edilizia-in-un-click logo

Portale edilizia

Indice

Pannelli fotovoltaici adesivi: la nuova tecnologia del fotovoltaico

Indice

La nuova frontiera del fotovoltaico arriva direttamente da Singapore con la
nuova tecnologia Peel-and-Stick solar della Maxeon Solar Technologies. Consente di avere dei pannelli fotovoltaici senza struttura, adesivi, leggeri e che si possono applicare ovunque riducendo costi di installazione e logistici.

Vogliamo approfondire?

pannelli fotovoltaici adesivi
Foto di andrea160578 – Fonte: pixabay.com

Cosa sono i pannelli fotovoltaici adesivi

Dei ricercatori della società Maxeon Solar Tchnologies di Singapore dopo ben cinque anni di ricerca e test di laboratorio, hanno messo a punto un nuovo sistema di concepire i pannelli: non più rigidi, sostenuti da struttura di supporto ma dei
pannelli fotovoltaici adesivi, sottili e flessibili.

Questo significa appunto minori costi di installazione e la possibilità di
installarli ovunque si voglia.

In pratica è come se andassimo ad incollare una pellicola sopra una superficie e questa pellicola trasforma l’energia solare in energia elettrica. 

Come funzionano i pannelli fotovoltaici adesivi

Questi moduli (moduli Maxeon Air™) sono stati pensati con una tecnologia innovativa “peel-and-stick” (tradotto sarebbe staccare ed attaccare) in ottica di avere un impianto architettonicamente integrato.

Questi innovativi pannelli hanno un peso ridotto del 50% rispetto a quelli tradizionali perchè sono senza telaio e senza vetro temprato.

Questo consente di installare i pannelli fotovoltaici adesivi anche su coperture che non sono in grado di sopportare i carichi e i pesi della struttura di supporto dei pannelli.

Inoltre, possono mantenere la classica robustezza e un’efficienza del 20,9% secondo quanto afferma l’azienda.

I vantaggi

Come è facile intuire, hanno moltissimi vantaggi rispetto a quelli tradizionali.

Sfruttare le fonti di energia alternativa pulita e gratuita e utilizzare sempre meno energia proveniente da fonti fossili non è solo una scelta ma sta diventando sempre più un obbligo.

Ecco perchè il fotovoltaico assieme all’eolico, idrico, geotermia, etc. sono
preziosi alleati che arrivano proprio da quella natura che stiamo pian piano
distruggendo.

Nello specifico i pannelli fotovoltaici adesivi hanno i seguenti vantaggi:

  • non hanno bisogno di una struttura rigida di supporto;
  • non richiedono un substrato finale;
  • con il particolare adesivo possono essere posizionati ovunque e su qualsiasi
    supporto;
  • non hanno lo stroto finale di vetro e sono quindi più flessibili;
  • permettono un’installazione più rapida e veloce;
  • si velocizzano i tempi e si riducuno i costi di montaggio e manutenzione;
  • sono più leggeri, flessibili e hanno uno spessore di 0,775 mm.
  • riducono il peso in copertura;
  • si attaccano/staccano ovunque su qualsiasi superficie;
  • rimane invariata le loro prestazioni energetiche e l’efficienza.

Come sono fatti

Questi pannelli sono stati messi appunto sul mercato dalle aziende ma sono
stati ideati e progettati da un team di ricecatori del Dipartimento di
Ingegneria Meccanica dell’Università di Stanford, della Hanyang University di
Seoul e del National Renewable Energy Laboratory di Denver.

In questo articolo, “Peel-and-Stick: Fabricating Thin Film Solar Cell on Universal
Substrates”
, pubblicato sull’importante rivista di settore Scientific Reports, sono stati resi noti i risultati della ricerca.

In sostanza questi pannelli pur non avendo struttura rigida di supporto, sono
fatti a “sandwich” e sono composti da vari elementi come silicio, diossido di silicio e nichel. Esternamente c’è un doppio strato di nichel e all’interno di questi due strati c’è un wafer di silicio e diossido di silicio.

Le facce esterne vengono coperte con uno strato protettivo di polimero. Infine nella faccia superiore viene applicato lo strato adesivo (thermal release tape) che permette al pannello di essere attaccato e staccato facilmente.

L’adesivo aderisce molto bene a temperatura ambiente mentre per essere
scollato ha bisogno di essere riscaldato. I processi industriali di produzione
e il funzionamento dell’impianto rimane il medesimo di un impianto di tipo
tradizionale.

Lumeta Power-Ply 380

Il primo esempio di pannello fotovoltaico leggero, flessibile, sottile e adesivo è rappresentato da Lumeta Power-Ply 380 realizzato in teflon con tecnologia peel & stick solar.

Nel 2008 l’azienda Lumeta ha provato a realizzare degli impianti integrati con l’edificio realizzando le tegole fotovoltaiche.Un altro esempio di copertura fotovoltaica integrata viene da PrefazSolar, che ha prodotto dei nastri adesivi.

Condividi l'articolo:
WhatsApp
Facebook
Twitter
LinkedIn
0 0 votes
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
0
Puoi lasciare un tuo commentox