edilizia-in-un-click logo

Portale edilizia

Indice

Come gestire i rifiuti da costruzione e demolizione

Indice

Ogni cantiere edile che si rispetti, piccolo o grande che sia, produce
una certa quantità di rifiuti che devono essere smaltiti in un certo modo
seguendo la normativa. Vediamo quindi come gestire al meglio i
rifiuti da costruzione e demolizione secondo il Protocollo UE.

rifiuti da costruzione e demolizione
Come gestire i rifiuti inerti da costruzione e demolizione
(foto
di Life-Of-Pix – Fonte: pixabay.com)

Premessa

Quando si avvia un cantiere edile, piccolo o grande che sia, si producono
rifiuti di cantiere che sono definiti come
rifiuti inerti da costruzione e demolizione. 

Con l’avvento del SuperBonus 110 nel nostro paese sono stati avviati
moltissimi cantieri edili producendo un’enorme quantità doi rifiuti. Dal 4
Novembre 2022 i rifiuti inerti da costruzione e demolizione, se rispettati
determinati criteri, non sono più considerati rifiuti, ma possono essere
riutilizzati nell’ottica di una edilizia più sostenibile e consapevole.

All’interno del decreto 27 settembre 2022 n. 152, emanato dal Ministero
della Transizione Ecologica e pubblicato in Gazzetta Ufficiale (n. 246 del 20
ottobre 2022) troviamo il
“Regolamento recante disciplina della cessazione della qualifica di rifiuto
dei rifiuti inerti da costruzione e demolizione e di altri rifiuti inerti di
origine minerale, ai sensi dell’articolo 184-ter, comma 2, del decreto
legislativo 3 aprile 2006, n. 152″.

Cosa si intende per rifiuti inerti

In base all’articolo 184-ter, comma 3 lettera b del Testo Unico dell’ambiente
(dlgs n. 152/2006) per rifiuto inerte si intende i rifiuti prodotti
dalle attività di costruzione e demolizione, nonché i rifiuti che derivano
dalle attività di scavo. Questi in pratica sono tutti gli scart iprovenienti
dalle varie lavorazioni di cantiere
non subiscono nessuna variazione nel tempo e non rappresentano alcun
rischio per l’ambiente o per la nostra salute

(a differenza di un rifiuto organico).

I rifiuti inerti in sostanza hanno il vantaggio che possono essere
riutilizzati e riciclati nel settore delle costruzioni senza dover utilizzare
altre risorse e materie prime portando un enorme vantaggio in termini
ambinetali e di costi energetici. Tutti questi rifiuti però, per essere
riciclati e riutilizzati devono essere raccolti, smaltiti e riciclati facendo
riferimento a ben precise procedure, differenti rispetto a quelle per i
rifiuti urbani.

Il testo Unico per l’Ambiente considera infatti i rifiuti inerti come
“rifiuti speciali” e quindi devono sottostare a precise norme che ne
definiscono l’attività di smaltimento, raccolta e riutilizzo.

Quali sono i rifiuti di cantiere?

All’interno della categoria dei rifiuti di cantiere, detti appunto
rifiuti inerti o rifiuti speciali, ci sono i seguenti materiali:

  • sabbia;
  • ghiaia;
  • argilla espansa;
  • vermiculite e perlite;
  • conglomerati cementizi;
  • calcinacci;
  • macerie;
  • conglomerati bituminosi;
  • cemento;
  • mattoni;
  • mattonelle;
  • ceramiche;
  • intonaci;
  • residui di lavorazione non pericolosi che provengono da azioni di
    demolizione o da cantieri edili.

Cosa comprende il codice CER 17.09.04

I rifiuti che hanno il codice CER 17.09.04 sono i
rifiuti misti dell’attività di costruzione e demolizione, diversi da
quelli di cui alle voci 17 09 01 (contenenti mercurio), 17 09 02 (contenenti
PCB) e 17 09 03 (contenenti sostanze pericolose).

Questo codice in pratica identifica solamente i rifiuti edili senza sostanze
tossiche o pericolose, come quelli che vengono prodotti durante i normali
lavori di demolizione e ricostruzione durante i lavori di ristrutturazione di
un edificio, i classici calcinacci.

Come vengono smaltiti e riciclati i rifiuti da costruzione e demolizione

I rifiuti da costruzione e demolizione per essere smaltiti e riciclati devono
obbligatoriamente essere portati presso apposite discariche adatte al
loro recepimento e/o a siti specializzati nel loro recupero, per essere poi
reimmessi come nuove materie prime.

La responsabilità dello smaltimento di questi rifiuti speciali spetta
al direttore di cantiere e la ditta edile che produce le macerie dopo i
lavori di demolizione e costruzione del fabbricato. Se i rifiuti non vengono
smaltiti in modo corretto secondo quanto dice la normativa i responsabili sono
perseguibili penalmente.

Per i cantieri di dimensioni medio-grandi, sarà quindi opportuno redigere un
piano di lavoro per le demolizioni meglio se utilizzando software in grado di
eseguire il lavoro in tempi brevi e in totale sicurezza sempre a norma ed in
linea con il Testo Unico della Sicurezza.

LEGGI ANCHE:

Condividi l'articolo:
WhatsApp
Facebook
Twitter
LinkedIn
0 0 votes
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
accordo quadro
Appalti
Manuel Binotto

Accordo quadro e convenzione

Gli accordi quadro e le convenzioni sono strumenti fondamentali negli appalti pubblici, utilizzati per semplificare e ottimizzare le procedure di approvvigionamento di beni e servizi.

Leggi Tutto »
Resta aggiornato, iscriviti alla nostra newsletter
Articoli Recenti
0
Puoi lasciare un tuo commentox