Header Ads

Quale parquet per il riscaldamento a pavimento

Quale parquet per il riscaldamento a pavimento: tipologie e costi

Il riscaldamento a pavimento è uno dei sistemi più utilizzati nella realizzazione di ambienti abitativi non solo perché consente di evitare l’ingombro dei caloriferi, ma anche perché permette un maggiore risparmio energetico e, soprattutto, contribuisce a rendere più calda la stanza nel contatto con il pavimento. Vediamo quale parquet usare per il riscaldamento a pavimento.

quale-parquet-per-il-riscaldamento-a-pavimento
Quale parquet per il riscaldamento a pavimento (Fonte: https://www.edilizia365.it)

Perché usare il parquet con il riscaldamento a pavimento?

Il riscaldamento a pavimento, o radiante, è uno dei migliori sistemi per scaldare gli ambienti abitativi, capace di intiepidire gli spazi con un notevole risparmio energetico e di rendere l’atmosfera più accogliente soprattutto se accompagnato da un pavimento in parquet.

Grazie al suo elevato potere isolante, il legno impedisce il contatto diretto con il calore emesso dai pannelli radianti, ma permette una piacevole sensazione di tepore anche se si cammina scalzi sul pavimento; grazie a questa caratteristica, il parquet consente una diffusione uniforme del calore su tutta la superficie e garantisce un tasso di umidità atmosferica relativa più adatto alle esigenze abitative.

Tecniche di posa e tipologie di parquet

Particolarmente idonei a essere impiegati come copertura di un sistema di riscaldamento a pavimento sono i parquet a due strati che risultano notevolmente stabili poiché meno soggetti alle alterazioni di temperatura e umidità proprio per merito della loro struttura.
Le tecniche di posa più adeguate per un corretto impiego sono sia l’incollaggio sia la posa flottante, ossia tramite un materassino o una barriera vapore idonei alla trasmissione del calore, evitando di lasciare camere d’aria fra il massetto e i listini di parquet. Esiste anche il riscaldamento a battiscopa.

tecniche-di-posa-riscaldamento-a-pavimento-parquet
Tecniche di posa per il riscaldamento a pavimento con il parquet (Fonte: https://www.designmag.it)

Quali sono le essenze di parquet adatte e quelle meno adatte  per il riscaldamento a pavimento?

Non è semplice scegliere il legno ideale per il parquet quando si opta per l'installazione di un riscaldamento a pavimento: il legno è soggetto a dilatazioni e restringimenti con temperature variabili e per questo non tutte le essenze sono adatte a questa tipologia di riscaldamento.
Tra le essenze meno adatte ad essere posate su un impianto a pavimento abbiamo:
- Acero
- Ciliegio
- Faggio
- Frassino
- Abete e larice
- Wenge
Quelle adatte per la posa del parquet con il riscaldamento a pavimento ci sono:
- Rovere
- Noce
- Legni esotici come: Afrormosia, Iroko, Paduk, Teak e Doussiè.

I vantaggi del riscaldamento a pavimento

Il riscaldamento dal basso consentirà un grande risparmio energetico oltre ad assicurare tepore in ogni angolo della casa. Se ben realizzato il pavimento consentirà una temperatura costante e un tasso di umidità poco variabile, grazie ai quali anche la conservazione del parquet sarà migliore.
Il legno è un materiale vivo e proprio questa sua caratteristica rende necessarie alcune attenzioni in più per la posa del parquet su pavimento riscaldato, mentre il suo alto potere isolante impedisce il contatto diretto con il calore emesso, permettendone una diffusione più uniforme e confortevole. Il riscaldamento a pavimento non presenta solo vantaggi ma anche qualche svantaggio.

vantaggi-riscaldamento-a-pavimento-parquet
Vantaggi riscaldamento a pavimento con parquet (Fonte: https://www.fratellipellizzari.it)

Scegliere il parquet migliore per il riscaldamento a pavimento

Come detto precedentemente, per scegliere il parquet ideale per l'installazione nella propria abitazione di un impianto di riscaldamento a pavimento, è necessario conoscere le caratteristiche primarie della materia prima di costruzione del parquet e le sue potenzialità nell'installazione nei locali dell'abitazione. Qui di seguito si elencano alcuni capisaldi di importanza fondamentale per fare la giusta scelta:
  • il legno per il vostro futuro parquet, se non è un prodotto prefinito, deve trovarsi nella vostra abitazione almeno una settimana prima della sua installazione per permettere l'acclimatizzazione;
  • tra il battiscopa e la parete deve esser lasciato uno spazio di almeno di un 1 cm per permettere ai listoni di fluttuare in base alle sollecitazioni e al livello di scalpiccio, evitando, inoltre i rigonfiamenti;
  • il massetto deve asciugare prima che il parquet sia messo in opera;
  • scegliere tipologie di legno che risentono meno delle variazioni climatiche come il il teak, il rovere o l'iroko più stabili del faggio o dell'olivo, di altezza tra i 10 e 15 mm;
  • nella fase di incollaggio sarebbe più indicato l'utilizzo di colle ecologiche in quanto durante il surriscaldamento potrebbero emettere delle sostanze nocive.

Nessun commento

Starbuild.it. Powered by Blogger.