Vasca Imhoff

Vasca Imhoff: cos’è e come funziona

La vasca Imhoff, o fossa Imhoff, è un dispositivo utilizzato per il trattamento dei liquami nei piccoli o medi impianti di depurazione. Vediamo cos'è e come funziona la vasca Imhoff e come si differenzia dalle altre fosse biologiche.

vasca Imhoff
Esempio di fossa biologica in calcestruzzo (Fonte: www.tuttogreen.it)

Come trattare le acque reflue con la vasca Imhoff

Lo smaltimento e il trattamento delle acque reflue domestiche è affidato, nella maggioranza dei casi, al tradizionale sistema fognario che prevede, attraverso un sistema di canalizzazioni, il trasporto delle acque grigie e nere ad un depuratore.
Nel caso in cui, invece, non sia possibile collegarsi alla fognatura comunale, per gli insediamenti di piccole dimensioni, la normativa, in particolare il D.lgs 152/99 e il D.Lgs. 152/06, prevede la possibilità di dotarsi di sistemi individuali o altri sistemi pubblici o privati adeguati che raggiungano lo stesso livello di protezione ambientale (delle reti fognarie), indicando i tempi di adeguamento degli scarichi a detti sistemi.

Come funziona una vasca Imhoff e come è composta

La vasca Imhoff è costituita da due compartimenti realizzati in genere in cemento armato, interrati uno sopra l’altro e comunicanti tramite tubi idraulici:

  • il compartimento superiore, detto di sedimentazione è costituito da una parte superiore a sezione rettangolare e da una parte inferiore a sezione triangolare con il vertice in basso che comunica con la vasca inferiore
  • il compartimento inferiore, detto di digestione nel quale affluiscono i fanghi sedimentabili

La vasca Imhoff depura direttamente i vari liquami, di modo da rendere possibile la loro dispersione nei terreni in assenza di rete fognaria attraverso il drenaggio nel terreno. L’acqua, infatti, defluisce lungo il canale di sedimentazione per uscire dalla parte opposta priva dei solidi sedimentabili che si separano per gravità per poi depositarsi sul fondo del vano sottostante, dove subiscono una digestione anaerobica da parte di batteri che producono del bio-gas, che viene espulso attraverso degli sfiatatoi laterali, mentre i fanghi digeriti si stratificano sul fondo e l’acqua ripulita può essere espulsa nel terreno circostante.

vasca-biologica-Imhoff
Vasca biologica tipo Imhoff (Fonte: www.tuttogreen.it)

Funzionamento e dimensionamento delle vasche Imhoff

L'impianto, che prende il nome dal suo inventore, l'ingegnere tedesco Karl Imhoff, è costituito da due vasche prefabbricate poste una nell'altra, nelle quali vengono convogliate le acque nere prodotte dalla singola abitazione o dal piccolo nucleo insediativo.
I liquami, trasportati attraverso le tubazioni interrate con una opportuna pendenza, vengono spinti nella prima vasca, detta di sedimentazione, nella quale, grazie anche alla sua forma conica, le porzioni più pesanti di materia vengono spinte nella seconda vasca, quella inferiore, di accumulo, nella quale avviene il processo di purificazione.
Tale fase viene effettuata grazie alla presenza di batteri anaerobici che, attraverso il processo di digestione della parte organica, trasformano i fanghi in acqua, anidride carbonica e metano.
I gas prodotti vengono fatti fuoriuscire all'esterno tramite degli sfiatatoi che evitano così il crearsi di una pressione interna alle vasche eccessiva.

Il dimensionamento della vasca Imhoff è legato, chiaramente, al numero di utenti che l'impianto deve servire: la normativa indica per la vasca di sedimentazione 0,4 mc per utente; per quella di accumulo di 0,1 mc.

Leggi anche: Il degrassatore, cos'è e quando serve


Le normative specifiche da seguire per l’installazione

La vasca Imhoff va interrata su un terreno pianeggiante per evitare la fuoriuscita di liquami e deve essere distante per legge dai confini almeno 2 metri e 1 metro dalle fondamenta dell’edificio, ma soprattutto, deve essere lontana da pozzi, serbatoi e tubazioni dell’acqua potabile per evitare una contaminazione nociva per la salute.

C’è da tenere presente che le vasche Imhoff non sono in genere sufficienti per assicurare il rispetto dei parametri indicati nel D. Lgs.152/99, ma sono comunque ammesse come sistemi di smaltimento di piccoli insediamenti non serviti dalla rete fognaria. Si consiglia pertanto, nell’interesse dell’ambiente e delle persone che frequentano gli insediamenti circostanti, di adottare altri tipi di sistemi di smaltimento, come ad esempio i depuratori biologici a fanghi attivi ad ossidazione totale.
Per maggiori informazioni sulle vasche Imhoff vi invitiamo a contattare una ditta specializzata. I tecnici sapranno spiegare più nel dettaglio funzionamento, vantaggi e modalità di installazione.

Per approfondire leggi anche questo: Struttura impianto di scarico domestico



Nessun commento

Starbuild.it. Powered by Blogger.