edilizia-in-un-click logo

Portale edilizia

Indice

Gli isolanti ecologici: tipologie, caratteristiche e costi

Indice

Oggi le nuove esigenze dettate dai cambiamenti climatici e dalle risorse
energetiche presenti impongono sempre di più anche al mondo dell’edilizia un
occhio di riguardo alle tecniche costruttive e ai materiali utilizzati.
Vediamo cosa sono gli isolanti ecologici che andrebbero a sostituire quelli di
tipo tradizionale.

isolanti ecologici
Isolamento ecologico in fibra di legno (foto di -SV MEDIA- Fonte:
pixabay.com)

Perché scegliere gli isolanti ecologici

La scelta della soluzione più adatta per l’isolamento termico costituisce una fase molto importante della progettazione di un edificio.
Oltre a definire con criteri specifici il tipo di materiale e la posizione
dello strato coibente, occorre stabilire lo spessore di tale strato, al
fine di soddisfare le prescrizioni di legge. In commercio ci sono gli
isolanti tradizionali ma anche gli isolanti ecologici adatti per la
bio-edilizia perfettamente naturali e in grado di assicurare
elevati standard temici. Vediamo in questo articolo alcuni degli
isolanti ecologici più usati in edilizia e per la costruzione o la
ristrutturazione di edifici a basso consumo energetico.

Isolanti ecologici: considerazioni, vantaggi

Gli isolanti ecologici si sono introdotti negli ultimi anni
nel mercato delle costruzioni e delle
ristrutturazioni
che rispettano la bio-edilizia, ovvero costruire edifici che
rispettino gli elevati standard in termini di standard energetici e di
utilizzo di materiali e prodotti di origine naturale proveniente ma
materiali riciclati e in grado a loro volta di essere riciclati in casi di
demolizione. Gli isolanti ecologici permettono di garantire un
ottimo isolamento termico e acustico con la caratteristica di essere
naturali e di non inquinare.

Gli isolanti tradizionali di origine sintetica infatti sono prodotti da
derivati del petrolio e poi difficilmente vengono riciclati e
riutilizzati. Un’architettura sostenibile costruita con sistemi costruttivi “a secco” e con materiali e
componenti edilizi naturali, rinnovabili e biodegradabili è l’unica
soluzione per avere un basso impatto sull’ambiente. Gli
isolanti ecologici
, come gli isolanti in lana di pecora, fibra di canapa, sughero, fibre di
legno mineralizzato, etc., sono atossici e traspiranti e richiedono un
basso contenuto di energia per il loro ciclo di vita avendo prestazioni in
termini di isolamento uguali se non superiori a quelli
tradizionali.

Caratteristiche dei più comuni isolanti ecologici

La scelta della soluzione più adatta per l’isolamento termico
costituisce una fase molto importante della progettazione di un
edificio. Possiamo mettere un isolante ecologico per isolare le
pareti con un
cappotto termico esterno, oppure una contro parete interna,
isolare la copertura o il solaio a terra, scegliere il materiale e lo spessore per
rispettare le prescrizioni di legge in base alla zona climatica.

Prima di scegliere l’isolante ecologico più adatto per la
situazione bisogna valutare e conoscere appunto le sue
caratteristiche, i pregi e i difetti in
funzione di quello che vogliamo ottenere in termini di prestazione
energetica e anche del prezzo. Vediamo quindi quali alcuni
degli isolanti ecologici più utilizzati ed apprezzati
e quali sono le loro caratteristiche:

Fibra di legno

Il legno è un materiale molto utilizzato in edilizia e la sua
lavorazione produce molti scarti. Questi scarti possono essere
riutilizzati per esempio per realizzare
isolanti ecologici in fibra di legno: questi pannelli sono
ecocompatibili e compostabili interamente una volta finito il loro
ciclo di vita.

Gli isolanti ecologici in fibra di legno sono un’ottima
alternativa ai classi materiali isolanti e vengono utilizzati
per tutti gli impieghi classici come ad esempio isolare pareti, solai
e coperture garantendo ottimi livelli di isolamento termo-acustico con
spessori abbastanza ridotti e regolano naturalmente il livello di
umidità presente.

