edilizia-in-un-click logo

Portale edilizia

Indice

Come arredare una cucina

Indice

Arredare la cucina può sembrare facile ma non è sempre così, perché riuscire ad arredare un ambiente in modo pratico, funzionale ma con stile non è così facile come sembra.

La cucina poi è un ambiente che necessità di essere funzionale e pratico da usare, senza troppi impicci e rispettando le misure standard di utilizzo (parlo delle misure minime di distanza tra i vari mobili).

In questo articolo vedremo come arredare la cucina di casa vostra e anche qualche proposta pratica che potrebbe esservi utile e da cui prendere spunto.

come arredare una cucina
Come arredare una cucina moderna (foto di Skitterphoto – Fonte: https://pixabay.com)

A cosa fare attenzione prima di arredare una cucina

La cucina come si sa da sempre è l’ambiente più usato e che richiede più attenzione. Non è facile come capire come arredare una cucina perché molti sono gli aspetti a cui dobbiamo fare riferimento.

Innanzitutto dobbiamo tenere conto dello stile che più si addice alla nostra personalità. Oltre all’aspetto estetico bisogna tenere conto dell‘aspetto pratico e funzionale.

Fra le cose da considerare c’è sicuramente la grandezza e la disposizione planimetrica della stanza.

Per esempio, dobbiamo capire se ci sono muri pilastri o altri vincoli murari che possono influire sulla disposizione dei mobili e dei pensili, vedere dove sono posizionate le finestre, considerare il discorso degli impianti e infine capire quanto vogliamo o possiamo spendere.

La qualità dei mobili e degli elettrodomestici incide notevolmente sul risultato finale e sul prezzo, ma spendere molti soldi non vuol dire necessariamente che sia progettata bene.
Non dimentichiamoci che ogni cucina deve essere anche plasmata sulla base delle nostre abitudini ed esigenze: deve essere quindi costruita sulla base del nostro uso quotidiano.

Regole base su come posizionare gli elettrodomestici della cucina

Gli elementi più importanti e fondamentali per arredare una cucina sono gli elettrodomestici, come la lavastoviglie, il frigorifero o il piano cottura con la cappa aspirante.
Esistono delle regole base per posizionare questi elettrodomestici per permettere il loro migliore funzionamento e in base alla loro disposizione incide sulla posizione dei mobili.

Per esempio la lavastoviglie, che oramai non può mancare in una cucina, deve essere posizionata a fianco del lavello per due motivi: 

  1. lo scarico dell’acqua vicino al lavello in modo da evitare di avere un tubo troppo lungo con possibilità di intasamenti;
  2. la comodità di carico/scarico delle stoviglie.
In genere il frigorifero è messo dalla parte opposta del lavello, lontano dalle finestre e soprattutto lontano da fonti di calore come il forno.
Ci sono varie tipologie di frigoriferi, più o meno grandi, con congelatore o senza, incassati o a vista; l’impostante è che il frigorifero sia staccato 5/10 cm dal filo muro per agevolare e migliorare la ventilazione e che sia facilmente usufruibile senza impedimenti dal momento che la porta del frigo va aperta e chiusa diverse volte al giorno.

Infine arriviamo al piano cottura con cappa aspirante che oggi è sempre più tecnologica, di design e all’avanguardia. In ogni caso sia che il forno e piano cottura sia staccato o inserito in una colonna dovrà essere posizionato possibilmente staccato dal frigorifero.
Altri elettrodomestici che possono esserci in cucina possono essere il tostapane, il forno a microonde e la tv.
Ricordiamoci che in base al numero di elettrodomestici, sarà necessario conteggiare un numero sufficiente di prese della corrente.

Come scegliere i mobili

Prima di scegliere il mobilio per la vostra cucina dovete necessariamente fare due cose:
  1. PRENDERE LE MISURE – necessarie per scegliere i mobili della grandezza esatta essendo che vanno messi ad incastro.
  2. INDIVIDUARE LO STILE PIU’ ADATTO – perché in base all’arredo dell’intera casa dovrete scegliere i mobili che meglio si intonano allo stile generale (ne parliamo nei paragrafi successivi)

Finiture

Si dovrà poi passare alle finiture della cucina ossia:
  • PARA-SPRUZZI
  • PIANO DI LAVORO
  • LAVANDINO
  • PIANO COTTURA e FORNO
Considerate tutte finiture perché vanno ad abbellire i mobili e dargli quel tocco in più a livello stilistico e visivo.
Per quanto riguarda para-spruzzi e piano di lavoro è bene scegliere materiali che si sposino bene tra loro in modo da dare una sorta di continuità a tutto l’insieme. La scelta dei materiali deve sempre essere fatta per cognizione di causa in base allo stile dei mobili che avete scelto.
Per quanto riguarda lavandino, forno e piano cottura andranno scelti sempre in base allo stile generale in modo che possano essere perfettamente in tono. 
Vediamo qualche esempio pratico.

