edilizia-in-un-click logo

Portale edilizia

Indice

Scarpe antinfortunistiche: quali scegliere

Indice


Il corretto abbigliamento è, in edilizia come in ogni altra attività
lavorativa, un fattore di primaria importanza per la sicurezza.

Le scarpe antinfortunistiche sono un DPI (dispositivo di protezione
individuale) obbligatori per certe categorie di lavoratori sottoposti a lavori
con un certo grado di pericolo. Ovviamente le scarpe antinfortunistiche non
sono tutte uguali e noi cercheremo di capire quale sia il modello più adatto
alle tue esigenze.

scarpe antinfortunistiche
Scarpe da lavoro antinfortunistiche (foto di sferrario 1968 – Fonte:
pixabay.com)

Perchè è importante indossare le scarpe antinfortunistiche da lavoro

Le attività connesse con la costruzione sono caratterizzate da un’elevata
incidenza degli infortuni sul lavoro. Basti pensare che si registrano
ogni anno decine di incidenti mortali e migliaia di casi di invalidità.

Sono molte le cause e le ragioni di questo grave problema, non ultima
l’insufficiente informazione sulle procedure che il buon senso prima ancore
delle normative impone. E’ quindi fondamentale che gli addetti ai lavori
abbiano e utilizzino correttamente i
dispositivi di protezione individuale (DPI) ai fini della loro
sicurezza, e che i tecnici con funzione di
coordinatore della sicurezza e i datori di lavoro conoscano i propri doveri e responsabilità e sappiano
favorire lo sviluppo tra le maestranze di comportamenti adeguati per tutelare
la propria incolumità e quella altrui.

Cosa sono i DPI

I DPI sono i dispositivi di protezione individuale, cioè come dice il
nome stesso sono dei dispositivi che consentono di proteggere la persona da
pericoli derivanti da abrasioni, schiacciamenti, graffi, urti e tutto quello
che in qualche modo può provocare un danno fisico permanente o temporaneo. Tra
i vari DPI troviamo indumenti, caschi, guanti, occhiali protettivi, e
ovviamente anche le scarpe antinfortunistica. 

Tali dispositivi di protezione e sicurezza devono possedere i necessari
requisiti di resistenza e di idoneità ed essere mantenuti in buono stato di
conservazione. I dispositivi di protezione individuale si dividono nelle
seguenti categorie:

  • Protezione del capo: casco;
  • Protezione delle mani: guanti;
  • Protezione dei piedi: scarpe antinfortunistiche;
  • Protezione degli occhi e del volto: occhiali protettivi e maschere;
  • Protezione contro i rumori e scuotimenti: cuffie e tappi per le
    orecchie;
  • Protezione delle vie respiratorie: mascherine respiratorie per
    proteggere dalla polvere;
  • Indumenti di protezione contro le intemperie;
  • Attrezzature di protezione anticaduta: imbraghi e
    linee vita
    ;
  • Protezione dell’epidermide.

A cosa servono le scarpe antinfortunistiche

Le scarpe antinfortunistica sono dispositivi di protezione individuale
che servono quindi a tutelare e a prevenire i pericoli derivanti dai vari tipi
di lavorazioni. Sono calzature resistenti e adatte alla particolare natura del
rischio (ustione, causticazione, punture, schiacciamento, etc.).Il
cantiere edile
ad esempio è un luogo molto pericoloso in cui l’osservanza della normativa in
tema di sicurezza e l’adozione di tutti dei vari
dispositivi di sicurezza oltre a essere obbligatori per legge è
fondamentale per non incorrere in incidenti.

Vediamo in questa tabella quali sono le attività e i settori per i quali può
rendersi necessario l’utilizzo delle scarpe antinfortunistica.

Protezione del piede

Scarpe di sicurezza con suola imperforabile

·
Lavori di rustico, di genio civile e di lavori stradali;

·
Lavori su impalcatura;

·
Demolizione di rustici;

·
Lavori in calcestruzzo e in elementi prefabbricati con montaggio e
smontaggio di armature;

·
Lavori in cantieri edili e in aree di deposito;

·
Lavori su tetti.

