa è stata progettata dallo studio romano ABDR Architetti Associati, con capogruppo nella figura di Paolo Desideri. È costituita da una struttura a ponte, che collega due grandi atri posti sulla Nomentana e su Via di Pietralata: su questa si trovano tutti i servizi ai viaggiatori, oltre agli accessi alle banchine. La galleria-ponte è rivestita in cristallo e sostenuta da un’orditura di montanti d’acciaio;
(Fonte: julienews.it)
- Nuova sede BNL-BNP Paribas: In continuità con quanto fatto nella vicina Nuova Stazione Tiburtina di Roma, che il gruppo BNL – BNP Paribas ha costruito la nuova sede operativa per le proprie attività finanziarie. L’edificio, su progetto dello Studio di architettura 5 +1AA, nasce con criteri di sostenibilità ambientale e risparmio energetico e idrico, il tetto è dotato di pannelli fotovoltaici, e l’interno dell’edificio è pensato secondo i principi dello smart working, con open space tecnologici.

Nessun commento

Starbuild.it. Powered by Blogger.