edilizia-in-un-click logo

Portale edilizia

Indice

Pareti divisorie in HPL per bagni e spogliatoi

Indice

HPL è un materiale usatissimo per arredare bagni e spogliatoi di impianti sportivi, palestre, spa & wellness, piscine, scuole, aziende, strutture ricettive e sanitarie.

Ecco tipologie e caratteristiche di questi arredi.

 
Pareti divisorie modulari in HPL
Pareti modulari in HPL by Ges Group

Cos’è l’HPL (High Pressure Laminates)

HPL (acronimo in inglese di High Pressure Laminates) significa “laminato ad alta pressione”.

Si tratta di un materiale duraturo e resistente con ottime qualità estetiche ma soprattutto tecniche che lo rendono ottimo per pareti modulari divisorie per bagni; inoltre è un materiale antiossidante e facile da disinfettare.

I laminati ad alta pressione sono formati da diversi strati di carta kraft impregnati con resine termoindurenti e compattati grazie all’azione unita di calore (140/150 °C) e alta pressione (per circa 40/50 minuti).

Il risultato è un materiale dalle sorprendenti qualità, sempre più scelto e utilizzato da architetti e designer, e particolarmente adatto per realizzare e rivestire bagni grazie alle sue caratteristiche di impermeabilità, antibattericità e facilità di pulizia, fondamentali per una corretta igiene.

Le principali qualità del laminato stratificato (HPL) sono:
  • elevata igienicità e antibattericità;
  • facile da pulire e disinfettare;
  • qualità estetica e personalizzazione di colori e finiture;
  • durata nel tempo;
  • antiossidante.

Caratteristiche e vantaggi di HPL

Un’azienda veronese, Ges Group, realizza pareti modulari con pannelli in laminato stratificato (HPL) dello spessore di 14 mm con bordi smussati e angoli arrotondati, fissati su una catena superiore di irrigidimento in tubolare di alluminio anodizzato argento del diametro di 35 mm e posati a terra con piedini di sollevamento in acciaio inox e nylon grigio.

Le cerniere in alluminio anodizzato sono integrate nello spessore del laminato. In alcuni modelli di pareti modulari è garantita la massima complanarità frontale grazie ai profili di battuta ammortizzanti e la chiusura automatica della porta con le cerniere auto-chiudenti e auto-lubrificanti.

I principali vantaggi delle pareti modulari in HPL sono:

  • rapidità della posa in opera;
  • facilità di montaggio/smontaggio;
  • semplificazione della pulizia;
  • assenza di manutenzione;
  • riduzione costi di trasporto;
  • riduzione ferramenta;
  • sanificabilità;
  • robustezza e inalterabilità dei materiali;
  • ottimo design ed eleganza.

Tipologie di pareti modulari

Ecco alcuni esempi di tipologie di pareti modulari prodotte da Ges Group.

pareti modulari
pareti modulari ag/s
pareti modulati gf/s
pannelli orinatori in hpl
pannelli hpl

Schema tipo di posa in opera delle pareti modulari in HPL

Schematicamente, ecco le 5 fasi di cantiere per installare e posare le pareti modulari in HPL.

FASE 1: 

Ancoraggio profili a “U”

ancoraggio profili

FASE 2:

Installazione di pannelli divisori a muro

installazione pannelli hpl

FASE 3:

Installazione pannelli frontali su pannelli divisori

installazione pannelli frontali su divisori

FASE 4:

Installazione catena superiore di irrigidimento

installazione catena superiore

FASE 5:

Posa delle porte di ingresso ai singoli box e fissaggio a terra dei piedini di sollevamento

posa delle porte di ingresso

Caratteristiche pareti modulari standard in HPL

ELEMENTI
DIVISORI DEI BOX

Codice

Descrizione

Caratteristiche
tecniche

02G.3

Parete modulare prefabbricata soluzione solo divisori

Pannelli ancorati al muro con profilo in alluminio anodizzato per
realizzare le pareti frontali

PARETI
FRONTALI MODULARI

Codice

Descrizione

Caratteristiche
tecniche

02AG.4-S

Soluzioni con frontalini e porte da fissare a muratura esistente o
pannelli esistenti

Piedini e morsetti in acciaio inox
Cerniere in nylon grigio
Catena tubolare in alluminio anodizzato argento diam. 35 mm

02G.4-S

Soluzione con frontalini e porte da fissare a muratura esistente o
pannelli esistenti

Piedini, morsetti e cerniere in nylon grigio
Catena tubolare in alluminio anodizzato argento diam. 35 mm

02GD.4-S

Soluzione con frontalini e porte da fissare a muratura esistente o
pannelli esistenti e superiore catena ad incastro tipo “H”

Piedini e cerniere in nylon grigio
Profilo di giunzione superiore ad incastro tipo “H”
Profili laterali in alluminio anodizzato argento
Policarbonato a soffitto

02GF.4-S

Soluzione con frontalini e porte da fissare a muratura esistente o
pannelli esistenti e superiore catena ad incastro tipo “C”

Piedini e cerniere in nylon grigio
Catena a incastro tipo “C”
Accessori in alluminio anodizzato argento e nylon colore grigio

02GE.4-S

Soluzione con frontalini e porte da fissare a muratura esistente o
pannelli esistenti e superiore catena ad incastro tipo “Omega”

Piedini e cerniere in nylon grigio
Catena a incastro tipo “Omega” in alluminio anodizzato argento

02ALGF.4-S

Soluzione con frontalini e porte da fissare a muratura esistente o
pannelli esistenti e superiore catena ad incastro tipo “C”

