Rivestimento plastico murale: tutto quello che c'è da sapere

Il rivestimento plastico murale acrilico a base di gnaniglie di quarzo è un tipo particolare di rivestimento di finitura delle superfici murarie molto resistente ed economico.

Approfondiamo le sue caratteristiche e vediamo come si applica.

rivestimento-plastico-murale
Rivestimento plastico murale (foto di Ralphs_Fotos - Fonte: pixabay.com)

Indice

  1. Cos'è il rivestimento plastico murale
  2. Caratteristiche tecniche
  3. Quali sono gli impieghi del rivestimento plastico murale
  4. Messa in opera del rivestimento plastico murale
  5. Conclusioni

 

Cos'è il rivestimento plastico murale

Il rivestimento plastico murale è un rivestimento plastico continuo, monocomponente, opaco, acrilsilossanico ad essiccamento fisico. Si tratta di un rivestimento a base di resine sintetiche acriliche in dispersione acquosa contenente al suo interno graniglie di quarzo e marmo selezionate al vaglio. 

Inoltre questo particolare rivestimento è composto da speciali additivi che migliorano l'applicazione e la filmazione e previene la formazione di muffe e funghi grazie alla sua azione antibattericida. Per la classificazione secondo normativa bisogna fare riferimento alle schede tecniche EN 15824

pittura al quarzo
Pittura al quarzo per muri interni

scopri su amazon

Caratteristiche tecniche 

Il rivestimento plastico murale con graniglia di quarzo è una vernice utilizzata per dipingere le pareti interne ed esterne. La troviamo in commercio nei negozi fisici oppure online in confezioni da 25 kg ed è praticamente pronta all'uso. Il tempo di essicazione una volta applicato il prodotto varia dalle 12 h alle 24 h a seconda del grado di umidità atmosferica presente. 

Per l'applicazione del prodotto è consigliata una temperatura tra i 5° e i 35° con un valore di umidità relativa inferiore 85%. Il rivestimento plastico murale teme il freddo perciò è bene conservarlo in un luogo asciutto, lontano da fonti di calore, ad una temperatura compresa tra +5°C e +30°C.


Andiamo ora a riassumere quindi le caratteristiche tecniche di questo straordinario prodotto:

  • Stato fisico: pastoso 
  • Resina legante: acrilica 
  • Colore: bianco e colori tonalità chiare
  • Massa volumica: 2,00 Kg/l 
  • Residuo secco in peso: 80 %
  • pH: 8 
  • Spessori: circa 1,5 mm (grana media) o 2,00 mm (grana fine)
  • Direttiva 2004/42/CE
  • Valore VOC per questo prodotto: 15 gr/Lt

Scarica la scheda tecnica --> CLICCA QUI

Quali sono gli impieghi del rivestimento plastico murale

Ora che abbiamo analizzato cos'è e quali sono le sue caratteristiche chimico-fisiche andiamo a vedere invece quali sono i campi di applicazione di questo rivestimento.

Il rivestimento plastico murale viene applicato in edilizia come strato di finitura di pareti interne ed esterne di edifici nuovi o esistenti (ristrutturazioni edilizie) e quando vi è l'esigenza di una elevata protezione contro gli agenti atmosferici.

La palette di colori e tinte è molto ampia in modo da coordinarsi facilmente con il resto della costruzione. 

Questo rivestimento si può applicare praticamente sopra qualsiasi tipo di supporto (calcestruzzo, intonaci nuovi e vecchi a base di leganti idraulici, vecchie pitture, conglomerati di varia natura minerale, rivestimenti di natura organica o minerale).

La cosa importante quando si applica questo rivestimento è che il supporto sia asciutto, compatto, coeso e assorbente, al contrario non deve essere fresco o bagnato.


Messa in opera del rivestimento plastico murale

Per finire ora andremo a vedere come avviene la messa in opera del rivestimento plastico murale a base di graniglie di quarzo e marmo. Come sottolineato nel paragrafo precedente il rivestimento plastico murale si può applicare sopra qualsiasi tipo di supporto purchè sia asciutto ed assorbente. Vediamo ora i due principali esempi di supporti dove viene applicato questo rivestimento:

  • su superfici intonacate
  • su superfici cementizie e calcestruzzo.
 
video posa rivestimento
 

Applicazione su superfici intonacate 

In questo caso bisogna accertarsi che la superficie intonacata sia ben asciutta, senza macchie di umidità. Se c'è la presenza di muffa e macchie procedete alla loro rimozione (per sapere come fare leggi questo articolo: clicca qui). Così facendo andate a rimuovere efflorescenze e parti sfoglianti in modo da pulire la superficie e prepararla alla successiva posa del rivestimento plastico. 

Allo stesso modo asportate anche i depositi di polvere dalla superficie interessata con una spazzola. Se ci sono crepe e fessurazioni andate a chiuderle e tamponarle con dello stucco (per sapere come fare leggi questo articolo: clicca qui) e livellate tutte le irregolarità presenti del supporto. A questo punto procedete con la messa in opera con spatola in acciaio. Prima di questa operazione si procede con l'applicazione di una mano di primer in tinta data a pennello per uniformare l'assorbimento del supporto.

Applicazione su superfici cementizie e calcestruzzo

Anche in questo caso si procede alla pulizia e spazzolatura della superficie da trattare per rimuovere residui di sporco e polvere ma anche in questo caso per asportare le parti strutturali di cemento scarsamente aderenti. Se ci sono tondini metallici dell'armatura affioranti occorre trattarli con specifici prodotti per la protezione anticorrosiva. Se ci sono delle parti mancanti queste vanno queste vanno chiuse e ripristinate con delle malte specifiche anti ritiro tixotropiche fibro rinforzata. 

Infine, a seconda della tipologia del supporto, va applicata la rasatura finale. Una colta terminata questa operazione si procede con l'applicazione di una mano di primer dello stesso colore per uniformare l'assorbimento del supporto. A questo punto si aspettano 3-4 ore e si procede con l'applicazione del rivestimento plastico con una spatola di acciaio. 


Conclusioni

Abbiamo visto cos'è, come si applica, quali sono le sue caratteristiche e gli impieghi più comuni del rivestimento plastico murale a base acrilica con granuli di quarzo. A prescindere dal tipo di supporto e superficie a cui viene applicato prima di posarlo occorre mescolare bene il prodotto nel suo contenitore con un agitatore meccanico a rotazione lenta. Fatta questa operazione per qualche minuto si procede alla sua stesura con una spatola di acciaio facendo movimenti circolari pulendo spesso l'attrezzo. In base al grado di umidità ci vogliono dalle 12 alle 24 ore per l'essicazione completa del prodotto.

AVVERTENZE:

Quando aprite un contenitore cercate di utilizzarlo tutto o comunque  evitate di tenere il contenitore aperto.

Inoltre, non mescolate il prodotto vecchio con uno nuovo appena acquistato. Altra cosa evitate l'applicazione del prodotto quando le pareti sono esposte direttamente a sud, in presenza di forte vento ed a temperatura inferiore ai 5°C onde evitare la formazione di crateri superficiali. Il prodotto è già pronto all'uso e quindi evitate un'eccessiva diluzione con acqua.

Se avete superfici adiacenti evitate interruzioni durante l'applicazione (fresco su fresco) e per applicarlo usate sempre la stessa spatola per evitar ediffernze di tonalità.

agitatore meccanico
Agitatore meccanico per intonaco, cemento
scopri su amazon

 

 

LEGGI ANCHE:

 

Nessun commento

Se avete dubbi domande o consigli scriveteci.

Starbuild.it. Powered by Blogger.