edilizia-in-un-click logo

Portale edilizia

Indice

Riscaldamento a pavimento: caratteristiche, pro e contro

Indice

Uno dei modi migliori e più efficaci per riscaldare la propria abitazione è
quello di utilizzare un impianto di riscaldamento a pavimento. Questo
impianto infatti è in grado di coniugare benessere, tecnologia e
risparmio energetico. Vediamo quali sono i pro e i contro di questo impianto e perchè conviene
sceglierlo.

riscaldamento a pavimento
Riscaldamento a pavimento (foto di krenok43 – Fonte:pixabay.com)

Cos’è e come funziona il riscaldamento a pavimento

Il riscaldamento a pavimento è un sistema innovativo (anche se esiste
ormai da diversi anni) ed efficiente per
riscaldare e raffrescare l’abitazione. Negli ultimi anni il riscaldamento a pavimento si è evoluto
sempre di più con risultati sempre migliori e ad oggi è la soluzione migliore
per ottenere calore, comfort e risparmio. Il riscaldamento a pavimento ha
ormai soppiantato i
tradizionali termosifoni ingombranti e a volte brutti da vedere, e sono ideali sia per le
ristrutturazioni che per le nuove costruzioni.

L’impianto a pannelli radianti per il riscaldamento a pavimento viene
di solito abbinato ad una
caldaia a condensazione
ad alta efficienza energetica o meglio ancora con una pompa di calore,
ma anche ai pannelli fotovoltaici. E’ un impianto insomma che consente
maggiori prestazioni energetiche e bassi consumi lavorando a basse
temperature. Basti pensare che ce un impianto termico tradizionale con
termosifoni lavora con temperature che arrivano a 70 gradi con il riscaldamento
a pavimento si lavora a temperature che arrivano a 30 gradi centigradi. Il
principio molto semplice è quello che il calore viene distribuito
nell’ambiente attraverso delle serpentine dove scorre l’acqua riscaldata e
diffonde il calore per irraggiamento e non per convenzione. La
soluzione ideale poi + quella di utilizzare il riscaldamento a pavimento con
il
parquet in legno. 

Come si fa il montaggio di un impianto di riscaldamento a pavimento

Vediamo in questo video come viene posato e montato un impianto di
riscaldamento a pavimento con la sua serpentina.

Quando conviene mettere il riscaldamento a pavimento?

Immaginiamo che più di qualcuno si sia posta la questione di quando sia il
momento migliore per installare un impianto di riscaldamento a pavimento.
Ovvio che in caso di realizzazione di una nuova costruzione il
riscladamento a pavimento
è certamente la soluzione ottimale. E’ altrettanto conveniente optare per
questo tipo di impianto anche nel caso di una ristrutturazione
importante.

Ricordiamo a tal proposito che rispetto a qualche anno fa in cui le
serpentine venivano annegate nel massetto
con conseguenti lavori e
opere murarie, oggi questo sistema viene posato a secco e può esser eposato addirittura
sopra un pavimento esiestente. In questo modo oltre a rinnovare l’abitazione
dal punto di vista estetico la rendiamo migliore anche da quello
energetico.

Quali sono i vantaggi del riscaldamento a pavimento

Uno dei principali miti da sfatare è che il pavimento diventa eccessivamente
caldo e quindi renda impossibile camminarci sopra. Questo è ovviamente falso e
anzi non si percepirà mai un pavimento troppo caldo ne troppo freddo. In
realtà sono molti i vantaggi del riscaldamento a pavimento, alcuni li
abbiamo già detti, ma facciamo comunque un elenco dei principali vantaggi
confrontato con un impianto di tipo tradizionale:

  • garantisce una distribuzione omogenea del calore,
  • impedisce la proliferazione di muffe e batteri,
  • lavora a basse temperature e consente di avere un risparmio energetico ed
    economico,
  • si installa facilemente,
  • è adatto sia per le residenze che per negozi e uffici,
  • oltre a riscaldare è in grado anche di raffrescare,
  • lavora bene con caldaie a condensazione o pompe di calore per una migliore
    efficienza energetica,
  • ideale pe rla salute perchè non muove nell’aria polvere e non annerisce le
    pareti,
  • elimina l’ingombro fisico dei termosifoni, perfetto ad esempio per piccoli
    appartamenti dove lo spazio è prezioso,
  • questa soluzione permette di usufruire degli incentivi statali,
  • massimo comfort con consumi minimi.

Svantaggi riscaldamento a pavimento

Come si può notare i vantaggi che riguardano l’installazione di un impianto di
questo tipo sono davvero moltissimi. Se invece vogliamo parlare degli
svantaggi in realtà non c’è molto da dire. In particolare uno svantaggio se
così si può dire è dato dal fatto che un
impianto di riscaldamento a pavimento
ha un costo iniziale maggiore di quello con termosifoni. Questo è
sicuramente vero ma è altrettanto vero che possiamo accedere agli incentivi e
che il risparmio effettivo in bolletta ci farà recuperare bene presto i soldi
spesi e in breve guadagnarci sopra.

Un altro svantaggio più importante è quello della manodopera e che se succede
un guasto bisogna innanzitutto rivolgersi ad un esperto ma probabilmente
bisogna rompere il pavimento, a meno che non si sia posato un sistema a secco.

Quali sono i pavimenti più adatti

Come accennato in precedenza il riscaldamento a pavimento si adatta bene con
qualsiasi tipo di materiale per la pavimentazione. Diciamo però che i
materiali con cui “lavora” meglio sono il parquet in grado di
trattenere il calore per molto tempo, oppure il gres porcellanato come ad
esempio il
gres porcellanato effetto legno. Sono questi solitamente i due materiali maggiormente utilizzati quando si
installa un impianto di questo tipo.

caldaia a condensazione
Caldaia a condensazione Vaillant
scopri su amazon

LEGGI ANCHE: 

Condividi l'articolo:
WhatsApp
Facebook
Twitter
LinkedIn
0 0 votes
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
accordo quadro
Appalti
Manuel Binotto

Accordo quadro e convenzione

Gli accordi quadro e le convenzioni sono strumenti fondamentali negli appalti pubblici, utilizzati per semplificare e ottimizzare le procedure di approvvigionamento di beni e servizi.

Leggi Tutto »
Resta aggiornato, iscriviti alla nostra newsletter
Articoli Recenti
0
Puoi lasciare un tuo commentox