Header Ads

Come costruire un muro a secco

Come costruire un muro a secco

L‘impiego della pietra per costruire le murature, al quale l’architettura deve molte e imponenti opere del passato, è stato ormai generalmente abbandonato, salvo nel caso, ancora abbastanza frequente nell’Italia meridionale, di piccole costruzioni rurali realizzate con murature in pietra tenera. I tipi di murature di pietra più comuni sono:

  • Murature di pietrame greggio;
  • Murature di pietrame grossolanamente lavorato;
  • Murature di pietra squadrata;
  • Murature di pietrame listato con mattoni.

come-costruire-un-muro-a-secco
Muretto a secco (Fonte: www.faidatehobby.it)

Sistemi costruttivi tradizionali: i muri a secco

I sistemi costruttivi tradizionali comprendono l’insieme delle soluzioni e delle invenzioni tecniche che l’uomo è venuto man mano perfezionando per la realizzazione degli edifici. Sono sistemi originali, affinati nel tempo, che variano a seconda dei contesti ambientali, dei materiali impiegati e della necessità di attrezzature, ma anche dell’abilità e della quantità di manodopera: la loro caratteristica è lo stretto rapporto tra le esigenze abitative e le risorse naturali localmente disponibili. i sistemi costruttivi tradizionali sono, in genere, caratterizzati da:

  • Impostazione del lavoro e dell’impiego della manodopera su basi non molto diverse da quelle artigianali;
  • Impiego di materiali e semilavorati da posare in opera per giustapposizione, con eventuali aggiustaggi per adattarli alle dimensioni degli elementi costruttivi da realizzare;
  • Elevata incidenza della manodopera per tutte le operazioni di trasporto, immagazzinamento, sollevamento e posa in opera.
come-costruire-un-muro-a-secco-trulli
Costruzione a trullo, tipica della Puglia, di pietrame a secco e lastre di copertura (Fonte: www.alloggionline.com)

Cosa sono i muri a secco e dove venivano utilizzati

Tra le murature di pietrame greggio il tipo più semplice è sempre quello costituito di pietre sovrapposte senza l’impiego di malta, in modo da formare il cosiddetto muro a secco, usato nelle opere di sostegno del terreno o in modeste recinzioni di campagna. Il muro a secco era anche impiegato per realizzare piccoli edifici per abitazione o per il ricovero degli animali, oppure in montagna per la realizzazione di malghe e ricoveri. In questo caso, venivano spesso utilizzate le pietre più piatte, riempendo con sassi e scaglie i vuoti rimanenti. Le murature di pietrame avevano sempre notevole spessore: alcuni manuali del passato consigliavano uno spessore minimo pari a un quinto dell’altezza e spessori molto maggiori per i muri di sostegno del terreno, peri quali i muri a secco erano particolarmente indicati perchè non trattenevano l’acqua nel terreno, mantenendo migliori condizioni di stabilità del manufatto.
Il pietrame greggio è stato impiegato anche in molti altri tipi di murature nei quali le pietre, di forma più o meno regolare e con almeno due facce pressochè parallele, venivano giustapposte tra loro e unite con malta ben costipata per formare i giunti e i letti di posa. Questa tecnica era di uso molto comune per i muri di fondazione o per quelli fuori terra per i quali era prevista l’intonacatura.

come-si-costruisce-un-muro-a-secco
Fase di realizzazione di un muro a secco (Fonte: www.faidatehobby.it)

Come si costruisce un muro a secco

Un muro a secco è teoricamente più difficile da realizzare rispetto ad un muro che fa uso di cemento. ll motivo è semplice, la malta ci consente di legare le pietre tra loro e conferire stabilità al muro anche quando le pietre risultassero mal disposte. Oltre a questo è necessario molto tempo e pazienza poichè in un giorno difficilmente si potrà posare più di un metro cubo di pietre considerando che le pietre devono essere scelte ed eventualmente lavorate ad una ad una per poterle inserire nella muratura. Per un muro a secco bisogna invece lavorare con pazienza cercando di mettere la pietra giusta nel posto giusto. La solidità del muro è in gran parte dovuta all'abilità di far combaciare le pietre il più possibile, come in una sorta di puzzle in cui ogni pezzo deve trovare la sua giusta collocazione.
Se il muretto che vogliamo costruire è alto poche decine di centimetri (dai 20 ai 50) il lavoro è quasi alla portata di tutti. Ciò di cui abbiamo bisogno sono le pietre e più queste sono già squadrate più sarà facile tirare su il nostro muretto a secco. In natura però difficilmente troveremo pietre di questo tipo e perciò bisognerà, all'occorrenza, servirsi di uno scalpello e di un mazzuolo per rompere le pietre in quei punti strategici che ci consentiranno di farle combaciare nel modo migliore.
Più il muro a secco è alto e più dovrà anche essere profondo per garantirgli stabilità; un muretto a secco di 50 cm di altezza dovrebbe avere una profondità minima di almeno 30 centimetri e se la profondità fosse uguale all'altezza questo sarebbe ancora meglio.

Nessun commento

Starbuild.it. Powered by Blogger.