Il pavimento sportivo

Il pavimento sportivo: cos’è e tipologie


Per le aree multi-sport o gli spazi destinati alla pratica di discipline specifiche esistono soluzioni studiate appositamente per garantire la massima sicurezza d’uso e soddisfare ogni esigenza sportiva. Gomma, PVC autoposante, parquet e resine: sono numerosi i materiali che si prestano alla realizzazione di pavimentazioni sportive.

pavimenti-sportivi
Pavimentazione sportiva polifunzionale in una palestra scolastica (Fonte: www.jokerfloors.com/)


Le pavimentazioni interne hanno la funzione di conferire alle superfici di calpestio il grado di finitura richiesto e di rimettere i carichi di servizio alle strutture orizzontali degli edifici, ovvero i solai oppure direttamente al terreno. Il pavimento sportivo è un tipo particolare di pavimentazione utilizzato in palestre e palazzetti dello sport.

Cos’è un pavimento sportivo

Il pavimento sportivo, detto anche pavimento resiliente, è un pavimento costituito da materiali che offrono una maggiore flessibilità rispetto ai cosiddetti pavimenti duri. Tali materiali sottoposti ad una pressione applicata in superficie hanno la proprietà, detta appunto resilienza, di deformarsi in maniera elastica riassumendo la configurazione iniziale una volta eliminata la sollecitazione esterna. I pavimenti resilienti sono dotati di uno strato di rivestimento di materiale resiliente, capace di trasformare la maggior parte dell’energia meccanica generata dal calpestio in energia termica.

A questa categoria appartengono i pavimenti in gomma, pvc, linoleum, e moquette. Storicamente il primo pavimento resiliente che ha avuto larga applicazione è stato il linoleum, ampiamente prodotto partendo da materie prime naturali. I pavimenti resilienti sono molto usati negli ospedali, scuole, palestre e palazzetti dello sport e locali pubblici.

pavimento-sportivo-in-PVC
Pavimentazione sportiva in PVC (Fonte: www.archiproducts.com)

Tipologie di pavimentazioni sportive per palestre

A causa della loro particolare posizione, le pavimentazioni interne sono interessate da vari fenomeni fisici e chimici, che dipendono dalle attività svolte negli ambienti e dalla destinazione dell’edificio. La scelta del tipo di pavimento più adatto è di grande importanza ai fini della funzionalità  e della piacevolezza degli ambienti. Le pavimentazioni sportive per palestre in genere si dividono in due tipi:

  • Pavimentazioni sportive fisse: Le pavimentazioni sportive fisse offrono indispensabili caratteristiche di resistenza, durevolezza e semplice manutenzione. Destinati ad ambienti in cui praticare varie tipologie di sport.
  • Pavimentazioni sportive smontabili: Le pavimentazioni sportive smontabili o assemblabili sono ideali per grandi palestre interne, sale sportive e palazzetti dello sport.  Essendo removibili facilmente, risultano ideali per essere posate in occasione di manifestazioni, concerti, fiere o eventi temporanei che richiedano una pavimentazione in legno robusta. Il pavimento sportivo smontabile o assemblabile è la soluzione ideale nelle strutture ove la pratica sportiva si alterna frequentemente ad eventi non sportivi.

pavimentazione-sportiva-in-legno
Pavimentazione sportiva fissa in legno per impianti sportivi indoor (Fonte: www.pavimentipersport.it)