Scarpe di sicurezza senza suola imperforabile

·
Lavori su ponti d’acciaio, opere edili in strutture di grande
altezza, piloni, torri, ascensori e montacarichi, costruzioni
idrauliche in acciaio, altiforni, acciaierie, laminatoi, grandi
contenitori, grandi condotte, gru, caldaie e impianti elettrici;

·
Costruzioni di forni, installazione di impianti di riscaldamento e
di aerazione, nonché montaggio di costruzioni metalliche;

·
Lavori di trasformazione e di manutenzione;

·
Lavori in altiforni, impianti di riduzione diretta, acciaierie e
laminatoi, stabilimenti metallurgici, impianti di fucinatura a
maglio e a stampo, impianti di pressatura a caldo e di trafilatura;

·
Lavori in cave di pietra, miniere, cave a cielo aperto e rimozione
di discarica;

·
Lavorazione di finitura di pietre;

·
Produzione di vetri piani e di vetri cavi, nonché lavorazione e
finitura;

·
Manipolazione di stampi nell’industria della ceramica;

·
Lavori di rivestimenti in prossimità del forno dell’industria della
ceramica;

·
Lavori nell’industria della ceramica pesante e nell’industria dei
materiali da costruzione;

·
Movimentazione e stoccaggio;

·
Manipolazione di blocchi di carni surgelate e di contenitori
metallici di conserve;

·
Costruzioni navali;

·
Smistamento ferroviario.

Scarpe di sicurezza con tacco e con suola continua e con suola
imperforabile.

·
Lavori sui tetti

Scarpe di sicurezza con intersuola termoisolante

·
Attività su e con masse molto fredde o ardenti.

Scarpe di sicurezza a slacciamento rapido.

·
In caso di rischio di penetrazione di masse incandescenti fuse.

Chi le deve indossare

Ovviamente le scarpe antinfortunistiche devono essere indossate da
tutti quei soggetti che svolgono lavori pericolosi e che sono a rischio
infortunio. L’Italia ha regolamentato la
tutela alla salute e alla sicurezza sul lavoro con norme di carattere
generale e con altre specifiche, rivolte a tutelare particolari tipi di
attività lavorative, o a scongiurare particolari forme di pericolo verso la
sicurezza o la salute.

Ma le scarpe antinfounistica dovrebbero e devono essere indossate per esempio
anche per chi decide di fare dei lavori fai da te a casa. Per tutti gli
amanti del bricolage e del fai da te infatti che si mettono a fare lavorett in
casa dovrebbero dotarsi delle scarpe antinfortunistiche, come anche di
guanti e occhiali protettivi. Gli incident infatti non succedono solamente in
fabbrica o in cantiere ma anche a casa, soprattutto se si maneggiano certi
attrezzi potenzialemnte pericolosi.

Quali sono le migliori scarpe antinfortunstiche

Non è possibile dare una risposta a questa domanda, nel senso che in comemrcio
ci sono moltissimi modelli di scarpe antinfortunistica ognuna con delle
caratteristiche specifiche e particolari. Tutte le scarpe di questa
categoria devono rispondere ai determinati requisiti previsti per legge.
Generalmente sono scarpe basse, robuste, con suola rigida e rinforo sulla
punta del piede e fatte con pellami ressitenti.

I colori e i modelli sono abbsatanza indifferenti l’importante è utilizzare la
scarpa giusta in base al tipo di lavorazione come abbiamo visto sulla tabella
in alto. Ricordiamo che anche per chi si appresta a fare dei lavoretti di casa
con il fai da te dovrebbe munirsi di questi
dispositivi di protezione individuale.

Di seguito proponiamo alcuni modelli:

scarpa antinfortunistica-sparco
Sparco, scarpa antinfortunistica da lavoro
scopri su amazon
————————————————————-
scarpe antinfortunistica-black hammer
Sparco, scarpa antinfortunistica leggere uomo
con puntale in
acciaio
scopri su amazon
———————————————————-
scarpe antinfortunistiche-diadora
Scarpe da lavoro Unisex Diadora
scopri su amazon
———————————————————–
scarpe antinfortunistica-u power
Scarpe antinfortunistiche con suola
Infinergy U-Power
scopri su amazon
Condividi l'articolo:
WhatsApp
Facebook
Twitter
LinkedIn
0 0 votes
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
staggia
Edilizia
Giovanni Breda

Staggia: cos’è e a cosa serve

La staggia (o stadia) è uno strumento molto importante e anche molto antico utilizzato dai muratori per livellare massetti e pavimenti e renderli perfettamente piani

Leggi Tutto »
0
Puoi lasciare un tuo commentox