edilizia-in-un-click logo

Portale edilizia

Indice

Come isolare le fondazioni di una casa

Indice

Come isolare le fondazioni di una casa: tecniche e modalità

Isolare le fondazioni di una casa anche se spesso è un’operazione che si sottovaluta è molto importante. Vediamo dunque di capire innanzitutto perché è bene isolare le fondazioni, come è possibile procedere, qual è il modo più corretto ed efficace e quale, invece, risulta essere quello più conveniente ed utilizzato.

fondazioni-calcestruzzo-casa-costruzioni-edilizia
Fondazioni di un edificio (foto di dewikinanthi – Fonte: https://pixabay.com)

Le fondazioni sono le parti della struttura dell’edificio che hanno la funzione di trasmettere i carichi al terreno distribuendoli in modo da evitare che si producano cedimenti differenziati che si ripercuoterebbero con effetti dannosi sulla struttura. La realizzazione delle fondazioni costituisce la prima fase delle operazioni di costruzione propriamente dette. Chiaramente le fondazioni devono essere progettate e dimensionate da un ingegnere strutturista.

Le fondazioni dirette, quelle che poggiano su strati di terreno raggiungibili con operazioni di scavo, poggiano di solito su uno strato di calcestruzzo magro detto magrone, che crea un piano d’appoggio. L’eventuale presenza nel terreno di rilevanti quantità d’acqua può pregiudicare le operazioni di scavo e di formazione delle fondazioni rendendo necessario il ricorso a speciali tecniche di intervento.

Essendo a diretto contatto con il terreno le fondazioni possono assorbire umidità o subire infiltrazioni d’acqua. Questa situazione situazione a lungo andare può provocare la formazione di muffe o peggio ancora compromettere la stabilità dell’edificio stesso, portando a pericolosi dissesti. Ecco perchè è molto importante isolare le fondazioni di una casa già in fase progettuale.

Perché è importante isolare le fondazioni di una casa?

E’ molto importante isolare le fondazioni di una casa per garantire la salubrità degli ambienti ed evitare che si verifichino infiltrazioni d’acqua che potrebbero danneggiare irrimediabilmente le fondazioni e generare la formazione di muffe sulle murature portanti dovute alle infiltrazioni d’acqua. La presenza di umidità all’interno delle strutture verticali dell’edificio può essere dovuta a varie cause, la cui conoscenza è fondamentale per individuare le soluzioni per il risanamento di volta in volta più adatte. Non bisogna isolare le fondazioni di una casa solo dalle infiltrazioni d’acqua ma è importante anche isolarle dal punto di vista termico per impedire eventuali ponti termici. Per isolare le fondazioni di una casa si può intervenire anche su edifici esistenti anche se la cosa migliore sarebbe quella di realizzare le fondazioni correttamente già in fase di nuova costruzione.

Isolare i muri di fondazione mediante impermeabilizzazione

Questa tecnica di risanamento consiste nel realizzare uno strato impermeabile orizzontale, o barriera, che impedisca la risalita dell’acqua oltre una certa altezza della parete. E’ una soluzione sempre molto impegnativa, che richiede il taglio della muratura per tutta la sua lunghezza, alla quale si ricorre quando non risulti possibile operare con lavori in profondità attorno attorno alle pareti dell’edificio o non si ritengano efficaci interventi meno cruenti. Esistono varie modalità di realizzare la barriera: con malte idrofughe, con resine sintetiche, con lastre o fogli isolanti.
Si può procedere anche con l’impermeabilizzazione esterna della muratura controterra. Questo intervento consiste nell’esecuzione di uno scavo  approfondito fino a portare alla luce l’intera parete da proteggere e nella successiva applicazione di un sistema di impermeabilizzazione. Il successivo reinterro deve avvenire con materiale che consenta di creare un drenaggio dell’acqua, eventualmente dotato di tubazioni di raccolta e di smaltimento in pozzi perdenti o, nella rete fognaria.

Come isolare termicamente le fondazioni

Oltre a proteggere le murature portanti e isolare le fondazioni dall’acqua e dalla risalita di umidità, è importante isolare termicamente le fondazioni in modo da isolare l’ambiente abitato riscaldato dalle fondazioni in calcestruzzo che sono di fatto un ponte termico. Bisogna quindi sviluppare adeguatamente il dettaglio della giunzione tra le fondazioni e le pareti dell’edificio per limitare la dispersione di energia e dare continuità tra gli elementi, in modo da ottenere una superficie continua che racchiuda il volume riscaldato.

Possiamo avere tre soluzioni per isolare termicamente la fondazione:

  1. il primo caso è quello di riempire la muratura portante nei primi due corsi di mattoni forati con perlite sfusa. Questo dettaglio, efficace e semplice da applicare in cantiere consente di ridurre la conduttività verticale della base della muratura ed inserire quindi un’elevata resistenza termica tra la fondazione e la muratura perimetrale soprastante. 
  2. Un’altra soluzione, avendo una muratura a cappotto esterno, è quella di proseguire l’isolante del cappotto fino a risvoltare sul lato esterno del dado di fondazione contro il terreno, in modo da limitare l’ulteriore dispersione attraverso il cemento armato della fondazione stessa. 
  3. Altra soluzione ancora più efficace, è quello di prevedere di risvoltare l’isolamento della parete fino alla base della fondazione in corrispondenza delle travi di fondazione, e contemporaneamente di posare un elemento isolante disaccoppiante al lato interno verso il vespaio.

Condividi l'articolo:
WhatsApp
Facebook
Twitter
LinkedIn
0 0 votes
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
accordo quadro
Appalti
Manuel Binotto

Accordo quadro e convenzione

Gli accordi quadro e le convenzioni sono strumenti fondamentali negli appalti pubblici, utilizzati per semplificare e ottimizzare le procedure di approvvigionamento di beni e servizi.

Leggi Tutto »
Resta aggiornato, iscriviti alla nostra newsletter
Articoli Recenti
0
Puoi lasciare un tuo commentox