Tipologie in base ai materiali

Vediamo una carrellata dei materiali più utilizzati per le pavimentazioni sportive con pregi e difetti:
  • Pavimentazioni sportive in legno con parquet sportivo: i pavimenti sportivi in legno sono adatti per ogni area destinata alla pratica dello sport e altre attività indoor, incluse palestre, sale fitness, strutture sportive e stanze polivalenti. I pavimenti sportivi in legno possiedono caratteristiche aeroelastiche uniche, che assicurano agli atleti una perfetta libertà di movimento, protezione contro gli infortuni e la garanzia di poter esprimere il loro potenziale al massimo. I pavimenti sportivi in legno sono pavimentazioni di alta qualità per ogni tipo di palestra o centro sportivo, come campi da basket, campi da pallamano, campi da pallavolo, campi da calcetto, campi da badminton, campi da squash e strutture polivalenti.
  • Pavimentazioni sportive in linoleum: il linoleum è un materiale utilizzato per le pavimentazioni sportive realizzato con materie prime rinnovabili. I pavimenti acustici in linoleum creano ambienti sani, riducendo il rumore degli edifici e abbinando materie prime naturali all'eccellente abbattimento acustico.
  • Pavimentazioni sportive in gomma: Nella costruzione di campi da calcetto, tennis, volley, basket, pallamano e piste di atletica le pavimentazioni sportive in gomma rappresentano un valido alleato per coniugare estetica e funzionalità. Sia che si parli di pavimentazioni in gomma naturale o sintetica sono infatti numerosi i vantaggi di questa tipologia di manto per la pratica sportiva. La gomma ha caratteristiche antistatiche, antisdrucciolo e antiriflesso, oltre a garantire il perfetto isolamento termico del pavimento e una facile manutenzione.
  • Pavimentazioni sportive in PVC: Tra le migliori soluzioni per la realizzazione di pavimenti resilienti, ovvero capaci di restituire la potenza che gli atleti scaricano a terra, il PVC è la scelta ideale per campi da calcetto, tennis, volley, basket e pallamano. La resilienza è infatti una proprietà del PVC che consente alla pavimentazione di deformarsi e riprendere la propria forma originaria a seguito di ogni sollecitazione prodotta dalla pratica sportiva. Facilità di pulizia e ottima resistenza alla polvere e allo sporco per l’assenza di giunti rendono il PVC anche una scelta strategica per un ambiente dove l’igiene ricopre un ruolo importante. 
pavimento-sportivo-indoor-in-gomma
Pavimentazione sportiva per spazi aperti e indoor  in gomma
per un campo da tennis (Fonte: www.giwa.it)

Prestazioni dei pavimenti sportivi

A seconda delle destinazioni, alle pavimentazioni sportive devono soddisfare le seguenti prestazioni:
  • Coefficiente d’attrito: il coefficiente d’attrito deve avere valori adeguatamente elevati non soltanto per l’eliminazione delle barriere architettoniche , ma anche in generale per evitare i rischi connessi con un’eccessiva scivolosità del pavimento.
  • Pulibilità: la pulibilità, cioè la possibilità di ripristinare le normali condizioni di pulizia del pavimento, è essenzialmente legata alla porosità superficiale del materiale di rivestimento. In generale quindi sono facilmente pulibili i pavimenti sportivi in legno, linoleum o prodotti resilienti a superficie liscia.
  • Asetticità: l’asetticità è l’attitudine a impedire l’insediamento e la proliferazione di batterinelle porosità e negli interstizi superficiali dei pavimenti.
  • Reazione al fuoco: i materiali impiegati nella realizzazione dei pavimenti hanno comportamenti al fuoco diversi. La reazione al fuoco deve essere valutata nel caso di prodotti lignei e dei materiali resilienti e resinosi quando vengono utilizzati in edifici soggetti alle norme di prevenzione incendi come le palestre.
  • Resistenza all’usura: i materiali per pavimenti hanno comportamenti notevolmente differenziati rispetto alla resistenza all’usura. La scelta dei prodotti deve essere quindi cindotta in base alla destinazione dell’ambiente e all’intensità del traffico, tenendo conto delle caratteristiche di resistenza tipiche di ciascuna categoria di materiale.
  • Resistenza agli urti: la resistenza agli urti deve essere considerata in relazione alla massa e alla durezza dei corpi contundenti. In genere i materiali utilizzati per le pavimentazioni sportive come il legno o quelli resilienti, possono subire ammaccature, scheggiature oppure incisioni a causa dell’impatto di oggetti con spigoli vivi.

Leggi anche questo articolo: Pavimento per palestra, quale scegliere?


Nessun commento

Starbuild.it. Powered by Blogger.