edilizia-in-un-click logo

Portale edilizia

Indice

Come trattare il legno

Indice

Vediamo quali sono i prodotti e i trattamenti che si possono utilizzare per proteggere e rinnovare il legno rovinato dal passare del tempo, dall’azione di agenti atmosferici e dal passaggio di insetti.

come trattare il legno
Foto di MikesPhotos – Fonte: pixabay.com

Come trattare il legno rovinato: le 3 fasi da seguire

Trattare il legno rovinato è un lavoro semplice ma che richiede del tempo e soprattutto l’utilizzo di prodotti e strumentazioni apposite.

Se dovete ridare vita a un vecchio mobile, un tavolo, una sedia, etc. non serve necessariamente buttarli via oppure chiamare un falegname, ma seguendo dei semplici passaggi e con un po’ di manualità nel bricolage e col “fai da te” è possibile fare tutto a casa.

Le operazioni da fare per trattare e rigenerare il legno rovinato sono sostanzialmente tre:

  1. levigare
  2. impregnare
  3. proteggere
levigatrice orbitale

Vediamo ora un video che spiega bene come fare per rigenerare il legno, in questo caso un tavolino e delle sedie da giardino.

5 prodotti naturali per trattare il legno

Finora abbiamo visto come trattare e rigenerare il legno con le operazioni classiche di falegnameria e quindi con attrezzature idonee (levigatrice, carta abrasiva, guanti, pennello, e prodotti chimici). Non dimentichiamoci che per il legno da esterno sono necessarie diverse tecniche e prodotti.

Questo sistema è molto utile e va benissimo nei casi gravi e quindi in tutti quei casi in cui il legno è all’esterno, esposto agli agenti atmosferici durante tutto il periodo dell’anno, e non cene siamo presi cura per molto tempo. Prima di buttarlo via possiamo eseguire le operazioni che abbiamo appena visto.

Nei casi meno gravi invece, e nel caso del legno all’interno della nostra abitazione possiamo utilizzare dei prodotti assolutamente naturali.

Ricordiamo che è sempre bene fare delle prove su dei pezzi di legno campione, che l’effetto finale è assolutamente personale e che in base al numero di mani che diamo e all’essenza del legno cambia anche l’aspetto finale dopo il trattamento.

1) Aceto di vino e olio d’oliva

Questi due prodotti da cucina sono molto efficaci perché l’olio tende a idratare il legno mentre l’aceto di vino rimuove lo sporco depositato e deterge la superficie.

Basta versare in due parti uguali i due prodotti su un recipiente e con un panno o un pennello passare sulla superficie da trattare. Fato questo si aspetta circa un’ora per l’asciugatura e per l’eventuale passata finale con della cera, per un ottimo risultato finale.

2) Vasellina

La vasellina è molto utile quando la superficie del legno da rigenerare graffi oppure piccole crepe e fessure.

Una volta applicata la vasellina, bisogna lasciare agire per lungo tempo e alla fine pulire i residui di prodotto con un panno e il legno sembrerà come nuovo.

vasellina per trattare il legno

 3) Acqua tiepida e detergente

L’acqua tiepida invece torna molto utile se dobbiamo rimuovere residui di vecchia vernice che si sta scrostando.

Mescolate dell’acqua tiepida e del comune detergente e passate la superficie con un panno. Fatto questo risciacquate con acqua tiepida da sola senza detergente e asciugate con un panno asciutto; in questo modo avrete tolto facilmente i residui della vecchia pittura per poi eseguire i successivi trattamenti.

4) Ammoniaca e acqua tiepida

Mescolando in un contenitore due parti uguali di ammoniaca e acqua tiepida si ottiene un miscuglio che è molto efficace per eliminare le muffe e trattare le superfici esterne e interne dei mobili in legno.

Prendete un panno, imbevetelo nella miscela e passate agendo con forza sulla superficie in legno da trattare.