L’azienda Celenit produce diversi
isolanti ecologici in fibra di legno come ad esempio pannelli
multistrato composti da uno strato di lana di roccia a fibra
orientata, accoppiato da ambo i lati a uno strato di
lana di legno di abete mineralizzata e legata con cemento
Portland.

Fibra di cocco e sughero

Questi pannelli isolanti sono un prodotto bioecologico per l’isolamento termoacustico
realizzato con l’accoppiamento di una lastra di
fibra di cocco a un pannello in sughero, entrambi
materiali assolutamente naturali e dalle elevate proprietà isolanti.
L’isolante ecologico così ottenuto viene fornito in due
versioni: la prima è un pannello formato dall’accoppiamento dei due
materiali e la seconda un pannello sandwich con il
pannello in sughero interposto fra due lastre di
fibra di cocco
.

I campi d’impiego previsti comprendono sottotetti, coperture a falde
direttamente sottotegola, copertura a falde su struttura in legno,
mansarde, intercapedini, isolamento di solai interpiano per abbattere
il rumore da calpestio, isolamento acustico per divisori. Inodore e
inattaccabile da insetti e roditori questo isolante ecologico
presenta caratteristiche di ottima stabilità dimensionale,
imputrescibilità e stabilità all’invecchiamento.

rotolo in sughero supercompresso
Rotolo in sughero superc ompresso a grana fine
per isolamento termico e acustico 
scopri su amazon

Lana di pecora

Anche la lana di pecora è un ottimo
isolante ecologico dalle ottime proprietà termo-acustiche
utilizzato sempre più nella bio-edilizia. Questo materiale
viene fornito in rotoli ed è composto in parte da lana vera che
proviene dalla tosatura delle pecore e una percentuale è lana
riciclata che proviene anche dagli scarti della lavorazione. Materiale
assolutamente ecologico e rinnovabile la lana di pecora è un
ottimo isolante ecologico fornendo elevati standard di
isolamento termico e acustico. Inoltre la lana di pecora è igroscopica
cioè ha la capacità di assorbire il vapore acque senza gonfiarsi.

Lana di canapa

Anche le fibre tessili sono un valido alleato per creare comfort
termico nelle nostre case: la canapa, per esempio, ha ottime doti
isolanti ed è utilizzabile sia in forma di pannelli che di
materassini. Riciclabili al 100% i pannelli in lana di canapa
(accoppiati a volte con la lana di pecora) consentono un ottimo
isolamento termico e acustico di tetti, pareti e pavimenti e un
miglioramento della qualità dell’aria, in quanto la canapa assorbe
l’umidità fino al 20% del proprio peso e la cede successivamente in
presenza di aria secca. La posa di questi pannelli è facile, veloce e
pulita, senza la produzione di polveri nocive.

Pannelli in sughero

I pannelli in sughero biondo, sono ecologici e naturali al 100%e sono
in grado di mantenere stabili e inalterate nel tempo le loro
caratteristiche. Oltre a isolare termicamente e acusticamente gli
ambienti, svolge un’azione di risanamento: igroscopico e impermeabile
all’acqua, come la canapa cede l’umidità proveniente dalle pareti,
aumentando la velocità di evaporazione. Imputrescibile e inattaccabile
da insetti e muffe, non provoca allergie e, in fase di posa in opera,
non produce polveri irritanti.

Quali sono le applicazioni in edilizia e i costi

Gli isolanti ecologici hanno delle ottime caratteristiche
e permettono di isolare termicamente e acusticamente un casa o un
edificio utilizzando materiali naturali riciclabili e rinnovabili
facendo del bene alla natura e all’ambiente. Il problema è che questi
isolanti ecologici mediamente costano di più rispetto agli
isolanti tradizionali; i pannelli in sughero per
esempio è uno dei più efficienti ma anche uno dei più costosi.

lana di roccia
Pannello fonoassorbente fonoisolante Lana di Roccia
scopri su amazon
LEGGI ANCHE:
Condividi l'articolo:
WhatsApp
Facebook
Twitter
LinkedIn
0 0 votes
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
0
Puoi lasciare un tuo commentox