edilizia-in-un-click logo

Portale edilizia

Indice

Scolo acque piovane nel giardino del vicino

Indice

Chiunque abiti in condominio o ha dei vicini sa cosa vuol dire essere in buoni o cattivi rapporti. Molto spesso purtroppo capita di essere in cattivi rapporti oppure ogni occasione è buona per esserlo, per esempio quando si tratta di scolo acque piovane nel giardino del vicino. Il Codice Civile regola i rapporti di vicinato anche per quanto riguarda lo scolo delle acque piovane nel giardino del vicino. Vediamo perché lo scolo dell’acqua piovana non può avvenire nel giardino del vicino e cosa si rischia.

scolo-acqua piovana nel giardino
Scolo acqua piovana nel giardino del vicino (foto di manfredrichter – Fonte: https://pixabay.com)

Scolo acque piovane nel giardino del vicino: tipologie

Innanzitutto a livello giuridico dobbiamo fare una distinzione fra due tipologie di scolo acque piovane nel giardino del vicino:

  • scolo delle acque naturale: sono i casi in cui l’opera dell’uomo non ha interessato il deflusso delle acque piovane, per esempio quando due fondi si trovano a quote diverse e l’acqua proveniente dal fondo A (a quota maggiore) scola verso il fondo B (posto più in basso). Se non ci sono opere dell’uomo il proprietario del fondo B non può impedire il deflusso naturale dell’acqua. In questo caso si fa riferimento all’art. 913 del Codice Civile che ammette lo scolo delle acque piovane nel giardino del vicino a condizione però di non aggravarlo;
  • scolo derivato dall’opera dell’uomo detto stillicidio: in questo caso si fa riferimento all’art. 908 del Codice Civile che vieta assolutamente lo scolo delle acque piovane nel giardino del vicino, e il divieto riguarda le coperture ma anche tutte le costruzioni. Se esistono delle fognature pubbliche, le acque del tetto di A devono essere convogliate e allacciate alla fognatura senza passare per il giardino di B.

Cosa dice il Codice Civile e cosa si rischia

In riferimento a quanto detto prima il Codice Civile obbliga il proprietario a costruire i tetti con i canali di gronda e i pluviali in modo che lo scolo acque piovane cada sul suo giardino e non sul giardino del vicino, per poi essere convogliati nei pubblici canali di raccolta delle acque piovane. 

La Normativa obbliga quindi il proprietario del fondo A il divieto di realizzare ogni manufatto che modifichi il deflusso naturale delle acque nel giardino del vicino e legittima, quindi, il vicino a fare opere per il ripristino dello stato naturale dei luoghi senza modificare il deflusso naturale delle acque, ma soltanto quelle che alterino apprezzabilmente tale deflusso, rendendo più gravosa la condizione dell’uno o dell’altro fondo.
Al vicino in questione è consentita l’esecuzione di opere idonee a rendere meno gravosi gli scoli di acqua che arrivano sul suo giardino dal fondo del vicino, purché dette opere non ostacolino e non alterino il normale deflusso delle acque.

Condividi l'articolo:
WhatsApp
Facebook
Twitter
LinkedIn
0 0 votes
Article Rating
guest
5 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Anonimo
Anonimo
1 anno fa

Se scaricava già nel fondo del vicino quando ho comperato la casa

Anonimo
Anonimo
1 anno fa

Io sto in un borgo e la mia abitazione è infondo…essendoci una piazza dove consente il passaggio di auto si è formata una pozza di acqua quando piove ..il mio vicino dice che l'acqua va in discesa…ma non credo sia giusto che io devo prendere l'acqua piovana di tutta la piazza solo perché ho il giardino? Per legge ognuno deve prendere la propria acqua?

Giovanni Breda
1 anno fa

Buongiorno, se non ho capito male in questo caso lo scolo dell'acqua avviene in modo naturale e quindi al vicino non si può imputare nessuna colpa. Il problema qui è della piazza comunale e in questo caso le consiglio di rivolgersi in Comune e far presente questo problema affinchè sistemino la piazza.

Marco
Marco
1 anno fa

Buonasera nel mio caso, subisco lo scolo di acqua piovana da entrambi i vicini. Ho acquistato casa due anni fa e pian piano sto conoscendo il giardino (la casa è costruita su un lotto di 1800m2). La casa si trova alla fine di una pendenza sx e quasi alla fine di una pendenza da dx. Il problema che ho riscontrato non è con i proprietari laterali, ma bensì quelli superiori. Ai lati della mia proprietà ci sono a sx un varco creato che far defluire l'acqua del vicino superiore (oltre al buco nel muro è stato creato un piccolo scivolo di cemento per farla defluire ancora meglio), nel lato dx il vicino superiore ha creato un vero e proprio canale artificiale che sversa nel terreno accanto al mio(è un terreno non edificio ed inutilizzato), facendo defluire una grande quantità di acqua. Entrambi i confinanti superiori si trovano ad un altezza maggiore della mia. Il problema è che causa passaggio importante di questa acqua, il muro di confine comincia ad avere crepe importanti, ed inoltre nel lato dx infiltrazioni di acqua passano nel mio viale carrabile (si vede il viale asciutto e solo delle linee di infiltrazioni bagnate, inoltre la colonna in cemento armato del cancello automatico comincia a cedere, sempre causa infiltrazioni (crepe e sprofondamenti). Come devo comportarmi?
Grazie

Giovanni Breda
1 anno fa

Buongiorno, la cosa che le consiglierei di fare è parlare con i suoi vicini restando in buoni rapporti e capire come risolvere il problema assieme. Nel caso è meglio contattate un'impresa o un tecnico (geometra o architetto) per gestire le pendenze ed evitare danni e problemi. Nel caso di danni subiti se è chiaro che provengono da lavori fatti dal vicino dovrebbe ripristinare la situazione a sue spese ma capisco che a volte tra vicini ci possano essere dei problemi.

5
0
Puoi lasciare un tuo commentox