Comunicazione ENEA quando serve

Comunicazione ENEA: quando serve?

Tra gli oneri previsti per la fruizione dell’Ecobonus e del Bonus Ristrutturazioni edilizie, c’è la comunicazione ENEA. La comunicazione ENEA è una procedura online obbligatoria per chi intende avvalersi e sfruttare le detrazioni Ecobonus e Bonus Ristrutturazioni. In questo articolo vediamo cos’è la comunicazione  ENEA e come funziona, quali sono termini e scadenze di presentazione, a quale percentuale di detrazione fiscale hai diritto.

comunicazione-enea
Logo ENEA (Fonte: www.informazionefiscale.it/)


Con la pubblicazione online del sito per l’invio della comunicazione ENEA sui lavori di ristrutturazione effettuati, è stata messa a disposizione degli utenti anche la guida che chiarisce quando è obbligatorio l’invio dei documenti.

Cos’è la comunicazione ENEA

È la procedura online di invio di documentazione all’ENEA (Agenzia Nazionale per le nuove tecnologie energia sviluppo economico sostenibile), documentazione necessaria per usufruire delle detrazioni fiscali in caso di ristrutturazione edilizia.

Se quindi stai ristrutturando casa e desideri usufruire delle detrazioni fiscali IRPEF, devi andare sul sito dell’Enea e fare questa dichiarazione, tramite l’applicativo web messo a disposizione dell’Agenzia. Tra i documenti necessari per l’invio ci sono:



Come funziona la comunicazione ENEA

Se stai effettuando lavori di ristrutturazione, sappi che puoi usufruire di alcune agevolazioni fiscali: nello specifico, in fase di dichiarazione dei redditi, puoi ottenere una detrazione fiscale IRPEF su tutti gli interventi di ristrutturazione o sostituzione di infissi e/o caldaia.

La comunicazione ENEA funziona così:

  • La comunicazione ENEA deve essere compilata e trasmessa online tramite il sito ufficiale (https://detrazionifiscali.enea.it); 
  • La comunicazione ENEA è obbligatoria e deve essere effettuata entro 90 giorni dalla fine dei lavori e del cosiddetto collaudo, della scheda informativa contenente la sintesi degli stessi lavori;
  • In caso di ritardo od omessa comunicazione, la violazione può comunque essere sanata;
  • L’avvenuta comunicazione online è tra i documenti richiesti per beneficiare dell’Ecobonus e bonus ristrutturazioni, insieme all’asseverazione che attesta che l’intervento realizzato è conforme ai requisiti tecnici richiesti e all’attestato di certificazione energetica;
  • La comunicazione ENEA una volta presentata può essere rettificata in caso di errori anche dopo la scadenza del termine previsto per il suo invio;
  • La comunicazione rettificata deve però essere inviata entro il termine di presentazione della dichiarazione dei redditi nella quale la spesa può essere portata in detrazione.


Comunicazione ENEA ristrutturazione: quando è obbligatoria e elenco lavori

La trasmissione dei dati all’ENEA è obbligatoria per i seguenti interventi edilizi e tecnologici:

1) strutture edilizie:

  • riduzione della trasmittanza delle pareti verticali che delimitano gli ambienti riscaldati dall’ esterno, dai vani freddi e dal terreno; 
  • riduzione delle trasmittanze delle strutture opache orizzontali e inclinate (coperture) che delimitano gli ambienti riscaldati dall’esterno e dai vani freddi;  
  • riduzione della trasmittanza termica dei Pavimenti che delimitano gli ambienti riscaldati dall’esterno, dai vani freddi e dal terreno


2) infissi:

  • riduzione della trasmittanza dei serramenti comprensivi di infissi che delimitano gli ambienti riscaldati dall’esterno e dai vani freddi


3) Impianti tecnologici:

  • installazione di collettori solari (solare termico) per la produzione di acqua calda sanitaria e/o il riscaldamento degli ambienti; 
  • sostituzione di generatori di calore con caldaie a condensazione per il riscaldamento degli ambienti (con o senza produzione di acqua calda sanitaria) o per la sola produzione di acqua calda per una pluralità di utenze ed eventuale adeguamento dell’impianto; 
  • sostituzione di generatori con generatori di calore ad aria a condensazione ed eventuale adeguamento dell’impianto; 
  • pompe di calore per climatizzazione degli ambienti ed eventuale adeguamento dell’impianto;
  • sistemi ibridi (caldaia a condensazione e pompa di calore) ed eventuale adeguamento dell’impianto; 
  • microcogeneratori (Pe<50kWe); 
  • caldacqua a pompa di calore; 
  • generatori di calore a biomassa; 
  • installazione di sistemi di contabilizzazione del calore negli impianti centralizzati per una pluralità di utenze; 
  • installazione di sistemi di termoregolazione e building automation; • 
  • installazione di impianti fotovoltaici


Percentuali di detrazione fiscale

In caso di ristrutturazione di un immobile, riqualificazione, sostituzione di impianti termini (caldaia, impianto solare, ecc.), hai diritto a una detrazione fiscale che, in base al lavoro eseguito, è pari al 50% o al 60%. Ecco di seguito una tabella indicante tutte le percentuali di detrazione fiscale previste per ogni tipologia di lavoro:
detrazione del 50%:

Serramenti, porte esterne e interne, persiane, infissi

  • Caldaia a condensazione (classe A) o a biomassa
  • Schermatura solare


Detrazione del 65%

  • Caldaia a condensazione (Classe A+)
  • Generatore di aria calda a condensazione
  • Pompa di calore
  • Scaldacqua a pompa di calore
  • Coibentazione per isolare l’immobile
  • Pannello solare
  • Microgeneratore
  • Generatore ibrido
  • Sistema domotico di building automation


Nessun commento

Starbuild.it. Powered by Blogger.