Header Ads

Opere di Renzo Piano

Opere di Renzo Piano: tra architettura e ingegneria dal Centre Pompidou di Parigi a Potsdamer Platz di Berlino

Renzo Piano nato a Genova, 14 settembre 1937 è un architetto e senatore a vita italiano. È tra i più noti, prolifici e attivi architetti a livello internazionale, vincitore del Premio Pritzker consegnatogli dal Presidente degli Stati Uniti Bill Clinton alla Casa Bianca nel 1998. Nel 2006 diventa il primo italiano inserito dal TIME nella Time 100, l'elenco delle 100 personalità più influenti del mondo, nonché tra le dieci più importanti del mondo nella categoria Arte e intrattenimento.  Dal premio Pritzker, il nobel dell’architettura, nel 1998 alla nomina di senatore a vita nel 2013, la sua carriera è stata un tripudio di successi.

Centro-Botin_Renzo-Piano
Centro Botin a Santander Spagna (Fonte: www.inexhibit.com)

Renzo Piano e l’arte di costruire

Il rapporto privilegiato che le architetture di Renzo Piano instaurano con la “città vecchia” esprime più di ogni altra intenzione la possibilità di coniugare in una sola immagine antico e moderno. Con la vittoria nel 1971, in coppia con l’architetto inglese Richard Rogers, del Concorso internazionale per realizzare nel cuore di Parigi il Centre Pompidou, il più grande museo europeo d’arte contemporanea, noto anche come Beaubourg, l’inizio della magistrale attività progettuale di Piano attua da subito un serrato confronto con la storia, con le sue stratificazioni sedimentate nei tessuti urbani, e al tempo stesso anticipa, con le soluzioni di volta in volta adottate, sempre mutevoli, lontano da etichette precostituite e senza cadere nelle moderne correnti, i successivi sviluppi che impronteranno la ricerca nel campo delle costruzioni.

Centre-Pompidou-Renzo-Piano
Centre Pompidou a Parigi – arch. Renzo Piano (Fonte: youmedia.fanpage.it)

Renzo Piano e la cultura del fare

Tutta l’opera di Renzo Piano può essere considerata come un solo e suggestivo work in progress nel quale sussistono e persistono immutati alcuni saldi processi del mestiere dell’architetto: la sperimentazione e la ricerca sui materiali, il perseguimento del concetto di leggerezza e di versatilità poetica delle forme e delle idee, la rivisitazione e l’assunzione dei tipi tradizionali della città (la strada, la piazza, la galleria, l’isolato urbano), il rispetto del luogo e delle sue risorse con l’inserimento invasivo dell’elemento naturale, sia esso vegetazione diffusa, acqua, luce o l’aria che fa vibrare le strutture.

Padiglione-Kimbell-Art-Museum-Renzo-Piano
Padiglione Kimbell Art Museum – Renzo Piano (Fonte: www.floornature.it/)

Gli esordi di Renzo Piano sono incentrati sulla sperimentazione di materiali innovativi, prevalentemente termoplastici e prodotti derivati dalla chimica, con la verifica di prove di laboratorio per plasmare forme organiche articolate, consentendo di avvicinarsi alla pratica del cantiere, di mettere a fuoco le dinamiche complesse della costruzione attraverso tecnologie non impattive. L’opera di Renzo Piano è forse quella che più di ogni altra espressione, tra le infinite sfaccettature dell’architettura contemporanea, ha tradotto e modellato con la materia le sei proposte per il nuovo millennio elencate da Italo Calvino nelle “Lezioni americane”: leggerezza, rapidità, esattezza, visibilità, molteplicità, coerenza sono proprietà che, con gradienti diversi, possono certamente descrivere le sue architetture.

