Header Ads

Come fare una recinzione economica

Come creare autonomamente una recinzione economica

Un piccolo giardino non solo rende la propria abitazione più pregiata, ma permette di godere di un relax all’aria aperta, immersi nella vegetazione e nel profumo dei fiori, lontani dalle preoccupazioni della vita quotidiana. E’ necessaria però la predisposizione di una recinzione economica: un progetto facilmente realizzabile anche con strumenti low cost o da riciclo, senza quindi dover investire troppo denaro in strutture articolate o nell’assunzione di personale qualificato. Per la realizzazione di una recinzione economica non occorrono permessi comunali, però si consiglia di controllare presso l’Ufficio Tecnico del Comune le eventuali norme in materia di altezze massime, materiali utilizzabili, arretramento dai confini verso strade o spazi pubblici.
Esistono diversi tipi di materiali dai quali puoi creare autonomamente una recinzione economica. La recinzione può essere costruita da legno, cartone ondulato, rete a maglie e plastica. Materiali e metodi sono limitati solo dalla quantità di denaro.

recinto-economico
Recinto economico fai da te
(Fonte http://lionsinlipstick.com)

Tipologie di recinzione economica: quale scegliere?

Il modo più semplice per realizzare una recinzione economica, è quello della siepe, da piantare lungo il perimetro del giardino, sia acquistando esemplari già abbastanza cresciuti per il trapianto che tramite una coltivazione ex novo.  La siepe richiede un investimento minimo, relativo all’acquisto delle piante e al loro trapianto, ma anche una manutenzione ciclica, per potare la parete verde ed evitare una crescita eccessiva. Per le necessità di coltivazione, bisogna fare riferimento alla specie prescelta: in generale, gli arbusti prediligono terreni morbidi, ben drenanti e profondi, affinché l’apparato radicale si sviluppi senza intoppi.
Oltre alle recinzioni vegetali, decisamente diffuse sono anche le divisioni in legno, si tratti di una classica staccionata oppure di una fitta palizzata. Per realizzare uno steccato a prova di privacy, è sufficiente procurarsi delle stecche di egual misura, da piantare in profondità nel terreno affinché rimangano il più possibile ferme. La staccionata può essere quindi dipinta con vernice per il legno, per mantenerne intatta la durata nel tempo, oppure abbellita con piante rampicanti come il già citato gelsomino.

recinzione-con-siepe
Recinzione con siepe (Fonte http://www.ferraraitalia.it)

In alternativa al legno, è possibile predisporre anche dei muretti divisori in pietra, preferibilmente impiegando varietà locali e dalle forme irregolari, affinché si mantenga un aspetto rustico ben inserito nelle caratteristiche del luogo. Ancora, si può realizzare un mix di pietre e mattoni, per un effetto colorato ma solido, ma anche impiegare materiali di riciclo per la copertura esterna, con abbellimenti di vetro e cocci. Trattandosi di una struttura permanente, tuttavia, è molto probabile che sia necessaria una precisa autorizzazione per costruirla.

recinzione-in-legno
Recinzioni in legno (Fonte http://shoppygps.com/)

Le recinzioni in rete metallica per esempio sono una forma di barriera puramente utilitaristica realizzata tesando i pannelli in rete metallica tra i paletti della recinzione. Le vere recinzioni in rete metallica sono realizzate con reti a maglia quadrata inclinata a 45° in robusto filo di ferro zincato o ricoperto di plastica, sospese a fili metallici a alta resistenza tesi tra i paletti.

Le recinzioni a paletti e catena sono elementi puramente decorativi per impedire sconfinamenti da vialetti e aeree pavimentate su aiuole e prati. La catena metallica è tesa tra corti paletti infissi nel terreno.

Le recinzioni in calcestruzzo prefabbricato offrono la sicurezza e la durata dei muretti e richiedono ben poche manutenzioni. Le sezioni orizzontali a incastro si mettono in opera l’una sopra l’altra sino all’altezza necessaria. Le pannellature sono sostenute da scanalature realizzate nei pilastri in calcestruzzo che sono parte del sistema.

recinzione-con-rete-metallica
Recinzioni con rete metallica (Fonte http://www.diminuto.info/)

Costruire una recinzione economica: messa in opera dei paletti

Il procedimento di messa in opera dei paletti, vale per qualsiasi tipo di paletto che sia di legno o di ferro. E’ il tipo di recinzione che determina se mettere in opera tutti i paletti prima o uno alla volta insieme agli altri componenti. Con le recinzioni a pannelli per esempio si fissa il paletto nel suolo mentre si costruisce la recinzione, invece con quelle in rete metallica si completa la serie dei paletti prima di posare la rete.
La prima cosa da fare è piantare dei picchetti al suolo e si tendono i fili per tenere dritta la linea. Per un buon ancoraggio si interrano i paletti per un quarto circa della loro altezza. Per rimuovere la terra e realizzare lo scavo dove andrà a conficcarsi il paletto si usa l’apposita trivella a mano. Come sostegno della base del paletto per favorire il drenaggio, si riempie il vuoto con pezzi di mattoni o piccoli sassi. Si tiene il paletto in verticale e lo si ferma in quella posizione con tavole inchiodate al paletto e ai picchetti piantati nel suolo, controllando con la livella che sia in verticale. Per i pilastri in calcestruzzo si usano tiranti di funi. Si inseriscono altre macerie intorno al pilastro lasciando libero il foro per una profondità di 30 cm circa da riempire con calcestruzzo. Con la cazzuola si versa il calcestruzzo nel foro intorno al paletto e lo si comprime con la testa di un listello. Si fa sporgere il calcestruzzo dal livello del suolo e lo si lascia dandogli una leggera pendenza verso il suolo. Si lascia indurire il calcestruzzo per una settimana circa prima di rimuovere i puntoni. Le recinzioni a pannelli si sostengono provvisoriamente con puntoni incuneati contro i pilastri. I paletti terminali si sostengono con due puntoni messi a angolo retto.

recinzione-in-bancali
Recinzione fai da te con bancali in legno e piante ornamentali
(Fonte https://www.ideadesigncasa.org)

Come costruire una recinzione economica il legno

Se hai scelto il legno come materiale per la recinzione, allora nella prima fase è necessario segnare il territorio. È importante determinare la posizione del cancello. Pioli e funi sono usati per questa fase. Il gradino tra i pali dovrebbe essere di 2 metri, in modo da garantire che le strutture siano resistenti ai carichi del vento.
Successivamente per i pilastri, la fossa deve essere preparata. Questi lavori sono eseguiti con l'aiuto di una pala. I pilastri sono immersi nel terreno di un quarto della loro lunghezza. Per fissare i supporti, vengono installati i distanziatori e lo spazio nelle fosse è riempito con malta cementizia. Quindi puoi procedere con l'installazione di traversi. Sono recinti fissi, posizionati verticalmente. Sul fase finale   il disegno è dipinto nel colore selezionato. Su questo, possiamo supporre che i lavori di costruzione siano stati completati. Come dimostra la pratica, questa opzione per erigere una recinzione è relativamente semplice, ma tale recinzione può solo diventare temporanea.

Nessun commento

Starbuild.it. Powered by Blogger.