edilizia-in-un-click logo

Portale edilizia

Indice

Generatore eolico domestico senza pale: cos’è e come funziona

Indice

E’ possibile alimentare la propria abitazione con l’energia eolica senza utilizzare un impianto eolico vero e proprio e quindi senza pale eoliche? A quanto pare sì, grazie all’invenzione di due designer, che hanno inventato un generatore eolico domestico senza pale.

Vediamo quindi le caratteristiche, come funziona e l’efficienza paragonata alle classiche turbine eoliche.

generatore eolico domestico
Foto di demiao – Fonte: pixabay.com

Cos’è il generatore eolico domestico senza pale

Normalmente il classico impianto eolico prevede l’installazione di una o più pale eoliche di diverse tipologie e grandezze.

Grazie all’invenzione di due designer, Nicolas Orellana e Yaseen Noorani, rispettivamente di 36 e 24 anni, è stato possibile realizzare un generatore eolico domestico senza utilizzare le classiche pale eoliche.

Di fatto il generatore eolico senza l’utilizzo di pale eoliche rappresenta un vero passo in avanti per questa tecnologia.

Turbina O-Wind

I due designers, vincitori dell’ambito premio per il design e l’innovazione tecnologica James Dyson 2018, hanno realizzato una turbina O-Wind di piccole dimensioni. Grazie alla sua conformazione, è in grado di catturare l’energia prodotta dal vento proveniente da tutte le direzioni e senza utilizzare nessuna pala eolica.

Questa turbina, dal design semplice e accattivante, riesce a sfruttare sia i venti che provengono da una direzione orizzontale sia quelli che provengono da una direzione verticale.

La turbina utilizza un unico asse di rotazione senza bisogno di sterzare e per questo necessita di meno manutenzione. Inoltre, essendo piccola, la turbina O-Wind può essere impiegata tranquillamente tra le mura domestiche della propria abitazione per integrarla ad altri impianti che sfruttano le fonti di energia alternativa, come l’impianto fotovoltaico.

Come funziona la turbina O-Wind

Il generatore eolico senza pale O-Wind ideato dai due studenti della Lancaster University, si basa sul teorema di Bernoulli ed è sostanzialmente niente altro che una sfera cava attraversata da un unico asse di rotazione al centro.

A comporre la sfera ci sono delle bocchette d’aria più grandi e altre prese d’aria più piccole per farla uscire. Quando c’è vento si genera una differenza di pressione tra i due terminali che fanno muovere e ruotare la turbina.

Essendo posizionate su tutta la sfera, permettono di sfruttare il vento da qualsiasi direzione esso provenga. Basta anche poco vento per muoversi e generare energia. L’ideale è comunque posizionarla in una posizione il più possibile isolata e alta.

Il resto del meccanismo è simile agli impianti eolici tradizionali.

Il movimento e la rotazione della turbina va ad alimentare un generatore che a sua volta trasforma questa energia in energia elettrica da immettere nella rete per i vari
utilizzi.

Il prototipo potrebbe essere commercializzato dal 2025

La caratteristica principale e innovativa sta nel fatto che oltre a sfruttare meglio l’energia del vento e ad avere bassi costi iniziali e di manutenzione, per le sue ridotte dimensioni è ideale per l’ambiente domestico.

Attualmente la turbina O-Wind è ancora un prototipo che viene studiato,
migliorato e messo a punto per poter essere messo in commercio entro il 2025.

Sono in corso infatti ancora ulteriori test e analisi di laboratorio per realizzare un prodotto veramente efficace e universale. L’idea è partita studiando il movimento degli aquiloni alveolari realizzati in tessuto.

Ci sono stati altri tentativi di realizzare generatori eolici senza pale come Vortex Bladeless, Bat-buoyant e Catching wind power ma nessuno è davvero efficace come questo.

Guarda questo video:

generatore eolico domestico

Dove nasce l’idea del generatore eolico domestico

L’idea dei due studenti Nicolas Orellana e Yaseen Noorani, di progettare la
turbina O-Wind per creare un generatore eolico domestico senza pale, è nata osservando il rover della NASA “Mars Tumbleweed” mandato su Marte nel 2005.

Questo rover era una palla gonfiabile pensata per muoversi e rotolare autonomamente sulla superficie di Marte per fare delle misurazioni sui parametri geografici e sulle condizioni atmosferiche. Purtroppo la palla non ebbe grande successo perchè, anziché sfruttare la multi-direzionalità del vento, sfruttava la
mono-direzionalità.

Questa fu la causa principale del suo insuccesso in quanto non riusciva a muoversi bene.  I due studenti sono partiti dal concetto di palla e dai meccanismi del
rover della NASA analizzando gli aspetti negativi e migliorando la capacità di sfruttare il vento proveniente da ogni direzione.

L’impianto eolico domestico del prossimo futuro

Anche se la turbina O-Wind è ancora un prototipo, si è dimostrato essere e avere la
caratteristiche per diventare l’eolico del futuro.

Generalmente infatti gli impianti eolici tradizionali vengono posizionati in luoghi isolati fuori dalle città sulle colline o vicino alle zone del mare. Il generatore eolico domestico senza pale invece potrebbe essere installato tranquillamente a casa, sul balcone, sul terrazzo, in giardino o in copertura da chiunque.

La speranza quindi è quella che questa invenzione diventi presto realtà e che si possa diffondere a macchia d’olio in tutto il mondo.

generatore eolico
Generatore Eolico 600W 12V
Generatore Eolico Lanterna Bianca 
Condividi l'articolo:
WhatsApp
Facebook
Twitter
LinkedIn
0 0 votes
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Immagine rappresentante un chiusino in strada
Progettazione
Giovanni Breda

Cosa sono i chiusini: tipologie e usi

Chiusini, elementi essenziali nell’ambito delle infrastrutture civili e stradali, coprono e proteggono l’accesso a servizi sotterranei come le fognature o i sistemi di drenaggio. La

Leggi Tutto »
0
Puoi lasciare un tuo commentox