Comunicazione ENEA quando serve

Comunicazione ENEA: quando serve?

Ogni volta che si eseguono lavori di ristrutturazione che comportino un miglioramento dell'efficienza energetica dell'edificio o vengono installati impianti che utilizzano energia pulita da fonti rinnovabili bisogna presentare entro 90 giorni dalla fine lavori la comunicazione ENEA per accedere all'Ecobonus e alle detrazioni fiscali del 50 o 65 %. La comunicazione ENEA deve essere obbligatoriamente inviata per via telematica attraverso il portale dell'ENEA allegando i vari documenti richiesti è deve essere fatta dal privato cittadino che eventualmente, se non sa come si fa, può delegare al professionista (architetto o geometra) che segue i lavori di ristrutturazione.


ENEA-logo-detrazioni fiscali
Logo Enea (immagine di ENEA - Fonte: https://commons.wikimedia.org)


Cos’è la comunicazione ENEA

La comunicazione ENEA quindi è una procedura online da fare solo ed esclusivamente accedendo al portale ENEA (Agenzia Nazionale per le nuove tecnologie energia sviluppo economico sostenibile) una volta terminati i lavori ed entro 90 giorni per richiedere la detrazione fiscale ai fini dell'Irpef durante la dichiarazione dei redditi. Nel portale ENEA sono esattamente indicati quali sono le tipologie di lavoro cui è necessaria fare la comunicazione ENEA, quali sono le percentuali di detrazione e quali sono i documenti necessari per richiederla. La comunicazione ENEA è obbligatoria e deve essere fatta dal cittadino che esegue i lavori che migliorano in qualche modo l'efficienza energetica dell'edificio ma se non riesce a farla perchè non sa usare il computer o non se la sente può delegare qualcuno al posto suo; il caso tipico è che l'architetto che segue i lavori e tutte le pratiche (Permesso di Costruire, catasto, etc.) segue anche la comunicazione ENEA. Fare la documentazione ENEA non è difficile basta solamente entrare nel sito dell''ENEA  ed avere tutta la documentazione in regola con le ricevute e le fatture dei lavori eseguiti.

Come funziona la comunicazione ENEA

Come abbiamo detto per ottenere le detrazioni fiscali ai fini della dichiarazione dei redditi IRPEF è obbligatorio entrare nel sito www.enea.it, presentare la documentazione ENEA e una volta terminata la procedura (che prevede la compilazione e la trasmissione online) stampare e conservare la ricevuta. 
La documentazione ENEA deve essere presentata entro 90 giorni dalla data di collaudo e fine lavori e può anche essere modificata in caso di errori nella compilazione; in questo caso deve essere presentata entro la scadenza per la presentazione della dichiarazione dei redditi. Per i lavori di ristrutturazione la comunicazione ENEA va allegata assieme alla APE (Attestato di Prestazione Energetica) per verificare che l'edificio è conforme ai requisiti tecnici richiesti e quindi per poter usufruire dell'Ecobonus e delle  detrazioni fiscali.


Comunicazione ENEA ristrutturazione: quando è obbligatoria e elenco lavori

La comunicazione ENEA è obbligatoria per i seguenti interventi edilizi e tecnologici:

1) strutture edilizie:
  • riduzione della trasmittanza delle pareti verticali che delimitano gli ambienti riscaldati dall’ esterno, dai vani freddi e dal terreno; 
  • riduzione delle trasmittanze delle strutture opache orizzontali e inclinate (coperture) che delimitano gli ambienti riscaldati dall’esterno e dai vani freddi;  
  • riduzione della trasmittanza termica dei Pavimenti che delimitano gli ambienti riscaldati dall’esterno, dai vani freddi e dal terreno

2) infissi:
  • riduzione della trasmittanza dei serramenti comprensivi di infissi che delimitano gli ambienti riscaldati dall’esterno e dai vani freddi

3) Impianti tecnologici:
  • installazione di collettori solari (solare termico) per la produzione di acqua calda sanitaria e/o il riscaldamento degli ambienti; 
  • sostituzione di generatori di calore con caldaie a condensazione per il riscaldamento degli ambienti (con o senza produzione di acqua calda sanitaria) o per la sola produzione di acqua calda per una pluralità di utenze ed eventuale adeguamento dell’impianto; 
  • sostituzione di generatori con generatori di calore ad aria a condensazione ed eventuale adeguamento dell’impianto; 
  • pompe di calore per climatizzazione degli ambienti ed eventuale adeguamento dell’impianto;
  • sistemi ibridi (caldaia a condensazione e pompa di calore) ed eventuale adeguamento dell’impianto; 
  • microcogeneratori (Pe<50kWe); 
  • caldacqua a pompa di calore; 
  • generatori di calore a biomassa; 
  • installazione di sistemi di contabilizzazione del calore negli impianti centralizzati per una pluralità di utenze; 
  • installazione di sistemi di termoregolazione e building automation; 
  • installazione di impianti fotovoltaici

Percentuali di detrazione fiscale

In caso di ristrutturazione di un immobile, riqualificazione, sostituzione di impianti termini (caldaia, impianto solare, ecc.), hai diritto a una detrazione fiscale che, in base al lavoro eseguito, è pari al 50% o al 60%. Vediamo assieme quali sono questi lavori:

Detrazione del 50%:

Serramenti, porte esterne e interne, persiane, infissi
  • Caldaia a condensazione (classe A) o a biomassa
  • Schermatura solare

Detrazione del 65%
  • Caldaia a condensazione (Classe A+)
  • Generatore di aria calda a condensazione
  • Pompa di calore
  • Scaldacqua a pompa di calore
  • Coibentazione per isolare l’immobile
  • Pannello solare
  • Microgeneratore
  • Generatore ibrido
  • Sistema domotico di building automation
Vi consigliamo comunque di consultare il sito dell'ENEA in quanto aggiornano continuamente tipi di lavori per cui presentare la domanda e le percentuali di detrazione, che tendono ad allargarsi e ad aumentare sempre più in questo si cerca di spingere e incentivare il mercato delle energie rinnovabili e la riqualificazione energetica degli edifici.


Nessun commento

Se avete dubbi domande o consigli scriveteci.

Starbuild.it. Powered by Blogger.