Piedini in nylon grigio
Cerniere in alluminio anodizzato
Catena a incastro tipo “C” in alluminio anodizzato argento

02ALGE.4-S

Soluzione con frontalini e porte da fissare a muratura esistente o
pannelli esistenti e superiore catena ad incastro tipo “Omega”

Piedini in nylon grigio
Cerniere in alluminio anodizzato
Catena a incastro tipo “Omega” in alluminio anodizzato argento

02ALG.4-TS

Soluzione con frontalini e porte da fissare a muratura esistente o
pannelli esistenti e superiore incastro con maschiatura o con inserimento di
piattina in alluminio

Piedini in nylon grigio
Cerniere in alluminio anodizzato
Sopraluce con incastro con maschiatura o con inserimento di piattina
in alluminio

ELEMENTI
DIVISORI DEI BOX KINDER

Codice

Descrizione

Caratteristiche
tecniche

02GK.3

Parete modulare prefabbricata soluzione solo divisori

Pannelli ancorati al muro con profilo in alluminio anodizzato per
realizzare le pareti frontali

PARETI
FRONTALI MODULARI KINDER

Codice

Descrizione

Caratteristiche
tecniche

02GK.4-F

Soluzione con frontalini e porte a filo da fissare a muratura
esistente o a pannelli esistenti

Piedini in nylon grigio
Cerniere in alluminio anodizzato

02GK.4-T

Soluzione con frontalini e porte tonde da fissare a muratura
esistente o a pannelli esistenti

Piedini in nylon grigio
Cerniere in alluminio anodizzato

02GK.4-A

Soluzione con frontalini e porte sagomate da fissare a muratura
esistente o a pannelli esistenti

Piedini in nylon grigio
Cerniere in alluminio anodizzato
Catena ad incastro tipo “C” in alluminio anodizzato argento

Pannelli di rivestimento a parete in HPL (schiene): tipologie e caratteristiche

Esistono poi due tipologie di pannelli di rivestimento a parete (schiene) in HPL che si differenziano a loro volta in altre due tipologie che si distinguono in base alla modalità di fissaggio e montaggio.

Queste due tipologie sono:

  • 02.14R: ancoraggio dei pannelli divisori direttamente a muro in profilo in alluminio a “U”. Sul divisorio fissaggio di due profili in alluminio a “L” 30×30 sui quali andranno ancorate le schiene in HPL con viti autofilettanti.
profilo alluminio a u
  • 02.14R: ancoraggio a murature esistenti di controtelaio in listelli di legno o in tubolare quadro di alluminio in base al tipo di ambiente. Fatto questo si procede all’applicazione di adeguate colle in senso verticale sui pannelli schiena che verranno poi applicati al controtelaio. Deve essere garantito un buon ricircolo d’aria per fa durare più a lungo le colle; questa tipologia di montaggio non consente l’ispezionabilità degli impianti retrostanti.
ancoraggio a murature esistenti di controtelaio
  • 02.14PT: ancoraggio a murature esistenti di strisce orizzontali in laminato, composte da asolature con ribasso necessarie per poter gestire la messa in bolla di tali fasce. Tali strisce saranno tagliate a 45° sul lato posto verso l’alto e l’incastro dei due tagli a 45° contrapposti bloccherà le schiene alla struttura retrostante.
ancoraggio a murature esistenti di strisce orizzontali
  • 02.14PT: ancoraggio a murature esistenti di profilo in alluminio a “U”; dietro a questo profilo andranno inseriti gli eventuali spessori necessari per creare un piano di lavoro continuo perfetto ed in bolla. Sui pannelli schiena verranno installati dei ganci in plastica denominati “EH” che andranno ad incastrarsi con il profilo in alluminio ad “U” precedentemente fissato.
ancoraggio a murature esistenti di profilo in alluminio a "U"

Lavabi in HPL

Ges Group produce lavabi in HPL resistenti, robusti, facili da pulire e inalterabili nel tempo, utilizzabili nei bagni pubblici di scuole, ospedali, aziende, strutture turistiche, etc. che elenchiamo di seguito, dove per ogni modello si possono scaricare le schede tecniche direttamente dal sito. Sono disponibili singolarmente o su piano e i loro punti di forza sono: modularità, componibilità e design.

Ecco alcuni esempi.

pltop a
top co
lavapiatti hpl
LAVAPANNI PLTOP LB

Lavabi Premium

La serie di lavabi premium è disegnata da Roberto e Alfredo Garbugli.

Si tratta di lavabi realizzati in solid surface, un materiale estremamente compatto, robusto e lavorabile senza alcun interstizio e assicurano un elevato grado di inalterabilità nel tempo ed estrema facilità di pulizia.

I modelli attualmente presenti sono 4:

  1. BISEL
  2. TOVEL
  3. STAIRS
  4. DROP
lavabi-Bisel-lavabi premium-solid surface-Ges Group
Lavabi Premium serie BISEL by Ges Group
lavabi-Tovel-lavabi premium-solid surface-Ges Group
Lavabi Premium serie TOVEL by Ges Group
lavabi-Stairs-lavabi premium-solid surface-Ges Group
Lavabi Premium serie STAIRS by Ges Group
avabi-Drop-lavabi premium-solid surface-Ges Group
Lavabi Premium serie DROP by Ges Group
Leggi di più anche sugli armadietti in HPL.
Condividi l'articolo:
WhatsApp
Facebook
Twitter
LinkedIn
0 0 votes
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
0
Puoi lasciare un tuo commentox