edilizia-in-un-click logo

Portale edilizia

Indice

Come funziona la betoniera

Indice

Come funziona la betoniera: usi e tipologie

La betoniera può avere diverse dimensioni ed è uno strumento indispensabile in cantiere come a casa per chi desidera cimentarsi con il fai da te per la miscelazione o impasto dei componenti (acqua, sabbia, ghiaia e cemento) del calcestruzzo. Vediamo come funziona la betoniera e quali sono le tipologie.

betoniera-cantiere
La classica betoniera portatile da cantiere (foto di jackmac34 – Fonte: https://pixabay.com)

Come funziona la betoniera e a cosa serve?

La betoniera è uno strumento indispensabile che non può mancare in ogni cantiere edile e serve per miscelare e impastare il calcestruzzo. Quando si devono utilizzare grandi quantità di calcestruzzo invece di fare l’operazione a mano si utilizza la betoniera che è un contenitore che ruota su se stessa in maniera costante. Il calcestruzzo è un impasto formato da acqua sabbia e cemento opportunamente dosati e la miscelazione dell’impasto avviene utilizzando vari tipi di betoniere oppure ricorrendo a veri e propri impianti di betonaggio. La scelta delle attrezzature più adatte per la miscelazione deve essere fatta in relazione al tipo di lavoro ed alla quantità di calcestruzzo necessaria.

Le betoniere sostanzialmente sono tutte uguali e si differenziano solo per la grandezza e la capacità: possono miscelare dai 60 kg per quelle più piccole, fino ai 350 kg per quelle più grandi. La betoniera portatile è un recipiente (detto bicchiere) a forma conica montato su un asse attaccato a un telaio rigido, che ruota su se stesso grazie a un motore elettrico: all’interno vengono messi i materiali che compongono il calcestruzzo e si aspetta fino a che l’impasto è pronto. Da un lato abbiamo il motore mentre dal lato opposto c’è un volante che serve per orientare il bicchiere verso l’alto durante il carico e verso il basso per sversare la miscela appena mescolata.

La betoniera portatile è molto comoda perchè si può spostare ovunque, è pratica e viene utilizzata per getti di modesta entità. Quando servono grandi quantità di calcestruzzo si utilizzano le autobetoniere che hanno lo stesso principio. In generale la capacità di impasto di una betoniera corrisponde a circa l’80% del volume totale della vasca. 

Confezionamento degli impasti: immagazzinamento, dosatura e miscelazione

Il confezionamento del calcestruzzo, cioè l’impasto dei componenti opportunamente dosati, è una operazione fondamentale per ottenere la resistenza richiesta. In vista di un corretto confezionamento si devono considerare fattori quali l’immagazzinamento, la dosatura e la miscelazione dei componenti.
Per quanto riguarda l’immagazzinamento il cemento può essere conservato in sacchi e deve essere accuratamente preservato dall’umidità e impiegato “fresco” senza stazionare troppo a lungo in cantiere. Il deposito può avvenire in mucchi a terra, in sili o nella centrale di betonaggio. La dosatura degli aggregati può essere effettuata in volume o in peso. Infine la miscelazione vera e propria dei componenti avviene utilizzando vari tipi di betoniere oppure ricorrendo a veri e propri impianti di betonaggio.
betoniera-camion-cantiere-autobetoniera
Autobetoniera (foto di oknesanofa – Fonte: https://pixabay.com)

La consistenza dei getti

Le caratteristiche dell’impasto e le sue modalità di confezionamento devono essere scelte in base alla consistenza richiesta dagli elementi da realizzare e al diametro massimo degli aggregati.
La consistenza dei getti è un parametro determinante, perchè influenza la composizione e la lavorabilità dell’impasto. Essa deve essere stabilita a priori in relazione al tipo di lavoro, alle attrezzature per l’esecuzione degli impasti, ai mezzi di trasporto, alla posizione e alle dimensioni dei getti. Per esempio, un getto difficilmente costipabile, di sezione stretta e con armatura metallica piuttosto fitta esige una consistenza molto fluida. Un getto in posizione inclinata richiede invece una consistenza plastica o umida, per evitare che il getto scivoli verso il basso.

Il calcestruzzo preconfezionato

Il calcestruzzo può essere fornito già confezionato da ditte specializzate che lo scaricano direttamente sul luogo del getto per mezzo di autobetoniere. Lo scarico viene effettuato mediante apposite canalette, che vengono impiegate quando la casseratura è situata a una quota più bassa dell’autobetoniera, oppure mediante pompe montate su autocarro (autopompe) nel caso di getti da effettuare a una quota superiore o di casserature di particolare conformazione oppure difficilmente accessibili.

Il calcestruzzo preconfezionato con l’utilizzo di autobetoniere può presentare vantaggi in determinati lavori o in particolari situazioni come:

  • getti di cantieri con aree inadeguate all’immagazzinamento dei materiali e al confezionamento degli impasti;
  • getti di notevole entità che rendono poco economico un impianto fisso;
  • getti imprevisti e urgenti;
  • opere che richiedono l’impiego di grandi quantità di calcestruzzo in breve tempo per non interrompere la continuità dei getti, per esempio in platee di fondazione molto estese.
Condividi l'articolo:
WhatsApp
Facebook
Twitter
LinkedIn
0 0 votes
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Immagine rappresentante un chiusino in strada
Progettazione
Giovanni Breda

Cosa sono i chiusini: tipologie e usi

Chiusini, elementi essenziali nell’ambito delle infrastrutture civili e stradali, coprono e proteggono l’accesso a servizi sotterranei come le fognature o i sistemi di drenaggio. La

Leggi Tutto »
0
Puoi lasciare un tuo commentox