Fondazione-Beyeler-Renzo-Piano
Fondazione Beyeler a Basilea – Renzo Piano (Fonte: ordinarysilly.blogspot.com/)

Renzo Piano, le 10 opere più belle e famose


  • 1971-77 Centre George Pompidou di Parigi. Il Beaubourg, inaugurato nel 1977 e realizzato con Richard Rogers, è il manifesto dell’architettura hi-tech. Qui l’edificio è come un corpo umano che si è spogliato della sua pelle, del suo rivestimento, e mette in mostra tubi e canali di cui è fatto.
  • 1983- 2002 Lingotto di Torino. In questo vasto intervento di recupero di archeologia industriale, Piano realizza due elementi caratteristici della sua «maniera»: la Pinacoteca Agnelli, che è uno scrigno posto alla sommità, e l’Auditorium, scavato fino a circa 10 metri di profondità, ha un sistema automatico di parti in movimento che può variare la capienza.
Lingotto-Torino-Fiat-Pinacoteca-Giovanni-e-Marella-Agnelli-Renzo-Piano
Pinacoteca Giovanni e Marella Agnelli Lingotto Torino – Renzo Piano (Fonte: www.inexhibit.com/)

  • 1988-2001 Porto di Genova. La ristrutturazione del Porto Antico è iniziata per le celebrazioni colombiane (Expo ’92). Piano ha riqualificato l’area dei Magazzini del Cotone e del Millo e ha aggiunto l’Acquario e il Bigo, l’ascensore panoramico, che sono diventate due attrazioni turistiche della città. L’area ha avuto un nuovo intervento di riqualificazione nel 2001 sempre a opera di Piano, in occasione del G8.
Porto-di-Genova-Renzo-Piano
Porto di Genova – Renzo Piano (Fonte: www.designerblog.it)


  • 1991-1997 Fondazione Beyeler. Il Centro Beyeler a Basilea è un piccolo, ma sapiente, intervento per la creazione di uno spazio espositivo per l’arte contemporanea. Fra Beyeler e Piano si stabilì una profonda intesa. Alla fine del lavoro, l’architetto si sentirà collezionista e il collezionista si sentirà architetto. Edificio curato nei minimi particolari, dal giardino alla scelta dei serramenti.
  • 1991-1998 Centro culturale Tjibaou in Nuova Caledonia. Centro sorto a Nouméa per celebrare la memoria del leader indipendentista della comunità Kanak. Tutto ipogeo, quel che emerge sono grandi vele che richiamano le capanne kanake. Intervento tecnologico ma che esalta il genius loci e l’identità.
centro-culturale-Tjibaou-Renzo-Piano
Centro culturale Tjibaou in Nuova Caledonia (Fonte: www.arte.rai.it/)

  • 1992-2000 Postdamer Platz a Berlino. Al momento della sua riunificazione nei primi anni Novanta, Renzo Piano ha intrapreso un progetto monumentale: la ricostruzione della famosa Potsdamer Platz, uno dei luoghi più devastati della città durante la Seconda Guerra Mondiale. Frutto dell’ingegno di Renzo Piano anche la Torre Debis, un'idea che mescola materiali diversi come i mattoni per le pareti e il vetro e l'acciaio per le facciate. Quasi come se Piano avesse voluto unire due anime diverse in unico disegno. Un po’ come la stessa Berlino. Tecnologia che strizza l’occhio alla sostenibilità: i diversi materiali che compongono le varie facciate, infatti, sono in grado di assorbire il calore del sole per raffreddare o riscaldare l'edificio a seconda della stagione.
Postdamer-Platz-Renzo-Piano
Postdamer Platz a Berlino – Renzo Piano (Fonte: www.archilovers.com)

  • 1994-2002 Auditorium Parco della musica di Roma. Complesso che si sviluppa su un’area di 55mila metri quadrati. I volumi principali sono costituiti da tre sale da concerto, in edifici di diverse dimensioni che gravitano su un anfiteatro aperto (cavea) posto al centro, e che può contenere sino a 3000 spettatori. La sua forma ricorda quella di uno scarabeo.
Auditorium-Parco-della-Musica-Roma-Renzo-Piano
Auditorium Parco della Musica a Roma – Renzo Piano (Fonte: www.thingsiliketoday.com)

