edilizia-in-un-click logo

Portale edilizia

Indice

Stabilizzazione a calce

Indice

Stabilizzazione a calce: cos’è e come funziona


La stabilizzazione a calce del terreno viene effettuata per incrementare il livello di resistenza e di portanza di un terreno. Scopriamo cos’è e come funziona la stabilizzazione a calce…

 
stabilizzazione-a-calce
Pavimento in calce per la stabilizzazione (foto di dododod – Fonte: https://pixabay.com)

Che cos’è la stabilizzazione a calce?

La stabilizzazione a calce è un trattamento che  permette di rendere “stabile nel tempo” un terreno argilloso o limoso. In questo modo è possibile utilizzare questi terreni, altrimenti instabili, per lavori edili in quanto dopo questo processo diventano insensibili alle azioni dell’acqua ed alle azioni del gelo-disgelo, e il terreno diventa “consolidato” in grado così di supportare i futuri carichi sovrastanti.

La stabilizzazione a calce di un terreno argilloso o limoso significa miscelare uniformemente il terreno con l’aggiunta di una adeguata percentuale di calce aumentando così le caratteristiche meccaniche e il livello di resistenza del terreno sottoposto a questo trattamento.

Dove viene applicata la stabilizzazione a calce

Come abbiamo visto la stabilizzazione a calce si applica quando bisogna consolidare terreni prevalentemente argillosi per ottenere piani di posa e/o rilevati con elevate capacità portanti. Di fatto questo trattamento sostituisce il metodo tradizionale che prevede l’asportazione del materiale instabile con del materiale ghiaioso più stabile, con ottimi risultati tecnici ed economici. In questo modo, con una semplice mossa si possono rendere portanti terreni per formare piani di posa per strade, ferrovie, piste ciclabili, parcheggi, etc.

Processo di realizzazione della stabilizzazione a calce

Prima di procedere alla stabilizzazione del terreno a calce in via preliminare è necessario fare le opportune verifiche e prove di laboratorio sul terreno da trattare al fine di stabilire i parametri e la percentuale di legnate da usare. Fatte queste verifiche preliminari si procede alla stesa della calce con conseguente miscelazione col terreno e il costipamento attraverso i corretti macchinari di cantiere. Questi macchinari sono la stabilizzatrice, lo spandi calce a dosaggio regolabile, rulli a piastre vibranti e i rulli gommati. In casi particolari se serve viene aggiunta anche l’acqua in funzione della percentuale di umidità presente in loco. La calce se ben stesa rende immediatamente il terreno stabile e percorribile da qualsiasi mezzo.

Vantaggi dell’uso della stabilizzazione a calce

Il processo di stabilizzazione a calce del terreno è un metodo che ha diversi vantaggi:
  • riduzione dell’indice di plasticità e di rigonfiamento;
  • aumento del grado di lavorabilità delle terre fini plastiche:
  • aumento della resistenza all’erosione ed all’azione gelo-disgelo e della capacità portante a breve e a lungo termine;
  • eliminazione di possibile contaminazione dello strato trattato;
  • indurimento del terreno lento, graduale e costante dato dallo svilupparsi delle reazioni pozzolaniche cementanti nei minerali argillosi e nei componenti silicei presenti nelle terre;
  • più veloce ed economico rispetto al metodo tradizionale.
Condividi l'articolo:
WhatsApp
Facebook
Twitter
LinkedIn
0 0 votes
Article Rating
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
staggia
Edilizia
Giovanni Breda

Staggia: cos’è e a cosa serve

La staggia (o stadia) è uno strumento molto importante e anche molto antico utilizzato dai muratori per livellare massetti e pavimenti e renderli perfettamente piani

Leggi Tutto »
0
Puoi lasciare un tuo commentox