Come arredare una cucina moderna

Lo stile moderno non lascia nulla al caso e mantiene elementi indispensabili e non un’accozzaglia di mobili e decorazioni.
Cominciamo sempre dai mobili che si caratterizzano per colori neutri e semplici come:
  • Bianco
  • Nero
  • Color Legno (Ciliegio, Faggio, ecc).
Hanno linee decise e sono spesso caratterizzati da elementi di design che li caratterizzano e li distinguono dal resto dei mobili, ecco perché non necessitano di troppi elementi decorativi.
Passando alla scelta del piano cottura di solito è preferibile un piano ad induzione perché molto semplice ma elemento di design, passando poi al forno sceglietelo semplice ma d’effetto. Ricordate se optate per questo stile dovete cercare elementi d’effetto che bastino da soli per arredare l’ambiente.

Come arredare una cucina rustica

cucina-arredamento
Cucina arredata in stile tradizionale (foto di shadowfirearts – Fonte: https://pixabay.com)
Passiamo ora allo stile rustico che è sempre uno di quelli più utilizzati e apprezzati nelle case di campagna perché molto caldo, accogliente e in tono con l’ambiente esterno.
Si tratta di mobili molto più classici e vecchio stile, dove i materiali più indicati sono:
  • Legno pieno – per i mobili che di solito sono di colori abbastanza scuri e caldi (Noce, Mogano e Quercia)
  • Marmo per il piano di lavoro
  • Rame
  • Pietra per le finiture
  • Piastrelle in ceramica per il para-spruzzi
Di solito caratterizzate da grandi piani di lavoro e di cottura, adatti a preparare molte pietanze e a cucinare spesso.
L’arredo di queste cucine è sempre molto ricco, caratterizzato anche da pentole in rame appese alle pareti, magari con un bel caminetto a capo della sala da pranzo caratterizzata da un grande tavolo in legno e sedie in paglia.

E se vogliamo arredare una cucina piccola?

cucina-arredare-casa-design-interni
altro esempio di come arredare una cucina in stile moderno avendo poco spazio a disposizione
 (foto di sferrario1968 – Fonte: https://pixabay.com)
Avere poco spazio non deve essere visto come un impedimento ma, al contrario, come un’occasione e uno stimolo per sviluppare l’ingegno e arredare una bellissima cucina funzionale, sfruttando in maniera ottimale lo spazio.
In questi casi potrebbe esserci utile contattare un architetto o un esperto per avere qualche dritta.
In genere negli appartamenti con zone giorno ridotte va benissimo lo stile moderno o minimal.
Esistono lavelli o elettrodomestici di misure standard ridotte rispetto al modulo base di 60×60 cm oppure esiste anche la possibilità di farsi fare da un falegname una cucina su misura.

Vediamo ad esempio qualche consiglio utile per  arredare una cucina piccola:

  • utilizzo di colori: utilizzare forme minimal e colori vivaci e accesi come rosso, arancio o verde aiutano a dare la sensazione che la cucina sia più grande e ariosa . I colori infatti possono essere in contrasto con i colori neutri di soffitti e pareti enfatizzando la diffusione della luce;
  • utilizzare mobili multifunzionali: quando si ha poco spazio a disposizione bisogna orientarsi su mobili multifunzionali in grado cioè di raccogliere e sintetizzare molteplici funzioni e trasformarsi a seconda delle esigenze;
  • il tavolo: per quanto riguarda il tavolo possiamo avere un tavolo piccolo che magari all’occorrenza spostandolo in un altra stanza si può ingrandire oppure se non abbiamo spazio a sufficienza potremmo mettere un tavolo/mensola a ridosso della parete o a formare una L con i mobili della cucina con degli sgabelli dove poter fare delle colazioni veloci o mangiare in una due persone come fossimo al bar, e in soggiorno teniamo il tavolo per pranzare;
  • sfruttare gli angoli e le superfici verticali: quando si ha poco spazio bisogna sfruttare anche le superfici verticali, per esempio posizionando delle mensole dove mettere tutta una serie di attrezzi e oggetti;
  • utilizzare lo stile minimalista: come dicevamo prima lo stile minimal è molto efficace per arredare una cucina piccola
Con questo articolo speriamo di avervi dato qualche consiglio utile su come arredare la tua cucina.
Scopri anche:
Condividi l'articolo:
WhatsApp
Facebook
Twitter
LinkedIn
0 0 votes
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
0
Puoi lasciare un tuo commentox