edilizia-in-un-click logo

Portale edilizia

Indice

Il raffrescamento a pavimento: cos’è e come funziona?

Indice

Il raffrescamento a pavimento: cos’è e come funziona?

Chi ha detto che per raffrescare la casa o l’ufficio in estate quando fa caldo bisogna per forza utilizzare il condizionatore? In questo articolo vedremo come come sia possibile non solo il riscaldamento ma anche il raffrescamento a pavimento.
Esatto con gli impianti a pannelli radianti non solo possiamo riscaldare la casa con sistemi a bassa temperatura come le caldaie a condensazione o la pompa di calore ma con lo stesso impianto è possibile anche raffrescare ovviamente senza avere nessun danno per la salute ma solo benefici in termini di salute, economici e ambientali.
Installando un impianto a pannelli radianti per il riscaldamento e il raffrescamento è possibile usufruire degli incentivi fiscali.

raffrescamento-pavimento-pannelli radianti-bioedilizia
Pannelli radianti per il raffrescamento a pavimento
(foto di BetonWood Srl – Fonte: https://www.flickr.com)

Bisogna dire che nel corso negli ultimi 15-20 anni il riscaldamento a pavimento che utilizza una serpentina sotto il pavimento (dove passa un fluido caldo o freddo) ha fatto passi da gigante imponendosi sempre più nel mercato e diventando la scelta primaria nel caso di nuove costruzioni o di ristrutturazioni a basso impatto ambientale. Gli impianti a pannelli radianti infatti hanno moltissimi vantaggi da molti punti di vista e si possono utilizzare non solo per riscaldare ma anche per raffrescare gli ambienti di casa o l’ufficio.

Il riscaldamento/raffrescamento a pavimento si utilizza di solito con una caldaia a condensazione a basso consumo energetico in quanto sono impianti che lavorano a basse temperature ma sempre più si sta affermando l’utilizzo del raffrescamento/riscaldamento a pavimento utilizzando la pompa di calore che consente di raffrescare, riscaldare e produrre acqua calda sanitaria a costi bassissimi e con un unico impianto.

Come funziona il raffrescamento a pavimento

Il principio fisico del funzionamento di un impianto di raffrescamento/riscaldamento a pavimento è l’irraggiamento, dove, secondo questo principio, un corpo caldo cede sempre calore a un corpo freddo. In pratica avviene uno scambio termico persona/ambiente, dove il calore presente nelle stanze viene assorbito quando la temperatura dell’ambiente supera la temperatura superficiale del pavimento. 
Viene sostanzialmente posata una serpentina in PVC, secondo vari schemi geometrici , sotto il pavimento (annegata nel massetto oppure con sistemi “a secco”) dove viene fatto scorrere un fluido termovettore con acqua calda (riscaldamento) o fredda (raffrescamento). In inverno, con una temperatura di circa 35°, l’acqua cede calore all’ambiente riscaldandolo. In estate avviene il contrario. 
Nel caso del raffrescamento la serpentina porta a basse temperature il pavimento e siccome il calore passa sempre dal corpo più caldo a quello più freddo, l’aria calda presente nella stanza cede calore al pavimento, rinfrescandosi

Quali sono i componenti

I componenti che servono nello specifico per un pavimento radiante per il raffrescamento e riscaldamento sono:

  • Pannelli radianti (serpentina in PVC), che puoi posare a pavimento, a soffitto o a parete;
  • Collettori in materiale polimerico (in resina e non metallici) o in ottone/inox isolato per basse temperature;
  • Sistema di termoregolazione, per adattare il funzionamento dell’impianto alle reali condizioni dell’ambiente;
  • Sistema di deumidificazione dell’aria, per eliminare l’umidità ed evitare la formazione di condensa sulle superfici fredde.

Vantaggi del raffrescamento a pavimento

Il sistema di pavimentazione radiante per riscaldamento e raffrescamento funziona per irraggiamento, consentendo uno scambio naturale di calore tra il corpo e le superfici irradianti, superiore a ogni altro sistema di riscaldamento. Gli ambienti non sono soggetti a correnti d’aria e la temperatura si mantiene a livello uniforme a ogni punto e quota della stanza. Inoltre gli impianti che funzionano per irraggiamento presentano un consumo minore (15-20%) rispetto a quelli tradizionali. Durante la stagione estiva si può utilizzare lo stesso impianto per raffrescare l’aria, mediante il passaggio nelle tubazioni di acqua fredda. Inoltre questo tipo di impianto è ideale sia in ambito residenziale, ma anche in ambito commerciale, produttivo oppure per gli uffici.

Un impianto di raffrescamento a pavimento presenta, quindi, numerosi vantaggi:

  • Non si vede e consente un notevole risparmio energetico;
  • Abbattimento dell’inquinamento acustico;
  • E’ utile per riscaldare e raffrescare allo stesso tempo usando un solo impianto;
  • Garantisce aria salubre e un elevato grado di benessere;
  • Non c’è la movimentazione di polveri in ambiente;
  • mantiene sempre la temperatura costante e uniforme;
  • adatto per le nuove costruzioni che per le ristrutturazioni;
  • non avendo batterie umide e filtri in ambiente non necessita di manutenzione costante;
  • riduzione costi di gestione;
  • possibilità di accedere alle detrazioni fiscali;
  • possibilità di gestione dell’impianto da remoto con cellulari e smartphone.

Quali sono gli svantaggi e a cosa bisogna prestare attenzione

Come tutte le cose anche la pavimentazione radiante per riscaldamento e raffrescamento non ha solo vantaggi ma ha anche qualche svantaggio a cui bisogna prestare attenzione ed essere consapevoli, anche se i vantaggi come abbiamo visto sono molteplici.

I principali svantaggi sono:
  1. Possibili guasti nella serpentina: questi impianti non necessitano di manutenzione e sono garantiti nel tempo però nel caso si verifichi un guasto nella serpentina è difficile individuarlo con conseguente rottura della pavimentazione. Per questo oggi non si tende più ad annegare la serpentina nel massetto ma posarla attraverso “sistemi a secco” in modo che anche un’eventuale riparazione diventa più semplice e meno costosa;
  2. Impianti ad alta efficienza: la pavimentazione radiante per riscaldamento e raffrescamento necessita intanto di un impianto che preveda l’uso di una caldaia a basso consumo energetico o di una pompa di calore e poi per funzionare davvero bene necessita che ci sia un involucro esterno ben isolato come un cappotto esterno per limitare le differenze di temperatura tra interno ed esterno;
  3. Livelli di umidità e formazione condensa: con il raffrescamento in estate i pannelli radianti (come avviene con il condizionatore) abbassando la temperatura, l’umidità contenuta nell’aria sotto forma di vapore acqueo condensa. Ecco che si rende necessario l’installazione di un sistema di deumidificazione.
Condividi l'articolo:
WhatsApp
Facebook
Twitter
LinkedIn
0 0 votes
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
0
Puoi lasciare un tuo commentox