edilizia-in-un-click logo

Portale edilizia

Indice

Cementite: cos’è e come si applica

Indice

La cementite è una pittura opaca, impermeabile, coprente, lavabile. Viene utilizzata per decorare le facciate, pitturare pareti ma soprattutto per restaurare i mobili di casa.

Scopriamo di più sulle caratteristiche e sulle applicazioni di questo tipo di pittura.

cementite
Applicazione di cementite sulla parete (Foto di 3844328 – Fonte: https://pixabay.com)

Cementite: breve storia di un prodotto di qualità italiano

La cementite nasce nel 1928 a cura di due fratelli chefondarono l’azienda G.&P. F.LLI Tassani con l’obiettivo di inventare un prodotto e una pittura di utilizzo universale.

La voglia di rinascere e di ricominciare era tanta e così, nel laboratorio della fabbrica, scoprirono questo prodotto di origine sintetica con la capacità di essiccare e indurire come il cemento in brevissimo tempo.

Fino ad allora un prodotto di questo tipo non esisteva e ben presto la cementite ebbe un successo enorme. Ancora oggi è considerata un prodotto di grande qualità ed è ritenuto il miglior fondo bianco da legno.


Caratteristiche e tipologie della cementite

La cementite è un tipo di vernice dall‘effetto opaco e vellutato, solitamente di colore bianco.

Si tratta di un prodotto davvero coprente e infatti, se viene applicato bene, non mostra alcunché della superficie di supporto.

Viene usata per le ristrutturazioni dei mobili come mano di fondo per successive applicazioni di altri prodotti, oppure per le lavorazioni in ferro, alluminio, plastica, cemento e superfici murarie.

Viene usata principalmente per uniformare gli assorbimenti e creare uno spessore. Quando la si usa in edilizia, si vuole generalmente eliminare le macchie da infiltrazione d’acqua, da colla e gli aloni.

Una volta applicata, la cementite diventa resistente all’acqua, e quando la si acquista solitamente nei barattoli va conservata un luogo fresco e asciutto. Se la apriamo, infatti ricordiamoci di chiudere bene il coperchio altrimenti si indurisce in men che non si dica.

Possiamo avere due tipologie di cementite:

  • cementite a base acquosa
  • cementite a base solvente.

Come si utilizza

Per far sì che la resa sia ottimale, prima di applicare la cementite, è opportuno pulire accuratamente la superficie da trattare che deve essere asciutta con una temperatura che va dai 10° ai 30° e con umidità relativa del 60%.

Per utilizzare questo prodotto, è necessario che venga diluito con acquaragia (meglio se inodore) dall’1 al 5% in volume. Bisogna comunque sempre prestare attenzione al tipo di supporto su cui si applica il prodotto, perché potrebbe necessitare di una maggiore (o minore) diluizione.

Per l’applicazione, è necessario usare dei guanti e una mascherina (P1).

4 Applicazioni comuni

La cementite viene prodotta fino a 70 tipi di tinte mescolabili fra loro offrendo un’ampia gamma di tonalità. Molte sono le sue applicazioni in edilizia, vediamone alcune:

  1. Sul legno per restaurare mobili: ha il grosso vantaggio di coprire subito il colore originale del mobile già alla prima mano. La sua funzione è quella di creare un fondo liscio dove applicare il mordente e poi successivamente la vernice. Creando il fondo elimina tutte le tracce visibili e le imperfezioni del legno coprendo buchi e crepe, rendendo la superficie porosa del legno liscia e  impermeabile.
  2. Sui muri: è molto utilizzata in edilizia anche per stuccare murature o come primer per preparare la superficie alla successiva pitturazione, rendendo il muro più uniforme e lucido. In questo caso viene utilizzata quella di colore bianco.
  3. Eliminazione macchie di muffa: grazie alle sue caratteristiche coprenti la cementite può coprire anche gli aloni derivanti dalla condensa, attigui ai tubi di scarico, soprattutto delle stufe a legna.
  4. In campo artistico: Infine può essere usata anche in campo artistico per i quadri a olio. La cementite funge infatti da elemento separatore tra la tela e la pittura creando uno schermo che trattiene i colori, ma che evita anche che ci sia l’assorbimento dell’olio, con l’eventuale formazione di screpolature che rovinerebbero l’opera.
Condividi l'articolo:
WhatsApp
Facebook
Twitter
LinkedIn
0 0 votes
Article Rating
guest
4 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Tiziana piazzese
Tiziana piazzese
1 anno fa

Vorrei sapere se dopo aver passato la cementite all'acqua ragia,asciugata posso ridipingere con cementite all'acqua!!!
Grazie

Tiziana piazzese
Tiziana piazzese
1 anno fa

Posso ridipingere con cementite ad acqua dopo aver usato la cementite all'acqua ragia
Grazie

Giovanni Breda
1 anno fa

Buongiorno, la cementite a solvente è composta da oli e da un diluente che di solito è petrolio bianco o l'acqua ragia. La cementite si stende con un pennello a setole naturali e va lavato con acqua ragia. Il pennello non può essere utilizzato per pitturare con vernici in colori acrilici o a base d'acqua.

Giovanni Breda
1 anno fa

Certamente si, è possibile farlo

4
0
Puoi lasciare un tuo commentox