5) Succo di limone e olio vegetale

Infine un altro rimedio naturale è utilizzare un composto formato da succo di limone e mezzo litro di olio vegetale.

Una volta preparata la miscela passate sulla superficie con una spazzola e agite con forza per rimuovere lo sporco e ridare brillantezza al legno.

E se è necessario rimuovere delle macchie? Spieghiamo qui i rimedi più efficaci.

Trattamenti protettivi del legno: come proteggerlo

Prima della messa in opera il legno viene normalmente sottoposto a
trattamenti atti a proteggerlo dagli agenti organici (parassiti, insetti,
muffe, funghi, etc.) e dal fuoco.

Questi trattamenti quindi si dividono in
tre categorie:

  1. Protezione dagli agenti organici;
  2. Ignifugazione;
  3. Procedimenti volti a salvare il legno da insetti e organismi.

1. Trattamenti di protezione dagli agenti organici

Questi trattamenti sono raggruppabili nel seguente modo:

  • Trattamenti superficiali: spalmatura o spruzzatura di sostanze
    antisettiche (vernici, catrami), che vengono assorbite dalle zone
    periferiche del legno, fino a formare una pellicola protettiva;
  • Trattamenti per imbibizione o impregnazione: iniezioni o bagni
    prolungati di sostanze antisettiche. Per migliorare l’impregnazione vengono
    messi in atto sistemi alterno-termici, i quali permettono di far penetrare i
    liquidi nella parte più interna della massa legnosa, in modo da ottenere una
    protezione più profonda;
  • Carbonizzazione superficiale: esposizione alla fiamma delle superfici
    da preservare, in modo che carbonizzino per uno spessore di 5-10 mm. Questo
    strato di carbonizzazione non consente la formazione di muffe e per questo
    generalmente questo metodo viene usato per proteggere i pali infissi nel
    terreno;
  • Metallizzazione o silicatizzazione: impregnazione del legno mediante
    sue soluzioni successive che, venendo a contatto, formano un precipitato
    antisettico che occlude completamente i pori;
  • Polimerizzazione: impregnazione del legno mediante sostanze capaci di
    condensarsi in una resina sintetica, che determina l’otturazione dei pori.

2. Trattamenti di ignifugazione

Di grande importanza sono anche i trattamenti per attenuare la vulnerabilità
del fuoco, che è una delle caratteristiche negative del legno.

Le tecniche in
uso tendono a rendere il legno ininfiammabile, ma non incombustibile: esse
cioè impediscono lo sprigionarsi della fiamma e il completo degrado del legno,
a cui segue la perdita di resistenza meccanica. Il legno, quando è
opportunamente trattato, subisce soltanto una combustione superficiale , priva
di fiamma, fino alla formazione di una crosta carbonizzata che impedisce
l’ulteriore penetrazione del fuoco negli strati più interni.

Esistono vari trattamenti di ignifugazione, tra i quali i più comuni sono:

  • ignifugazione superficiale
  • impregnazione profonda.

3. Proteggere il legno dagli insetti

L’infestazione da insetti può essere riconosciuta in base alla perdita di
massa volumica del legno, alla friabilità, alla tendenza allo sbriciolamento e
alla presenza di fori di uscita delle larve e di polvere di legno.

Per
rimediare a questo in commercio esistono diversi prodotti antitarlo in grado
di uccidere questi insetti.

Con l’apposito beccuccio basta spruzzare un po’ di
soluzione direttamente dentro il buco della tana.

spray antitarlo
acquista ora
Condividi l'articolo:
WhatsApp
Facebook
Twitter
LinkedIn
0 0 votes
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
accordo quadro
Appalti
Manuel Binotto

Accordo quadro e convenzione

Gli accordi quadro e le convenzioni sono strumenti fondamentali negli appalti pubblici, utilizzati per semplificare e ottimizzare le procedure di approvvigionamento di beni e servizi.

Leggi Tutto »
Resta aggiornato, iscriviti alla nostra newsletter
Articoli Recenti
0
Puoi lasciare un tuo commentox