  • 2000-2012 Shard di Londra. Con i suoi 310 metri di altezza, la Scheggia di 87 piani è il secondo grattacielo più alto d’Europa. Realizzato tra City e Torre di Londra fu tra i primi a non dotarsi di parcheggi con l’esplicita intenzione di rendere fruibile in centro solo attraverso i mezzo pubblici. Ha forma di piramide irregolare ed interamente rivestito in vetro.
  • 2002-2013, Quartiere Le Albere a Trento. Il Quartiere Le Albere, realizzato nel sito della vecchia fabbrica Michelin, rappresenta oggi una nuova zona del centro di Trento. Questa ex area industriale, in seguito al processo di trasformazione, oggi condivide molte caratteristiche con il tessuto urbano proprio della città di Trento: la chiara gerarchia progettuale, la stratificazione funzionale e soprattutto una similitudine nelle dimensioni degli edifici e nell’uso dei materiali impiegati per la loro realizzazione. Questo progetto di rigenerazione urbana ha fatto sì che la città potesse nuovamente collegarsi con il contesto urbano circostante, definito dal vicino fiume Adige e dal Monte Bondone.
quartiere-Le-Alberte-Trento-Renzo-Piano
Quartiere Le Alberte, Trento – Renzo Piano (Fonte: www.abitare.it)

  • 2002-2013, Muse  Museo delle Scienze, Trento. Il nuovo Museo delle scienze di Trento. Il 27 Luglio, a ovest del centro storico di Trento, ha aperto le sue porte il nuovo Museo delle Scienze, il MUSE, primo museo in Italia a riunire natura, scienza, tecnologia e analizzare i problemi etici e sociali che si presentano quotidianamente nella nostra vita. I nuovi spazi progettati da Renzo Piano si inquadrano a livello urbanistico nell’area ex–Michelin, oggetto di intervento progettuale denominata “Le Albere” e delineanoun importante polo di attrazione socio–culturale e scientifico. Nelle vicinanze del museo sono stati realizzati un grande parco urbano, una zona residenziale e una commerciale. L’intero intervento volumetrico è ripartito in undici blocchi, con particolare attenzione alla sostenibilità ambientale e all’efficienza energetica.
MUSE-Trento-Renzo-Piano
Il nuovo Museo delle scienze di Trento (Fonte: www.architetturaecosostenibile.it)


Altre opere famose di Renzo Piano:
  • Zentrum Paul Klee di Berna
  • IRCAM, Instituto per la ricerca musicale di Parigi
  • Riqualificazione del centro di Otranto con un progetto dell'UNESCO
  • Spazio musicale per l'opera Prometeo di Luigi Nono a Venezia
  • The Menil Collection a Houston
  • Stazioni metropolitane Principe, Darsena, Brin e Dinegro di Genova
  • Stadio di Bari
  • Restauro della Basilica Palladiana a Vicenza
  • Kandhar Center di Sestriere
  • New York Times Tower, sede del New York Times a New York
  • Kansai International Airport di Osaka
  • Cité Internationale di Lione
  • Aula liturgica per Padre Pio a San Giovanni Rotondo
  • Centro design Daimler Benz, Sindelfingen, Stoccarda
  • Galleria del vento della Ferrari, Maranello, Modena
  • Auditorium Niccolò Paganini, Parma
  • Monastero francescano, San Giovanni Rotondo
  • Maison Hermes, Tokyo
  • Nemo Museum Amsterdam 1992
  • The Art Institute of Chicago – The Modern Wing, Chicago
  • Ristruturazione e ampliamento della Morgan Library, New York
  • Riqualificazione e ampliamento del Harvard Art Museum, Cambridge.
Zentrum-paul-Klee-Renzo-Piano
Zentrum Paul Klee, Svizzera 2005 – Renzo Piano (Fonte: /www.myswitzerland.com)




Nessun commento

Starbuild.it. Powered by Blogger.